IN FRANCIA

Mobilize, il futuro elettrico di Renault

Come illustrato dall'amministratore delegato Luca De Meo è sempre più elettrica e condivisa la visione dell'auto della Casa francese

  • A
  • A
  • A

La sorellina della Twizi è solo uno dei segnali di quanto Renault punti sulla mobilità elettrica. Si chiama  EZ-1 Prototype ed è il frutto della Business Unit della Casa francese che va sotto il nome di  Mobilize, con l’intento di dare una nuova spinta allo sviluppo del car sharing. Già che l'obiettivo del Gruppo Renault è quello di raggiungere zero emissioni aumentando il valore dell'economia circolare.

Un'importante declinazione della sfida è - come si legge sull'Ansa - quella di ridurre la differenza tra l'utilizzo e il costo del veicolo quando le auto restano inutilizzati per il 90% del tempo o, ancora, migliorare il valore residuo per evitare che un'auto di deprezzi del 50% dopo tre anni.

Per quanto riguarda Mobilize EZ-1 Prototype, lunga 2,3 metri, gli utenti pagheranno solo per l'utilizzo che ne faranno, in base a criteri di tempo o chilometraggio. Non ci saranno chiavi ma verrà fatto tutto via smartphone

E' dotata di un innovativo sistema di cambio della batteria, e quest'alternativa alle infrastrutture di ricarica tradizionali consente l'utilizzo non stop del veicolo. È prodotta al 50% con materiali riciclati e, a fine vita, sarà riciclabile al 95% grazie agli impianti della Re-Factory del Gruppo Renault a Flins.

Mobilize potrà proporre diversi modelli ad hoc, modulari, robusti, 100% elettrici e progettati per un uso intensivo, che risponderanno alle nuove esigenze della mobilità per essere utilizzati su percorsi con conducente, col car sharing, per le consegne dell'ultimo miglio e ancora per trasporti on demand.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments