Milan ok con Silva: 3-2 al Chievo

Rimonta subita e controrimonta per i rossoneri. Quinta vittoria consecutiva, in gol anche Çalhanoglu e Cutrone

di
  • A
  • A
  • A

Gol ed emozioni a San Siro dove il Milan ha rimontato il Chievo fino al 3-2 finale, raccogliendo la quinta vittoria consecutiva in Serie A e consolidando il sesto posto. Rossoneri avanti al 10' con Çalhanoglu, ma rimontati nel giro di un minuto tra il 33' e il 34' con l'uno-due firmato Stepinski e Inglese (eurogol). Nella ripresa per gli uomini di Gattuso trovano i gol vittoria con Cutrone e André Silva. Nel finale Kessie sbaglia un rigore.

Evidentemente l'incantesimo che ha rovinato l'inizio italiano di André Silva si è rotto. Anzi, l'azione decisiva che ha portato al 3-2 contro il Chievo è il segnale che il vento che soffia alle spalle del pupillo di Cristiano Ronaldo è cambiato, nella sorte e negli episodi. Due gol in Serie A per il portoghese, entrambi da subentrato e trasformati in sei punti d'oro per la classifica del Milan che, pur soffrendo oltremodo contro i clivensi, alla fine ha trovato la quinta vittoria consecutiva con un 3-2 pieno di emozioni.

Il sesto posto è consolidato così come il fiato sul collo perenne di chi precede i rossoneri, ma i tre punti ottenuti contro la squadra di Maran e strappati subendo una rimonta e firmando la controrimonta, sono un nuovo premio per Gattuso. Se la sua squadra ha avuto il carattere di non abbattersi neppure dopo aver subito due gol in un minuto alle prime vere occasioni per l'avversario, è anche merito della mentalità e della voglia di combattere su ogni centimetro che lui stesso ha saputo tramandare. Il resto lo dicono gli episodi, più o meno fortunati. Del resto l'audacia dimostrata sul 2-2 di inserire André Silva per un terzino e affidarsi a un 3-3-4 più che offensivo ha meritato quel pizzico di buona sorte che nel rimpallo sugli sviluppi da corner ha liberato proprio il portoghese a tu per tu con Sorrentino.

Prima la sfida si era giocata su binari piuttosto chiari. Con un buon inizio per piglio e personalità il Milan ha trovato il vantaggio già al 10' sfruttando l'asse di destra Suso-Kessie, con il pallone finito sul destro di Çalhanoglu freddo a infilare l'angolino per il primo gol a San Siro della stagione (il secondo su tre in campionato contro il Chievo). Avanti di un gol e con i clivensi bravi a chiudersi con ordine, i rossoneri hanno abbassato il ritmo e la convinzione nelle giocate, puniti alla prima sbavatura con Stepinski, lucido a battere Donnarumma dopo un rimpallo in area e un errore su Giaccherini di Borini. Nemmeno il tempo di assimilare il pari che il Milan si è ritrovato sotto con un'azione simile: cambio gioco sulla destra, stop da urlo di Depaoli e assist deviato di Cacciatore per il destro all'incrocio dei pali di Inglese.

Un doppio gancio che ha fatto barcollare il Milan per qualche minuto, ma senza mandarlo al tappeto. La reazione, infatti, guidata da Gattuso in panchina, è arrivata immediatamente, ma se le conclusioni di Çalhanoglu e Suso a fine primo tempo hanno solo dato l'illusione del gol, con l'ausilio del Var il pareggio è arrivato al 53' con la solita rete da opportunista di Cutrone. La respinta di Sorrentino sul tiro di Biglia è conquistata dal giovane bomber che infila il pari con il check del Var che annulla la decisione del guardalinee di segnalare il fuorigioco.

Con l'equilibrio ristabilito Gattuso osa. Fuori Borini e dentro André Silva, passaggio a un 3-3-4 particolare, con Rodriguez e Zapata centrali con Bonucci, e il portoghese a fianco di Cutrone con Suso e Çalhanoglu larghi a rifornire di palloni l'area di rigore. Le occasioni non mancano, Silva e il turco ne sbagliano un paio, ma all'82' il pallone giusto con la complicità di Jaroszynski arriva sui piedi del portoghese che mette la sua firma sulla vittoria. Tre punti d'oro, sporcati ma non rovinati dal rigore sbagliato da Kessie in pieno recupero.

