Motogp

Silverstone, il mondiale è "diabolico"