Ducati, ecco la Panigale V4 R

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

Rispetto alle precedenti versione “R”, la Panigale V4 R è ancora più specialistica e ricca di tecnologia mutuata direttamente dal mondo della MotoGP. Le modifiche non si limitano al motore ed alle sospensioni, ma comprendono anche la carenatura, sviluppata e disegnata da Ducati Corse in collaborazione con il Centro Stile Ducati, che migliora l’efficienza aerodinamica della moto. La nuova carena integra inoltre le appendici aerodinamiche sviluppate per i prototipi della MotoGP. Realizzate in fibra di carbonio, derivano dai profili sviluppati per la MotoGP e incrementano la stabilità in tutte le fasi della guida aumentando la confidenza del pilota per una guida ancora più performante ed efficace.

La Panigale V4 R è in pratica una moto da competizione della categoria WSBK omologata per uso stradale, e rappresenta la base tecnica di partenza per le Ducati Superbike ufficiali che gareggeranno nel Campionato Mondiale a partire dalla stagione 2019. Il motore Desmosedici Stradale da 1.103 cm3 lascia il posto al Desmosedici Stradale R da 998 cm3, per rientrare nei limiti di cilindrata imposti dal campionato WSBK. A differenza del V4 di maggiore cilindrata, progettato per avere un’erogazione fluida e corposa ai bassi regimi che lo rende sfruttabile anche su strada, il Desmosedici Stradale R da 998 cm3 ha un carattere più estremo, con una erogazione “appuntita” pensata per la prestazione in pista. E’ inoltre caratterizzato da componenti interni alleggeriti, che contribuiscono a ridurre il peso della moto di 2 Kg rispetto alla Panigale V4S, portandolo a soli 193 Kg in ordine di marcia.

La superiore efficienza di aspirazione che gli consente di “prendere i giri” più rapidamente e avere la zona rossa del contagiri spostata più in alto, per garantire un maggiore allungo. Il risultato sono 221 CV (162 kW) erogati a 15.250 giri/minuto (valori riferiti all’omologazione EU), 2.250 giri/minuto più in alto rispetto al picco di potenza massima del motore V4 da 1.103 cm3. Numeri impressionanti, che diventano ancora più incredibili montando lo scarico full-racing Ducati Performance by Akrapovič, che portano la potenza massima che sale fino a 234 CV (172 kW) a 15.500 giri/minuto. La Ducati di serie più potente di sempre!

>
Juve, sfilata con la Supercoppa italiana

Juve, sfila la Supercoppa

Bianconeri in campo col trofeo prima del Chievo

Serie A, Juve-Chievo 3-0: le foto

Juve, tris al Chievo

Ronaldo sbaglia un rigore allo Stadium

Piatek lascia Marassi

Piatek lascia Marassi

L'attaccante polacco verso Milano per visite e firma

Genoa-Milan (Getty Images)

Il Milan sale al 4° posto

Borini e Suso stendono il Genoa: 2-0

Boateng, il giramondo del gol

Boa, tutte le sue squadre

Dall'Hertha Berlino al Sassuolo

Alexander Zverev (Afp)

Zverev frantuma la racchetta

Il tedesco si infuria nel match perso con Raonic

Piatek, la maglia è pronta?

Piatek, la maglia è pronta?

Sul web circola la numero 9 che aspetta il polacco. Ma sfiderà il tabù-Inzaghi?

Da Zapata a Muriel: riecco i grandi bomber

Da Zapata a Muriel: riecco i grandi bomber

Subito protagonisti gli attaccanti in Serie a dopo la sosta

La seconda vita di Milik

La seconda vita di Milik

Due infortuni brutti e la rinascita: il polacco si è preso Napoli