André Silva 7 - Due spezzoni di partita, due gol, sei punti. La sua firma nella rincorsa europea del Milan è sempre più evidente dopo un'attesa durata oltremodo.

Bonucci 5,5 - Partita di controllo per un'ora, poi nella linea a tre si concede un paio di errori in impostazione che sarebbero potuti costare molto caro per troppa sufficienza.

Jaroszyinski 4,5 - In difficoltà costante per tutta la partita su Suso. Non prende mai lo spagnolo e culmina il match con un "assist" involontario, ma decisivo, per Silva.

Çalhanoglu 6,5 - Primo gol a San Siro e nuova prova convincente con tutti i pregi e difetti già evidenziati. Potrebbe fare ancora meglio, ma ormai è una certezza nello scacchiere di Gattuso

Inglese 6,5 - Partita complicata e illuminata con un eurogol a San Siro. Non porta punti al Chievo, ma morale per l'attaccante.

Gattuso 7 - Buona parte della vittoria è anche sua. Azzardare il 3-3-4 per mezz'ora e con la sfida in parità è stata una mossa audace e vincente.

- I rossoneri non rimanevano imbattuti per 10 partite consecutive in campionato da aprile 2013, nella striscia attuale otto successi e due pareggi.
- Il Milan non vinceva cinque gare di fila in Serie A da aprile 2014.
- Inoltre, per la prima volta in questo campionato i rossoneri hanno vinto quattro gare consecutive in casa.
- Per la prima volta in questa stagione Hakan Calhanoglu ha segnato in due match consecutivi con il Milan in tutte le competizioni.
- Sono andati in gol in questo match i due migliori marcatori stagionali del Milan in tutte le competizioni: Patrick Cutrone (15 reti) e André Silva (10 reti).
- Patrick Cutrone ha segnato cinque reti (con cinque tiri nello specchio) nelle ultime sei gare in campionato.
- Due dei tre gol di Calhanoglu in Serie A sono arrivati contro il Chievo.
- Calhanoglu ha segnato per la prima volta allo stadio Meazza con il Milan in questa stagione in tutte le competizioni (5 reti totali).
- Il Milan ha chiuso un primo tempo in svantaggio di gol per la prima volta nel 2018 in campionato.
- Nono gol di Roberto Inglese in questo campionato, che non segnava in trasferta dallo scorso settembre (anche lui contro il Cagliari).
- Le due reti di Mariusz Stepinski in Serie A sono entrambe arrivate in match fuori casa (la prima vs Cagliari a settembre 2017).

MILAN-CHIEVO VERONA 3-2
Milan (4-3-3)
: G. Donnarumma 6; Borini 5 (15' st André Silva 7), Bonucci 5,5, Zapata 6, Rodriguez 5,5; Kessie 5,5, Biglia 6,5, Bonaventura 6; Suso 7, Cutrone 6,5 (38' st Musacchio sv), Çalhanoglu 6,5. A disp.: A. Donnarumma, Storari, Antonelli, Conti, Gomez, Mauri, Locatelli, Montolivo, Tiago Dias, Tsadjout. All.: Gattuso 7.
Chievo Verona (4-4-2): Sorrentino 6,5; Cacciatore 6, Tomovic 5,5, Bani 5,5, Jaroszynski 4,5; Castro 6 (42' st Pellissier sv), Radovanovic 6, Depaoli 5,5, Giaccherini 6 (26' st Hetemaj 6); Stepinski 6, Inglese 6,5 (31' st Birsa 5). A disp.: Seculin, Confente, Dainelli, Gobbi, Cesar, Rigoni, Bastien, Gaudino, Pucciarelli. All.: Maran 6.
Arbitro: Mariani
Marcatori: 10' Çalhanoglu (M), 33' Stepinski (C), 34' Inglese (C), 8' st Cutrone (M), 37' st André Silva (M)
Ammoniti: Kessie, Çalhanoglu, Biglia (M); Depaoli, Jaroszynski, Giaccherini, Stepinski, Cacciatore (C)
Espulsi: nessuno
Note: 48' st Kessie (M) sbaglia un rigore

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments