LAZIO-SASSUOLO 2-1

Serie A, Lazio-Sassuolo 2-1: Immobile ribalta De Zerbi e avvicina la Champions

Milinkovic e la Scarpa d'Oro ribaltano il vantaggio di Caputo, il quarto posto è lontano due punti

  • A
  • A
  • A

La Lazio chiude il girone di andata battendo in rimonta il Sassuolo 2-1, vincendo la quarta partita consecutiva e avvicinando la zona Champions League, che adesso dista solo due punti. Primo tempo scoppiettante all’Olimpico, dove il Sassuolo passa subito grazie al gol di Caputo (6’) a cui risponde a metà primo tempo il colpo di testa di Milinkovic-Savic. Nella ripresa meglio per lunghi tratti i neroverdi, ma il solito Immobile ribalta la partita a metà secondo tempo e supera Sivori nella classifica dei bomber all time in Serie A. Per la squadra di De Zerbi, raggiunta dal Verona, solo un punto nelle ultime tre partite.

LA PARTITA
Inzaghi
scioglie il dubbio Correa-Caicedo e lancia l'argentino dal 1’ come partner di Immobile, mentre dietro conferma il trio Patric-Acerbi-Radu con Reina che riprende il suo posto tra i pali. Lazzari e Marusic sono gli esterni, Akpa-Akpro prende il posto di Luis Alberto ancora fuori dopo essere stato operato d'urgenza di appendicite. De Zerbi recupera Boga, che però parte dalla panchina, e dà fiducia a Traorè sulla sinistra con Defrel e Djuricic a completare la batteria dei trequartisti dietro a Caputo. Locatelli e Obiang, che rientra dalla squalifica, riprendono il loro posto in mezzo al campo, mentre MUldUr e Rogerio agiscono sulla linea dei terzini.

Partenza molto aggressiva della Lazio, che pressa per impedire la costruzione col portiere al Sassuolo ma si alza troppo, si scopre e rischia subito sull’incursione di Traorè su cui esce bene Reina (3’). Le accelerazioni in fase di costruzione della squadra di De Zerbi mettono in difficoltà i biancocelesti e alla terza occasione il Sassuolo passa: Traorè ispira e Djuricic serve a Caputo un pallone che l’attaccante non può sbagliare. La Lazio reagisce subito con Marusic (13’), poi col passare dei minuti alza il proprio baricentro, diventa più pericolosa e trova il pari con un gran colpo di testa di Milinkovic-Savic dopo una bella occasione sciupata da Correa (25’). Anche dopo aver raggiunto il pareggio la Lazio continua a fare un pressing molto offensivo e arriva spesso al tiro, pur senza impensierire davvero Consigli, mentre il Sassuolo si difende con ordine e prova a ripartire sfruttando la qualità dei suoi esterni. Sul tiro di Immobile parato facilmente da Consigli si chiude un primo tempo molto vivace e divertente.

La ripresa si apre con Haraslin al posto di Defrel e col Sassuolo che fa possesso palla prolungato in mezzo al campo e si rende due volte pericoloso dalle parti di Reina pur senza costringere lo spagnolo a grandi parate. La Lazio risponde affidandosi alla qualità di Milinkovic-Savic, che detta i ritmi del centrocampo e prova a inventare per le punte, ma la squadra di Inzaghi fatica a trovare sbocchi sugli esterni e a far male alla difesa neroverde. Il tecnico biancoceleste prova a dare la scossa inserendo Parolo e Caicedo per Akpa-Akpro e Correa (67’) e ottiene subito quanto sperato perché tre minuti dopo Marusic sfonda a sinistra e serve il pallone del 2-1 a Immobile, che realizza con freddezza e fa 150 in carriera in Serie A (superato Omar Sivori). La Scarpa d’Oro in carica avrebbe anche l’occasione per il tris ma la spreca, poco dopo De Zerbi inserisce Boga e Lopez per l’assalto finale (76’). Le squadre si allungano e la partita resta in bilico fino all’ultimo, Inzaghi inserisce anche Muriqi per tenere alta la squadra, Escalante fallisce il match point, ma al fischio finale il tecnico può festeggiare comunque la quarta vittoria consecutiva in campionato. Il quarto posto che vuol dire Champions adesso dista solo due punti.

