Italia-Svezia un anno dopo: cosa resta di quella Nazionale che fallì la qualificazione ai Mondiali

Lo 0-0 di San Siro condannò gli azzurri - sconfitti 1-0 in Svezia - all'eliminazione

di LUCIANO CREMONA

È già passato un anno e ci fa ancora male. Ci ricordiamo ogni singola cosa di quella sera. San Siro stracolmo, i tifosi agitati e speranzosi, l'inno cantato a squarciagola, i dubbi per una formazione che non convinceva. La paura di non farcela. 90 e passa minuti di sofferenza, tanti tentativi, le parate di Olsen, ora portiere della Roma. Gli errori, i passaggi sbagliati, le urla di disperazione. Il bacio di Florenzi alla palla prima di battere uno degli ultimi corner. La rabbia di De Rossi che diceva a Ventura di mettere Insigne. Il triplice fischio di Mateu Lahoz, il gelo sugli spalti, la corsa a perdifiato delle maglie gialle verso i propri tifosi, le macchie azzurre che si appiccicavano al prato di San Siro, inermi e piangenti. Le lacrime di Buffon, l'incapacità di essere consolati. San Siro, un anno fa, ebbe un solo moto di orgoglio: compatto, fischiò tantissimo Ventura, intonandogli un coro di pancia e di cuore, gonfio di risentimento.

È passato un anno e abbiamo visto la Francia vincere i Mondiali e la nostra Italia, a quei Mondiali non c'è andata. Un anno fa, 13 novembre 2017, il calcio italiano ha toccato il fondo. In questi giorni il destino ha rimesso Ventura di fronte alla parola dimissioni. Piccola rivincita per i tifosi azzurri che non vorrebbero più sentire il nome del ct. Le colpe sono state di tutti, però, non solo del commissario tecnico.

Quel giorno, a San Siro, Ventura sfidò tutti e lasciò in panchina per tutto il match Lorenzo Insigne. Probabilmente le cose non sarebbero cambiate ma parve davvero una provocazione, quella di lasciare fuori l'uomo più in forma e di fantasia del momento. Titolare, e anche quella scelta apparve provocatoria, c'era Manolo Gabbiadini. Jorginho debuttava a centrocampo da titolare in un match ufficiale, il 3-5-2 non fu mai variato, Darmian e Candreva sugli esterni, Florenzi mezz'ala. Insomma: più che un progetto di squadra, sembravano esperimenti. Tentati nel giorno sbagliato.

Di quella squadra è rimasto ben poco. Non ci sono più Buffon e Barzagli, che hanno dato l'addio subito dopo quell'umiliazione. Lo stesso ha fatto De Rossi, che quella sera, imbufalito, disse a Ventura che il suo apporto in campo sarebbe stato inutile. Di quei 14 scesi in campo non fanno più parte del giro della nazionale Candreva, Darmian, Parolo e Gabbiadini. Il secondo, in particolare, è praticamente fuori rosa allo United, Manolo non ha mai dato motivo a Mancini di pensare a lui. Non ci sono, almeno in questo giro di convocazioni, né Belotti, entrato in un buco nero dal quale fa fatica ad uscire dopo l'infortunio, e El Shaarawy. Il Faraone quella sera diede qualche strappo e quest'anno sta dimostrando di poterci tranquillamente stare in questa nazionale. Per ora Mancini non gli ha riaperto la porta.

Di quell'Italia restano Bonucci e Chiellini che ora proteggono Gigio Donnarumma. È rimasto Jorginho, che si è preso le chiavi di un centrocampo che non può fare a meno di lui. E ci sono Florenzi, Parolo, Immobile e Bernardeschi. Sabato gli azzurri rientreranno a San Siro. Saranno passati 369 dalla notte della grande amarezza. Di fronte il Portogallo. Batterlo non ci ridarà il Mondiale e non rimarginerà nessuna ferita, non curerà nessuna cicatrice. Ma ci farebbe rialzare un po' la testa, ci farebbe dire: l'Italia s'è desta.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Addio Mondiale, le lacrime degli Azzurri

Al triplice fischio di Lahoz, che ha sancito la mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiale, agli Azzurri è crollato il mondo addosso. Grandissima la loro delusione, in particolar modo per Belotti e Buffon che non sono riusciti a trattenere le lacrime e sono scoppiati in un pianto a dirotto.

I 14 AZZURRI IN CAMPO IN ITALIA-SVEZIA 0-0

Giocatori

Status attuale
in Nazionale

Status attuale
nel club
Gianluigi BuffonRitiratoPsg, 8 presenze
Andrea BarzagliRitiratoJuventus, 7 presenze
Leonardo BonucciTitolareJuventus, 14 presenze
Giorgio ChielliniTitolareJuventus, 10 presenze
Alessandro FlorenziConvocatoRoma, 14 presenze
Antonio CandrevaNon convocatoInter, 10 presenze
JorginhoTitolareChelsea, 15 presenze
Marco ParoloNon convocatoLazio, 15 presenze
Matteo DarmianNon convocatoManchester Utd, 1 presenza
Ciro ImmobileTitolareLazio, 16 presenze
Manolo GabbiadiniNon convocatoSouthampton, 10 presenze
Andrea BelottiNon convocatoTorino, 13 presenze
Federico BernardeschiConvocatoJuventus, 12 presenze
Stephan El ShaarawyNon convocatoRoma, 12 presenze

TAGS:
Italia
Svezia
Mondiali

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X