Olimpiade Tokyo 2020 ora per ora

mori: Via per sessismo, rientro da "onorario"

Dopo essersi dimesso a febbraio da presidente del Comitato organizzatore,

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

Dopo essersi dimesso a febbraio da presidente del Comitato organizzatore, a causa delle polemiche scoppiate dopo alcuni suoi commenti sessisti, Yoshiro Mori potrebbe ora essere nominato consigliere supremo onorario di Tokyo 2020. Lo scrive The Asahi Shimbun nella versione on line. Mori, ex primo ministro, si dimise dalla carica che ricopriva dal 2014 dopo aver affermato che le donne nelle riunioni parlano troppo. Fonti del comitato organizzatore e del governo hanno riferito che a Mori, ex primo ministro, potrebbe tornare a far parte di Tokyo 2020. Come consigliere supremo onorario, Mori potrebbe incontrare funzionari stranieri a Tokyo per le Olimpiadi. Attualmente Shinzo Abe, un altro ex primo ministro, è l'unico consigliere supremo onorario del comitato organizzatore. Dopo che Mori si è dimesso, nelle scorse settimane, altre persone coinvolte nell'organizzazione dei Giochi a cinque si sono dimesse o sono state licenziate in seguito alle polemiche suscitate da alcuni episodi, tra bullismo e sessismo, del loro passato: solo ieri il direttore artistico della cerimonia di apertura Kentaro Kobayashi ha perso il suo posto per uno sketch comico del 1998 sull'Olocausto.