LE PAGELLE
Milinkovic-Savic 7,5 –
Con Luis Alberto out si prende sulle spalle l’intero centrocampo biancoceleste, detta i ritmi alla squadra ed è sempre tra i più pericolosi. Impreziosisce un’ottima partita col gol del pari
Lazzari 5,5 – Ben contenuto dalla difesa neroverde, fatica a scatenare la sua corsa e non si rende mai pericoloso. Lontano parente del Lazzari ammirato nel derby, viene sostituito nel finale.
Immobile 7 – Il solito bomber letale. Nel primo tempo sembra meno a suo agio con Correa, poi entra Caicedo e alla prima occasione decide la partita: 150esimo gol in A, superato Omar Sivori.
Caputo 6,5 – Torna al gol dopo pochissimi minuti e poi ci prova per tutta la gara ma senza riuscire a graffiare più.
Defrel 5 – Sostituito dopo un primo tempo anonimo in cui non riesce mai a lasciare il segno
Djuricic 6,5 – Tra i più positivi della prima frazione, serve l’assist a Caputo poi piano piano cala col passare dei minuti. 

IL TABELLINO
LAZIO-SASSUOLO 2-1
LAZIO (3-5-2):
Reina 6; Patric 5.5 (22’st Parolo 6), Acerbi 6, Radu 6; Lazzari 5,5 (31’st Lulic 6), Milinkovic-Savic 7,5, Lucas Leiva 5,5 (31’st Escalante 5,5), Akpa Akpro 5,5, Marusic 6,5; Correa 6,5 (22’st Caicedo 6), Immobile 7 (40’st Muriqi sv). A disp: Alia, Armini, Hoedt, Lulic, Fares, Czyz, Escalante, Parolo, Furlanetto, Pereira, Muriqi, Caicedo. All. Inzaghi

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli 6,5; Muldur 6 (45’st Raspadori sv), Marlon 5,5, Ferrari 5,5, Rogerio 6; Obiang 5,5 (31’st Lopez 7), Locatelli 6; Defrel 5 (1’st Haraslin 6), Djuricic 6,5, Traorè 5,5 (31’st Boga 6); Caputo 6,5. A disp: Pegolo, Turati, Tolijan, Peluso, Kyriakopoulos, Oddei, Magnanelli, Lopez, Haraslin, Raspadori, Boga. All. De Zerbi

Marcatori: 6’pt Caputo, 25’pt Milinkovic-Savic, 25’st Immobile
Arbitro: Giuia
Ammoniti: Patric, Leiva (L), Marlon, Obiang, Ferrari (S)
Espulsi:

LE STATISTICHE
La Lazio ha ottenuto quattro successi di fila in Serie A per la prima volta da febbraio 2020.
Il Sassuolo ha registrato almeno tre sconfitte esterne consecutive in Serie A per la prima volta da settembre 2019.
A partire da inizio novembre, Ciro Immobile ha segnato in 11 partite di Serie A: più di qualsiasi giocatore nei top-5 campionati europei nel periodo (secondo è Lewandowski in gol per 10 gare).
Immobile ha superato Omar Sivori ed è ora 28º in solitudine nella classifica all-time per reti realizzate in Serie A (148).
Sergej Milinkovic-Savic ha realizzato 10 gol di testa in Serie A dal suo esordio nella competizione nel 2015/16: si tratta del centrocampista che ha segnato di più con questo fondamentale nel periodo.
Solo Inter (10) e Milan (sette) hanno segnato più gol di testa della Lazio (sei) in questo campionato.
Il Sassuolo ha chiuso il proprio girone d’andata più prolificio in termini di reti (32) in Serie A.
Francesco Caputo ha disputato oggi la sua 100ª gara in Serie A.
Tra i giocatori italiani che hanno esordito in Serie A nell'era dei tre punti a vittoria, solo quattro hanno tagliato il traguardo delle 100 presenze nella competizione con più reti all'attivo di Caputo (45): Montella (64), Hübner (59), Filippo Inzaghi (54) e Balotelli (46).
Quello di Caputo è il gol più rapido realizzato dal Sassuolo in Serie A contro la Lazio (dopo 5 minuti e 54 secondi).
Il gol di Caputo è il più rapido subito dalla Lazio in una gara casalinga di campionato dalla rete di Musa Barrow a maggio 2018 con la maglia dell'Atalanta.
Il 50% degli assist serviti da Filip Djuricic in Serie A con la maglia del Sassuolo sono stati per una rete di Caputo (quattro su otto).
Il Sassuolo ha trovato il gol con l’unico tiro nello specchio effettuato nell’incontro.
Sia Marlon Santos che Hamed Junior Traore hanno registrato la loro 50ª presenza con la maglia del Sassuolo in tutte le competizioni.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments