Rafinha, l'Inter vuole dimezzare il prezzo del riscatto

I nerazzurri vogliono riscattare il brasiliano: pronta offerta al Barça di 18-20 milioni

  • A
  • A
  • A

Ci ha messo pochi mesi a incantare i tifosi e a convincere i dirigenti dell'Inter a riscattarlo. Rafinha è una delle poche note liete di questa seconda parte di stagione dei nerazzurri, la cui speranza di 4° posto è appesa a un filo davvero sottile. Ausilio volerà a Barcellona per discutere del riscatto: troppi i 38 mln dell'accordo di gennaio, il ds ha pronta un'offerta da 18-20. In caso di no, c'è l'ipotesi di un altro prestito annuale.

Sono giorni decisivi per il futuro di Rafinha Alcantara. Arrivato a gennaio dal Barcellona dove aveva giocato spiccioli di minuti nell'ultimo anno per via degli infortuni, il centrocampista brasiliano si è rigenerato in nerazzurro dopo aver pian piano ritrovato la condizione migliore. La grande prova contro la Juventus, secondo quanto riporta il 'Mundo Deportivo', avrebbe fatto rompere gli indugi ai nerazzurri convinti al 100% di riscattarlo dal Barcellona.

Il problema (non da poco) è legato alla situazione economica dell'Inter, davvero precaria e acuita dalla quasi certezza di non partecipare alla prossima Champions League. Senza i 40 milioni garantiti dalla coppa più prestigiosa, i nerazzurri dovranno per forza di cose sacrificare (almeno) un big per rientrare nei paletti del Fair play finanziario, autentica spada di Damocle sulla testa di Ausilio e collaboratori.

Anche il calciatore sarebbe felice di proseguire la sua avventura a Milano, ma il prezzo del riscatto fissato a gennaio a 35 milioni più 3 di bonus è fuori dalla portata dei milanesi. Ausilio spera di convincere il Barcellona mettendo sul piatto 18-20 milioni per l'intero cartellino e, in alternativa, giocarsi la carta di un nuovo prestito annuale. Insomma, la palla è in mano al Barcellona che è alla ricerca di contanti per finanziare il sempre più probabile acquisto di Griezmann.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments