TORINO-SASSUOLO 3-2

Serie A, Torino-Sassuolo 3-2: Zaza firma la rimonta nel recupero

Berardi porta avanti i neroverdi con una doppietta, poi la squadra di Nicola ribalta tutto grazie alla punta granata e a Mandragora

di
  • A
  • A
  • A

Nel recupero della 24esima giornata di Serie A il Torino batte il Sassuolo 3-2 al termine di una partita spettacolare e ricca di occasioni. All'Olimpico una doppietta di Berardi (6' e 38') porta avanti i neroverdi e Consigli respinge la reazione granata, poi la squadra di Nicola nella ripresa ribalta il risultato nel recupero grazie a Zaza (77' e 92') e Mandragora (87'). 

LA PARTITA
Il Sassuolo dura un tempo e poi crolla dicendo addio ai sogni europei. Dopo una prima frazione giocata a buon ritmo e chiusa in vantaggio grazie a due reti di Berardi, è infatti il Torino a portare a casa i tre punti con una rimonta pazzesca. A decidere il match è Zaza nel recupero, ma è la prova di squadra dei granata ad affondare i neroverdi, troppo remissivi e incapaci di chiudere il match nonostante le tante occasioni. Tradito dai cambi e da un vistoso calo fisico, De Zerbi fallisce dunque una grande chance per accorciare sulla Lazio, regalando la scena a un Toro scatenato negli ultimi venti minuti. Scatenato sia fisicamente, sia mentalmente per la prima vittoria casalinga dell'anno (non vinceva a Torino dal 16 luglio 2020) e per la lotta salvezza. 

All'Olimpico Nicola ritrova Belotti dall'inizio e lo piazza accanto a Sanabria con Ansaldi e Murru sugli esterni. Nel solito 4-2-3-1 di De Zerbi dietro a Caputo ci sono invece Berardi, Defrel e Djuricic con Magnanelli e Obiang davanti alla difesa e Locatelli in panchina. Scelte per dare più peso all'attacco da una parte e fare un po' di turnover dall'altra. Con punti pesanti in palio l'avvio del match è al trotto. A caccia del possesso, il Sassuolo prende in mano la gara col giropalla manovrando da dietro e allargando il gioco sugli esterni. Il Toro invece aspetta e riparte appoggiandosi alle punte. Tema tattico che mette subito la gara sui binari neroverdi. A sbloccare il risultato, dopo una bella giocata di Caputo, ci pensa Berardi con un sinistro preciso in area. Guizzo che rompe l'equilibrio e costringe i granata ad aumentare i giri. In pressione la squadra di Nicola spinge sugli esterni e costringe Consigli agli straordinari. Attento e reattivo, il numero 47 neroverde prima si oppone a Mandragora, poi respinge al mittente i tentativi di testa di Murru e Sanabria. Occasioni che tengono il match in bilico e trasformano la gara in un continuo botta e risposta. Ordinato e più tecnico, il Sassuolo prova ad abbassare il ritmo a centrocampo, accelerando poi le giocate nello stretto sulla trequarti e attaccando la profondità con tanti uomini. Meno brillante tra le linee il Torino invece replica cercando le sponde di Belotti in profondità e le incursioni di Ansaldi e Murru. Da una parte Rincon spara alto da buona posizione e Lyanco non trova la porta dopo una percussione centrale. Dall'altra invece il Sassuolo non perdona e raddoppia i conti ancora Berardi, bravo ad andare a bersaglio con un sinistro al volo con la complicità di Rincon, Sanabria e Sirigu. Bis che pesa sul parziale, allunga le squadre e infiamma il finale del primo tempo. Lanciato a rete, Berardi sfiora il tris in contropiede in un paio di occasioni, poi Caputo manca l'appuntamento col gol. In mezzo Belotti prima impegna Consigli e poi ci prova dal limite con un bel sinistro al volo e in rovesciata. 
 
La ripresa si apre con l'ingresso in campo di Vojvoda, Verdi e Gojak e col Toro che alza il baricentro. Atteggiamento che da una parte dà più peso all'azione offensiva, ma dall'altra presta il fianco anche alle ripartenze neroverdi. Djuricic fallisce un paio di occasioni importanti, poi tocca ancora a Consigli respingere l'assalto guidato da Mandragora e Verdi. Tentativi a vuoto che aumentano la pressione granata e trasformano l'ultima mezz'ora in un continuo capovolgimento di fronti. Ferrari salva sulla linea un colpo di testa di Izzo, poi Caputo spreca un paio di chance in contropiede. Errori che tengono il Toro in partita e avviano il forcing della squadra di Nicola. In pressione, i granata spingono e accorciano le distanze con Zaza. Rete che riapre il match e cambia la partita. Sulle gambe e in difficoltà, il Sassuolo infatti arretra e va in tilt. Il Torino invece aggredisce alto e attacca a testa bassa. Tema tattico che nel finale concretizza la rimonta granata. A pareggiare i conti ci pensa Mandragora dopo una respinta corta di Consigli, poi ancora Zaza si fa trovare pronto di testa nel recupero su perfetto assist di Ansaldi per il colpo del ko. Il Toro incassa tre punti e scavalca il Cagliari in classifica, il Sassuolo invece spreca tutto e fallisce l'occasione di rientrare in zona Europa League.
 

LE PAGELLE
Berardi 7,5: tecnica e corsa al servizio della squadra. Prezioso nelle ripartenze e quando c'è da far valere la qualità sulla trequarti. Firma una slendida doppietta col suo sinistro magico
Consigli 6,5: attento tra i pali e preciso nelle uscite. Para tutto il parabile, poi deve inchinarsi nella ripresa di fronte al calo neroverde e alla pressione granata
Djuricic 5: gioca con pulizia sulla trequarti, ma non trova lo spazio e il tempo giusto per far male in area. Poco lucido sottoporta come Caputo 
Belotti 6,5: solita prova generosa. Corre, lotta e prova a colpire in ogni modo. Nella ripresa, con pochi allenamenti nelle gambe, cala fisicamente
Lukic 5: non brilla e arranca in mediana. Quando attacca il Sassuolo va a mille e fatica a coprire e a farsi trovare tra le linee per impostare le ripartenze. Sostituito nell'intervallo
Mandragora 7: è il più lucido e attivo nella mediana granata. Gestisce bene il traffico, fcendosi sempre trovare pronto a rimorchio. Pareggia i conti avviando la rimonta
Zaza 7,5: entra e il Toro cambia faccia. Cattivo e deciso sottoporta. Decide la gara nel recupero con una doppietta pesantissima per la salvezza
 

IL TABELLINO
TORINO-SASSUOLO 3-2
Torino (3-5-2): Sirigu 6; Izzo 6, Lyanco 5,5, Bremer 6 (12' st Gojak 6); Ansaldi 6,5, Rincon 5,5 (27' Zaza 7,5), Mandragora 7, Lukic 5 (1' st Verdi 6), Murru 6 (1' st Vojvoda 6); Sanabria 5,5, Belotti 6,5 (42' st Bonazzoli sv). 
A disp.: Ujkani, Milinkovic-Savic, Rodriguez, Singo, Linetty, Buongiorno. All.: Nicola 7
Sassuolo (4-2-3-1): Consigli 6,5; Toljan 5,5, Marlon 5, Ferrari 6,5, Rogerio 5,5; Obiang 6, Magnanelli 6 (16' st Locatelli 5,5); Berardi 7,5 (31' st Peluso sv), Defrel 5,5 (16' st Traore 5), Djuricic 5 (16' st Boga 5); Caputo 5,5.
A disp.: Pegolo, Ayhan, Maxime Lopez, Muldur, Raspadori, Chiriches, Haraslin, Kyriakopoulos. All.: De Zerbi 5,5
Arbitro: Mariani 
Marcatori: 6' Berardi (S), 38' Berardi (S), 32' st Zaza (T), 41' st Mandragora (T), 47' st Zaza (T)
Ammoniti: Sanabria (T); Defrel, Toljan (S)
Espulsi: -


LE STATISTICHE
- Il Torino non vinceva una partita di Serie A dopo essere stato in svantaggio di due gol dal 1983, contro la Juventus (938 partite da allora).
- Questa è la terza volta nel 2021 che il Torino recupera due gol di svantaggio (vs Benevento e Atalanta le altre) – tanti recuperi quanti dal 2012 in avanti in Serie A.
- Simone Zaza è il secondo subentrato a realizzare due gol in una partita di questo campionato – il primo è stato Cristiano Ronaldo contro lo Spezia.
- Simone Zaza ha partecipato ad almeno un gol in tutte le sue quattro sfide contro il Sassuolo con la maglia del Torino in Serie A (quattro reti e un assist).
- Il Sassuolo è la vittima preferita di Simone Zaza con la maglia del Torino: quattro reti per lui contro i neroverdi.
- Domenico Berardi non realizzava una doppietta in Serie A da settembre 2019 contro la Roma.
- Il Sassuolo non segnava due gol in trasferta nel primo tempo da luglio 2020 in Serie A, contro la Fiorentina.
- 10 volte un giocatore del Sassuolo è andato in doppia cifra di gol in una stagione di Serie A, quattro di queste è stato Domenico Berardi.
- Il Sassuolo ha segnato otto gol nei primi 15 minuti di gioco in questo campionato, meno solamente di Roma (nove) e Lazio (10).
- Tre degli otto gol del Sassuolo segnati nei primi 15 minuti di gioco in questo campionato portano la firma di Domenico Berardi.
- Quello di oggi, arrivato dopo 5 minuti e 27 secondi è il secondo gol più veloce di Domenico Berardi in Serie A, dopo quello contro il Genoa nel maggio 2015 segnato dopo 2 minuti e 47 secondi.
- Dopo aver segnato un gol in otto sfide contro il Torino in Serie A, Domenico Berardi ha realizzato quattro reti nelle ultime cinque partite contro i granata.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments