HomeHome

Milan, settimana di passione

In un vortice di Rumors, il Milan prepara la trasferta di Ferrara: sarà la domenica del destino, i rossoneri devono vincere e sperare. Da Lunedì news su tutto: società, allenatore e mercato

di PIETRO BALZANO PROTA
Milan, settimana di passione

Come sempre quando ci si avvicina ad una sfida fondamentale in casa Milan succede un po' di tutto: dalla Spagna la notizia ripresa poi in Italia (e smentita ufficiosamente dal Milan) di possibili dimissioni di Leonardo, poi le voci sul futuro di Donnarumma dovute ad un interesse (concreto e reale) del Psg, i rumors sul prossimo allenatore e un pizzico di Uefa e il gioco è fatto.

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza, per quanto possibile: dal Milan continuano le smentite sul "caso Leonardo", ovviamente la volontà è quella di tenere l'ambiente tranquillo fino a domenica, poi si saprà. Diciamo che il sentore che qualcosa non sia andato secondo i piani c'è e che da un lato troviamo un ad che - incaricato dalla proprietà - deve gestire il Milan nella maniera migliore e dall'altro Leo che vorrebbe una maggiore libertà operativa. Presto sapremo come finirà, ma ho sempre ripetuto che per giudicare l'operato di un Direttore Sportivo servono almeno 2 anni, perchè costruire una squadra non è mai cosa facile, anche se la sensazione è che se davvero dovessero interrompersi i rapporti non sarà per un discorso tecnico, ma proprio di ruoli e posizioni. E non solo. Nel mentre arrivano conferme da Parigi, i francesi sarebbero pronti a mettere sul piatto un'offerta tra i 55 e i 60 milioni per Gigio Donnarumma, ma da qui al Milan e al portiere che decidono di accettare....ne passa. Sull'allenatore preferiamo rimandare al post Spal, mentre sulla questione FFP possiamo dirvi che a breve ci saranno novità, nei prossimi giorni ci sarà un incontro di Gazidis (che ripetiamo per l'ennesima volta, non è un mostro cattivo che lavora per indebolire il Milan..) con l'Uefa e potrebbero arrivare le prime risposte concrete, il Milan poi in base al piazzamento (Champions o Europa League) deciderà quale strategia attuare.

Solo problemi? Meglio!
Il Milan di quest'anno  si è spesso nutrito di difficoltà, quando tutti lo davano per morto in un modo o nell'altro ha trovato le energie per resuscitare. Infondo, dipende sempre da quale punto di vista si guardano le cose: se è vero che i rossoneri sono stati al terzo posto con un enorme vantaggio sull'Atalanta, c'è anche da dire che dopo la pesante sconfitta di Torino nessuno avrebbe giocato nemmeno un Euro sui rossoneri ancora in corsa per la Champions all'ultima di campionato.  Sarà una domenica Thriller, cuore in campo e testa che per forza di cose sarà divisa tra San Siro e la sfida tra Atalanta e Sassuolo.  Alla fine da una certa prospettiva possiamo dire che in un modo o nell'altro il Milan obbliga orobici e Inter ad un solo risultato, la vittoria.

Quindi vincere con la Spal e sperare in Ciccio Caputo o Mister De Zerbi. Gattuso si affiderà ai suoi fedelissimi e al fato, da lunedì poi si scopriranno le carte su tutto: società, allenatore, uefa, mercato... futuro.