TOKYO 2020

Tokyo 2020, atletica: Palmisano d’oro nella marcia, trionfo Italia anche nella 20 km femminile

Dopo il successo di Stano nella gara maschile, un’altra atleta pugliese conquista l’alloro più prezioso nella gara su strada a Cinque cerchi

  • A
  • A
  • A

A Tokyo 2020 è dominio Italia nella 20 km di marcia femminile. Antonella Palmisano regala il bis nella gara che, al maschile, aveva premiato Massimo Stano. L’atleta pugliese delle Fiamme Gialle, nelle prime posizioni sin dall’inizio, attacca a 4 km dal traguardo e non incontra ostacoli verso la quarta medaglia d’oro che l’Italia conquista nell’atletica. Argento per Arenas (Colombia), bronzo per Liu (Cina).

Continuano le incredibili gioie che l’atletica leggera sta regalando agli atleti e agli appassionati italiani. Ed è ancora la 20 km di marcia a regalare un oro all’Italia, a ventiquattr’ore di distanza dall’impresa di Massimo Stano nella gara maschile: ad esultare, al traguardo di una gara sfiancante non solo per la distanza ma anche per il caldo, è Antonella Palmisano, atleta pugliese in forza al gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, che senza soffrire la pressione di essere tra le favorite conquista l'alloro a Cinque cerchi più prezioso di tutti.

La gara di Palmisano è tatticamente perfetta. Sin dall’inizio, la 30enne (proprio oggi è il suo compleanno) nata a Mottola, in provincia di Taranto, marcia davanti a tutte, nel gruppo che imprime il ritmo di gara e fa selezione da dietro, fra atlete incapaci di reggere il passo, altre squalificate e altre ancora sfortunate, come l’altra azzurra Eleonora Giorgi, costretta a fermarsi per un infortunio. Dopo 16 chilometri di studio fra le atlete in testa, Palmisano decide che è il momento di partire in fuga: prova a tenerle testa solo la cinese Yang, che però “scoppia” dopo circa un chilometro. La pugliese, così, vola in completa solitudine negli ultimi passaggi, e con la bandiera tricolore addosso percorre gli ultimi metri, fino al trionfo, chiudendo in un’ora, 29 minuti e 12 secondi, davanti alla colombiana Sandra Lorena Arenas e alla cinese Liu Hong.

Per l’atletica azzurra è dunque la quarta medaglia (sempre d’oro), dopo quelle di Gianmarco Tamberi nel salto in alto, Marcell Jacobs nei 100 metri e dello stesso Massimo Stano nella 20 km maschile. Complessivamente è invece la medaglia numero 36 per i colori azzurri (8 ori, 10 argenti e 18 bronzi).

PALMISANO: "È IL GIORNO DEL MIO COMPLEANNO!"
"Adesso penso che andrò a rivedere questa gara. Oggi è il giorno del mio compleanno e volevo che i sacrifici fossero ripagati. Negli ultimi 5 chilometri ho sentito tutta l'energia dentro per andare avanti, la spinta di tutte le persone che mi hanno sostenuto e che mi hanno dato la forza. Dopo la Coppa Europa a maggio sono stata ferma 40 giorni. Ma ogni giorno ho pianto. Era impensabile essere qui, avevo paura di rinunciare a questa gara. Ne è valsa la pena". Così Antonella Palmisano, a Raidue, dopo la vittoria nei 20 chilometri di marcia. "Ora ho voglia di sentire l'inno, Stano mi ha fatto venire i brividi, mi ha dato una grande carica. E poi la scia con gli ori di Jacobs e Tamberi, e poi la nazionale di calcio agli Europei. È un periodo magico per l'Italia, Ciao Italia", ha concluso. 

Vedi anche Tokyo 2020, l’Italia eguaglia il record di medaglie: 36 come nel 1932 e 1960 Tokyo 2020 Tokyo 2020, l’Italia eguaglia il record di medaglie: 36 come nel 1932 e 1960

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments