GIà NEL FUTURO

Milano e Bergamo premiate da Legambiente per la mobilità sostenibile  

La classifica dei capoluoghi lombardi e le previsioni dei piani urbani della mobilità

  • A
  • A
  • A

Le due città lombarde si distinguono per le politiche di mobilità sostenibile: è quanto emerge dal rapporto Città Mez sulla mobilità a zero emissioni di Legambiente. Il rapporto, però, sottolinea anche come siano solo due i capoluoghi all’avanguardia della Regione.
 

Il dossier, realizzato prima del lockdown, monitora i cambiamenti in corso nei capoluoghi di provincia italiani attraverso le forme di mobilità a emissioni zero. Milano e Bergamo si sono aggiudicate il podio per l’utilizzo di mezzi meno inquinanti nel trasporto pubblico locale, il ridisegno virtuoso  degli orari della città, gli obiettivi ambiziosi di modal share, l’ incremento dello sharing, il  rinnovo delle flotte dei mezzi pubblici, l’ aumento di Ztl e di zone 30 rispettivamente con il 58% degli spostamenti a Milano e il 32% a Bergamo messe in campo con sistemi ciclopedonali ed elettrici  e il 53% di accessibilità a sistemi di mobilità a zero emissioni per Milano e il 36% per Bergamo.

A distanza, si classificano le altre città lombarde: Brescia e Mantova con un totale di 3 su 5 punti, Varese, Cremona e Monza con 2. In coda Lodi, Como e Pavia con 1 punto solo per le politiche di mobilità sostenibile. «I dati dimostrano che la mobilità delle persone in città sta cambiando, con una sempre maggiore propensione a scegliere modalità a “emissioni zero” — dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia — anche se il timore della promiscuità sui mezzi pubblici ha indotto più persone ad usare l’auto. Per questo le politiche post Covid-19 adottate dai Comuni sono determinanti per evitare città congestionate e inquinate».
 

Nel complesso, l’utilizzo delle auto in città è ancora troppo alto: dal 62% di Cremona al 57% di Varese passando dal 52% di Brescia. Solo Milano inverte il trend, con il 47% degli spostamenti che avvengono con i mezzi pubblici e il 22% a piedi e in bicicletta. Nel resto delle città lombarde le percentuali vanno dal 28% di Pavia al 15% di Varese, Bergamo e Cremona di persone che si muovono senza l’auto.



 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments