contenuto sponsorizzato

Europei, l’Inghilterra si affida a Kane e Bellingham per rispondere alla Germania in occasione dell’esordio con la Serbia

La nazionale di Gareth Southgate sfida Dusan Vlahovic e compagni per conquistare i primi tre punti nella rassegna continentale

  • A
  • A
  • A
Europei, l’Inghilterra si affida a Kane e Bellingham per rispondere alla Germania in occasione dell’esordio con la Serbia - foto 1
© Getty Images

Dopo l’esordio vincente della Germania contro la Scozia, l’Inghilterra è pronta a far il proprio debutto a Euro 2024 con l’obiettivo di confermare lo status di favorita. L’impegno non è proprio dei più semplici perché la squadra di Gareth Southgate avrà a che fare con la Serbia guidata da Dusan Vlahovic e Sergej Milinkovic-Savic, alla prima partecipazione alla rassegna continentale.

Secondo gli esperti di SisalTipster, i Tre Leoni partono comunque avvantaggiati complice una squadra piena di talento emerso nell’ultima edizione della Champions League fra i gol di Harry Kane con la maglia del Bayern Monaco e le giocate di Jude Bellingham con il Real Madrid. La vittoria dei britannici è infatti fissata al 66% contro il 13% dei balcanici.

Particolarmente complicato anche un eventuale pareggio fissato al 21% complice le “bocche di fuoco” presenti da entrambe le parti tanto che è particolarmente quotata la realizzazione di almeno tre gol nel corso dei novanta minuti. Questa eventualità è quotata al 52% con l’Inghilterra che potrebbe per prima le marcature, come accaduto sia con la Russia nel 2016 che contro la Croazia nel 2021.

Una prima rete a tinte inglesi è prevista al 67%, mentre scende al 25% l’occasione per i serbi che dovranno contare soprattutto sull’estro di Dusan Vlahovic la cui segnatura è prevista al 20%. Chi sembra destinato ad andare a segno sono invece Harry Kane, il cui gol è quotato al 45%, e Jude Bellingham che, forte delle 23 reti e 13 assist con il Real Madrid, potrebbe svolgere un ruolo da protagonista in un’azione da gol con il 46% delle possibilità.

Non è però escluso che le reti arrivino da lontano dalla porta, vista la presenza in campo di “cecchini” come Milinkovic-Savic, motivo per cui un gol fuori area è fissato al 33%, anche se la “ruvidità” dei serbi potrebbe portare a un cambio di risultato legato a una decisione della terna arbitrale guidata dall’italiano Daniele Orsato con un intervento del VAR quotato al 26%.