LA PROVA

Alla guida della Lamborghini Essenza SCV12, 830 cavalli di puro godimento

A Misano abbiamo provato l'hypercar della casa di Sant'Agata Bolognese

di
  • A
  • A
  • A

Misano World Circuit, il luogo. Tuta e casco, scendiamo in pista con la Lamborghini Essenza SCV12. Trovare un solo aggettivo per descrivere l'hypercar della casa di Sant'Agata Bolognese è impresa assai ardua, ma il suo nome ci viene in aiuto. Essenza, il puro piacere di guida: vera e propria libidine. Anima racing perché sviluppata dal reparto Squadra Corse con un motore, appunto, V12 da 830 cavalli grazie alla sovralimentazione dinamica. Sì, avete letto bene: questa è la Lamborghini più potente di sempre

A farcelo capire anche la scritta sul cofano e sulle portiere: "Attenzione, macchina veloce". Livrea geniale, tanto semplice quanto efficace. Idea nata dal Centro Stile, con a capo Mitja Borkert, che partendo da un foglio bianco ha realizzato una vettura semplicemente mostruosa. Estrema nelle forme, senza dimenticare il dna della casa del Toro. Una macchina da corsa a tutti gli effetti senza però seguire i vari regolamenti. Niente BOP, niente limitazioni aerodinamiche e via dicendo: la massima espressione del motorismo. 

Vedi anche Mitja Borkert, dal foglio alla strada: "Così nascono le Lamborghini: un dna unico" Drive Up Mitja Borkert, dal foglio alla strada: "Così nascono le Lamborghini: un dna unico" Quando entriamo nel box, lei è lì ad aspettarci. Bella, bellissima. Bisogna dirlo. L'adrenalina sale, è colpo di fulmine. Un salto al volo nello spogliatoio - allestito dall'esclusivo Essenza SCV12 Club - per infilarci la tuta OMP realizzata appositamente per l'occasione e siamo pronti per il briefing. A spiegarci nel dettaglio la vettura il factory driver Andrea Caldarelli. L'abitacolo è confortevole, manca il roll-bar perché la grande novità è il telaio monoscocca in fibra di carbonio omologato FIA. Il volante è un salto nel futuro per il suo design. I comandi sono tanti, ma l'occhio cade subito sul "manettino" Mode, quello delle mappature. "Inizierai con una mappatura media, dopo qualche giro potrai andare a piena potenza", ci informa Caldarelli. Sorridiamo, siamo pronti!

© Lamborghini
Stringiamo le cinture, allacciamo il casco e schiacciamo il tasto magico "Start". Musica per le nostre orecchie perché il sound che ci arriva nell'abitacolo dal V12 alle nostre spalle è semplicemente IL motorsport. Non ci potrebbe essere definizione migliore. Prima dentro, niente frizione da rilasciare grazie al sistema X-trac e via. Ci godiamo la lunga corsia box con il pit limiter inserito, realizziamo che stiamo vivendo un sogno. Concentrazione tanta. Non siamo alla ricerca del tempo, ovviamente, ma è... vietato sbagliare. Anche per via del costo - 2,2 milioni di euro più iva - di questa vettura realizzata in soli quaranta esemplari, destinati ad altrettanti fortunati clienti.

La prima sensazione è quella della potenza. Potenza infinita: il V12 aspirato spinge e ci attacca al sedile. Il controllo di trazione, regolabile, lavora benissimo come le gomme slick sviluppate da Pirelli e si può spalancare presto il gas in uscita di curva. Il feeling arriva subito, una vettura studiata per dare subito confidenza perché realizzata principalmente per gentleman drivers. Tantissimo motore, altrettanta aerodinamica, più di una GT3. È in grado di generare una deportanza di 1200 kg a 250 km/h.  La SCV12 è stabile, non fa scherzi. È brutale sì, ma allo stesso tempo armoniosa. Tre giri e poi di nuovo ai box per controllare la telemetria. Caldarelli ci invita a osare di più in frenata, altro aspetto di tutto rispetto grazie all'impianto di serie carboceramico Brembo. A Misano è quasi mezzogiorno e fa un caldo torrido. Qualche minuto per riprendere e fiato e via di nuovo in pista. Questa volta a piena potenza e la differenza... si sente. Giù tutto in uscita dalla 6 per arrivare alla Quercia. Un aereo privo di ali, in pratica. Poi dal Tramonto alla 13 con il Curvone da fare in pieno: siamo a più di 250 km/h. La Essenza non si scompone di una virgola e regala sensazioni uniche, da vero pilota. 

Obiettivo centrato in pieno da Lamborghini che ha realizzato una hypercar di assoluto livello ma adatta a tutti. Facile da guidare, certo, ma per farla andare forte serve comunque manico. Noi ci abbiamo provato!

Vedi anche Emanuele Pirro papà della Lamborghini Essenza SCV12: "Parla il linguaggio delle emozioni” Drive Up Emanuele Pirro papà della Lamborghini Essenza SCV12: "Parla il linguaggio delle emozioni” LA SCHEDA TECNICA
MOTORE Longitudinale V12
CILINDRATA 6.498 cm³
POTENZA830 CV
ABSABS sportivo (12 posizioni)
CONTROLLO TRAZIONE TC 12 posizioni
TRASMISSIONE2WD Cambio sequenziale a 6 marce X-Trac
SOSPENSIONI Doppio triangolo
FISSAGGIO RUOTE Sistema monodado
SISTEMA ELETTRICO/ELETTRONICO
VOLANTE Volante racing multifunzione
QUADRO STRUMENTI Quadro strumenti con display TFT MOTEC
CERCHI E RUOTE
CERCHI ANTERIORI19"
CERCHI POSTERIORI20"
PNEUMATICI (PIRELLI) ANTERIORI 285/650
PNEUMATICI (PIRELLI) POSTERIORI 354/725
ALTRE CARATTERISTICHE
KIT AEREODINAMICO COMPLETO IN FIBRA DI CARBONIO Kit aereodinamico completo a fissaggio rapido
LIMITATORE DI VELOCITA Sì, velocità regolabile
DIMENSIONI E PESO
CARREGGIATA ANTERIORE 1767 mm
CARREGGIATA POSTERIORE 1729 mm
PASSO 2905 mm
SERBATOIO CARBURANTE 92L

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti