Euro2016: nazionalista russo espulso per la seconda volta

Alexader Shprygin, l'ultrà amico di Putin, si è preso beffa degli 007 francesi

Alexander Shprygin

Alexander Shprygin, l'ultranazionalista russo espulso dalla Francia sabato scorso e poi rientrato tranquillamente a Tolosa per vedersi il match tra Russia e Galles, verrà nuovamente espulso dal territorio francese nelle prossime ore. L'ultrà, molto vicino al presidente Vladimir Putin e membro del comitato organizzatore del Mondiale 2018, ha beffato polizia e 007, rientrando in Francia in auto da Barcellona.

Fermato dopo gli incidenti di Marsiglia, Shprygin era stato espulso dalla Francia, una decisione che non era affatto piaciuta al Cremlino. Atterrato a Mosca con la bandiera russa come mantello, il leader degli ultrà russi ha fatto presto ritorno in Francia.

Agli inquirenti che lo interrogavano, Shprygin ha raccontato di aver preso un volo alle 4 di notte per Barcellona e di aver raggiunto in auto lo stadio di Tolosa, circa 400 km dalla città catalana. Un'autentica beffa per i servizi segreti francesi e le forze dell'ordine: per le autorità di Parigi, già alle prese con l'allerta terrorismo, è stato uno smacco totale.

Ora, dopo aver passato la notte in commissariato, prenderà un volo per Parigi e da lì una coincidenza per la Russia. Storia chiusa, ma solo fino al prossimo capitolo...

TAGS:
Alexander Schprygin
Euro 2016
Russia
Putin
Arresto
Espulsione