• SPORTMEDIASET »
  • TENNIS »
  • Il ritorno, vincente, di Serena Williams: "Sono un po' arrugginita"
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Il ritorno, vincente, di Serena Williams: "Sono un po' arrugginita"

"È stato incredibile". Questo il primo commento di Serena Williams rientrata vittoriosamente nel tour a Indian Wells, in California. L'ex numero uno del mondo, senza ranking perché ferma da oltre un anno per maternità (il successo su Venus nella finale degli Australian Open 2017 era il suo ultimo match disputato), ha sconfitto per 7-5 6-3, in poco più di un'ora e mezza di partita, la kazaka Zarina Diyas, numero 53 Wta, confermando l'esito dei due precedenti confronti. "Non è stato affatto semplice - ha detto Serena - anche se l'avevo già affrontata un paio di volte ed avevo sempre vinto in due set -. Sono un po' arrugginita ma non importa. Sono qui soltanto per fare il meglio che posso".

>
Neymar e Mbappé ko

Neymar e Mbappé ko

Psg, doppio infortunio in Nazionale

Italia-Usa, invasione di campo e abbracci

Italia, invasione di campo

Tifoso entra in campo e abbraccia gli azzurri

Italia-Usa 1-0: Mancini ringrazia Politano

Italia, ci pensa Politano

Gli azzurri battono gli Usa a Genk

Test MotoGp a Valencia: Viñales il più veloce

MotoGP, i test a Valencia

Primo contatto per Jorge Lorenzo con la Honda

Battesimo Aprilia-Iannone: la MotoGP versione 2019

Battesimo Aprilia-Iannone

Test di Valencia: ecco i piloti che hanno cambiato moto

Test MotoGP, ecco la Honda di Lorenzo

La prima volta di Lorenzo sulla Honda

Primo giorno da pilota Honda per Jorge a Valencia

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

GT3 Junior Program a Vallelunga: un posto per quattro

Mercato Inter, Marotta sfida la Juve: sette nomi nel mirino

Inter, da Andersen a Tonali: Marotta sfida la Juve

L'ex bianconero sarà nominato a.d. dei nerazzurri, nel mirino anche Martial, Rabiot e Milinkovic-Savic

Il derby è Guerra Fredda

Il derby è Guerra Fredda

Murale a Milano: Gattuso l'americano e Spalletti il cinese