LO SCENARIO

Ibra, stipendio ridotto ma non troppo: ora tutto dipende da Elliott

Volato a Montecarlo insieme a Donnarumma per discutere del suo futuro con Raiola, l'attaccante svedese è disposto a rinunciare a una parte del salario

  • A
  • A
  • A

Gli indizi social sono chiari; Ibra vuole continuare a giocare e vuole farlo nel Milan. Dopo il viaggio a Montecarlo, insieme a Donnarumma, per parlare di un possibile futuro rossonero con Raiola, è atteso l'incontro decisivo tra l'agente e la società, previsto la prossima settimana. L'attaccante svedese è disposto a concedere uno sconto alla dirigenza rossonera: da 6 milioni annuali può scendere a 5. Una cifra comunque alta per gli standard di Elliott.

E' spuntata, nelle ultime ore, anche un'ipotesi suggestiva: spalmare l'ingaggio annuale da 6 milioni su due stagioni in modo da garantire allo svedese un biennale. Una possibilità che andrebbe bene al giocatore ma non alla società che non ha intenzione di prolungare per più di una stagione il rapporto con un attaccante di 38 anni, per quanto portati benissimo. Tutto dipenderà, insomma, dall'imminente incontro tra Raiola e i vertici rossoneri. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments