IN CAMPIONATO

Volley: Civitanova capolista solitaria in SuperLega, Conegliano scrive la storia

La Lube (3-0 a Vibo Valentia) sfrutta il k.o. di trento per conquistare il primo posta da sola. Tra le donne, Conegliano entra nella storia

  • A
  • A
  • A

Civitanova si prende il primo posto solitario in SuperLega con il netto successo a Vibo Valentia. Scende in seconda posizione Trento, sconfitta 3-0 da Modena nel big match di giornata. Perugia resta imbattuta in campionato e consolida il terzo posto (3-0 a Ravenna). Milano torna alla vittoria. Nella Serie A1 femminile, Conegliano riscrive la storia del volley mondiale stabilendo il nuovo record di 74 successi consecutivi in tutte le competizioni.

SERIE A1 FEMMINILE
Conegliano entra ufficialmente e nella storia della pallavolo: le pluricampionesse travolgono Trento con un secco 3-0 (25-13, 25-11, 25-20) e conquistano la vittoria consecutiva numero 74, migliorando il record mondiale che fino detenevano in coabitazione con le turche del VakifBank Istanbul. Le Pantere, imbattute dal dicembre 2019 in tutte le competizioni, vengono trascinate dalle attaccanti Paola Egonu e Loveth Omoruyi (12 punti a testa). L’Imoco si conferma in testa alla classifica generale, ma Novara non molla il colpo e rimane a quattro punti di distacco (con una partita in meno) dopo aver liquidato Roma con un perentorio 3-0 (25-23, 25-22, 25-18). L’opposto Ebrar Karakurt (18 punti), la schiacciatrice Caterina Bosetti (10) e la centrale Cristina Chirichella (11) fanno la differenza a favore delle piemontesi contro Veronika Trnkova (12) e compagne.

La Igor conserva tre punti di vantaggio sulle terze classificate: Scandicci, Busto Arsizio e Monza (vincente ieri contro Casalmaggiore). Le toscane s’impongono a Perugia per 3-0 (25-21, 25-22, 25-22), propiziato dall’opposto Louisa Lippmann e dal martello Elena Pietrini (18 punti con 3 muri a testa). Le Farfalle conquistano in rimonta il derby lombardo contro Bergamo per 3-1 (22-25, 25-20, 25-23, 25-15) grazie allo show delle attaccanti Alexa Gray e Camilla Mingardi (25 punti a testa). Firenze supera Vallefoglia al tie-break per mano di Sylvia Nwakalor (23), Indre Sorokaite (14) e Yvon Belien (13). Ci vogliono 5 set per determinare la vincente anche tra Chieri e Cuneo: alla fine è la prima a imporsi (25-18, 14-25, 25-22, 23-25, 15-11) nel derby tutto piemontese. Francesca Villani e Camilla Weitzer consentono alla Reale Mutua Fenera di conservare il sesto posto, sempre a braccetto con Firenze.

SUPERLEGA MASCHILE
Nella settima giornata del massimo campionato italiano di volley maschile, Modena domina completamente il big match contro Trento, imponendosi con uno schiacciante 3-0 (28-26, 25-15, 25-22) di fronte al proprio pubblico del PalaPanini. I Canarini si rialzano così dopo un deludente avvio di stagione e rilanciano le loro ambizioni, issandosi issano in sesta posizione, a -10 da Trento (ma con tre partite in meno all’attivo). Prestazione sopra le righe dell’opposto Nimir Abdel Aziz (18 punti con 3 aces per il grande ex), degli schiacciatori Earvin Ngapeth (16 punti, 4 aces) e Yoandy Leal (12).

I dolomitici incappano nella terza sconfitta stagionale; ora sono secondi in classifica generale a tre punti di distacco dalla capolista Civitanova, Lube Civitanova che s’impone a Vibo Valentia con un netto 0-3 (25-17, 25-19, 25-16). Miglior marcatore del match è stato lo schiacciatore brasiliano della Lube Ricardo Lucarelli, autore di 13 punti, di cui 3 ottenuti direttamente dal servizio e 3 a muro. Ottime prestazioni anche per Gabi Garcia e Robertlandy Simon, entrambi con 11 punti a tabellino.

Perugia conferma la propria imbattibilità in campionato e stende il fanalino di coda Ravenna con un netto 3-0 (25-10, 25-20, 25-16), infilando il sesto successo consecutivo e consolidando il terzo posto in classifica. I Block Devils sono ora a -4 dalla capolista Civitanova, ma hanno disputato tre incontri in meno rispetto ai Campioni d’Italia. A trascinare gli umbri in terra di Romagna sono stati i tre schiacciatori alternatisi in campo, ovvero Wilfredo Leon (12 punti), Matt Anderson (5) e Oleg Plotnytskyi (10) insieme all’opposto Kamil Rychlicki (6).

Niente sorpasso di Piacenza ai danni di Monza in quarta posizione, perché sul campo di Padova la formazione emiliana si fa abbastanza sorprendentemente rimontare i due set di vantaggio per poi cedere al tie-break: 20-25, 21-25, 25-22, 25-23, 15-8 il risultato finale a favore dei veneti. Piacenza viene così ribaltata e scende al quinto posto in classifica. Milano torna al successo dopo due sconfitte, regolando Verona per 3-1 (24-26, 25-22, 25-20, 25-18) all’Allianz Cloud. Spettacolare prestazione dell’opposto Jean Patry (26 punti, 3 muri, 3 aces) supportato da Yuki Ishikawa (18) e Thomas Jaeschke (16) contro Rok Mozic (19), Mads Jensen (15) e compagni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti