Rugby, bufera in Australia per il messaggio omofobo di Israel Folau

"Omosessuali, adulteri, fornicatori: l'inferno vi aspetta"

Rugby, bufera in Australia per il messaggio omofobo di Israel Folau

"Ubriachi, omosessuali, adulteri, bugiardi, fornicatori, ladri, atei, idolatri, l'inferno li attende, si pentano, solo Gesù può salvarli". In Australia è bufera totale per il messaggio di odio apparso sul profilo Instagram di Israel Folau, giocatore di rugby a 13 e a 15, estremo degli Waratahs e della nazionale dei Kangaroos. Un messaggio, quello scritto dal giocatore, fervente evangelico, che la federazione australiana di rugby ha già descritto come "inaccettabile".

"Coloro che vivono nel peccato andranno all'inferno, a meno che non si pentano, Gesù Cristo li ama e dà loro il tempo di allontanarsi dal peccato e avvicinarsi ad esso" ha aggiunto Folau, cresciuto come mormone e convertito nella comunità delle Assemblee di Dio nel 2011.

Non è la prima volta che il giocatore viene coinvolto in uno scandalo simile. Nel 2018 infatti era stato ampiamente criticato per aver dichiarato: "Io amo e rispetto le persone per quello che sono e le loro opinioni, ma io personalmente non sosterrò mai il matrimonio gay".

Evidentemente però le critiche non sono bastate, perché qualche mese più tardi Folau ha fatto un post per criticare la decisione del parlamento australiano di dare legittimità legale ai matrimoni tra omosessuali.

TAGS:
Rugby
Israel Folau
Bufera
Omosessuali
Adulteri
Fornicatori
Inferno
Messaggio omofobo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X