Sbk, Bautista trionfa in Gara 1

Rea deve accontentarsi del secondo posto a quasi 15 secondi, sul podio anche Melandri con la Yamaha

di
  • A
  • A
  • A

Esordio vincente per la nuova Ducati Panigale V4 R e per Alvaro Bautista nel Mondiale Superbike 2019. Lo spagnolo, al debutto assoluto tra le derivate di serie, ha dominato Gara 1 a Phillip Island, tagliando il traguardo in solitaria con quasi 15 secondi di vantaggio sulla Kawasaki del campione in carica Jonathan Rea, che partiva dalla pole. Sul podio anche un ottimo Marco Melandri, alla sua prima gara in sella alla Yamaha.

È stato un battesimo da sogno quello dell'ex MotoGP, che nella prima delle tre gare previste per il weekend australiano ha letteralmente fatto il vuoto, completando un'impresa (quella di vincere all'esordio) riuscita l'ultima volta a Max Biaggi nel 2007. Bautista era scattato in prima fila alle spalle della coppia Kawasaki formata da Rea e Haslam, ma gli ci è voluto poco per portarsi al comando e cominciare a martellare il suo ritmo, inarrivabile per chiunque.

Alle sue spalle lo spettacolo non è mancato, con un gruppetto di piloti in lotta per il podio dalla quale alla fine sono emersi il quattro volte iridato e Melandri, trionfatore nelle due manches del 2018, bravo a tenersi alle spalle entrambe le R1 del team ufficiale di Lowes e Van der Mark (rispettivamente 4° e 5°). Sfortunato invece il nuovo compagno di Rea, Leon Haslam, finito nella ghiaia e poi solamente 15° al traguardo.

Alle spalle del terzetto Yamaha ha chiuso Razgatlioglu con la Kawasaki del team Puccetti (6°), seguito da Sykes (7° al debutto sulla BMW), Cortese con la quarta Yamaha e Rinaldi con la Ducati del team Barni. Solamente decimo, invece, Chaz Davies, con l'altra Ducati ufficiale, mai apparso a proprio agio per tutto il weekend.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments