La Var fallisce, la moviola di Sarri con il pc

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

In Inghilterra devono ancora prendere confidenza con la Var e a farne le spese, questa volta, è stato il Chelsea di Maurizio Sarri nel derby contro il Tottenham. La tecnologia è intervenuta per assegnare il rigore agli Spurs per il fallo di Kepa su Kane, ma non si è accorta della posizione irregolare di fuorigioco dell'attaccante inglese a inizio azione. Colpa della telecamera posizionata malissimo, mentre l'ex allenatore del Napoli si è presentato davanti ai giornalisti con il pc in mano e il fermo immagine corretto. Kane, infatti, con metà corpo era oltre la linea dei difensori Blues e il rigore non andava assegnato. Dove la Var fallisce, c'è Maurizio Sarri.

>
Palermo-Brescia, pari all'ultimo respiro

Palermo-Brescia, pari all'ultimo respiro

Scontro al vertice della Serie B in un Barbera pieno

Serie A, Juve-Frosinone 3-0: le foto

Juve, tris al Frosinone

Ci pensano Dybala, Bonucci e CR7: 3-0

Formula, anzi F... ootball E

Formula, anzi F... ootball E

Massa e Da Costa si esibiscono con i palleggi, mentre Buemi...

Milan, ecco la nuova maglia: Puma punta sulle strisce sottili

Milan, ecco la nuova maglia per l'anno prossimo

Il sito Footy Headlines anticipa la nuova divisa rossonera per la prossima stagione

Formula E, arriva la nuova safety car

Formula E, arriva la nuova safety car

Svelata la livrea della BMW i8 Coupé

Via i veli alla SF90: è una Rossa del Diavolo...

Via i veli alla SF90: è una Rossa del Diavolo...

Ecco la nuova macchina di Vettel e Leclerc: aggressiva e con evidenti inserti neri

I giornali: 15 febbraio

I giornali: 15 febbraio

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Napoli, ottavi in cassaforte

Napoli, ottavi in cassaforte

Gli azzurri ipotecano la qualificazione di Europa League passando 3-1 a Zurigo

Scontro con De Vrij: Sonnleitner è una maschera di sangue

Scontro con De Vrij: Sonnleitner è una maschera di sangue

Brutto taglio per il difensore del Rapid contro l'olandese dell'Inter: necessari i punti di sutura in campo