• Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

In volo sul futuro

In un futuro non molto lontano vedremo solcare i nostri cieli da "auto volanti". Questa è la speranza dell'azienda americana Terrafugia, una piccola società nata nel 2006 da ingegneri allora neo-laureati al Mit che, dal momento della nascita, ha investito tempo e denaro nel progetto del TF-X. Si tratta di un progetto di auto volante da poter utilizzare per gli spostamenti in città sia sull'asfalto che in volo. Il debutto sul mercato è previsto in breve tempo, perché ormai l'idea di Terrafugia sembra consolidata e dovrebbe dare vita a una vera e propria auto-volante da produrre in serie. C'è ancora molto da fare, ma intanto l'azienda ha divultato il design del prototipo TF-X. Il costo dovrebbe aggirarsi attorno ai 400mila dollari. La macchina potrà ospitare 4 persone, la motorizzazione sarà ibrida (elettrico-benzina) e il veicolo permetterà decolli verticali grazie a due pale rotanti sulle ali.

>
Iniesta, che folla in Giappone

Iniesta, che folla in Giappone

Circa 300 tifosi si sono presentati all'aeroporto di Kansai ad Osaka, nel Giappone occidentale, per accogliere il centrocampista spagnolo

Juve, terza maglia eco

Juve, terza maglia eco

E' realizzata con il tessuto Parley Ocean Plastic

Il nuovo pallone ufficiale della Serie A 2018-2019

Serie A, ecco Merlin!

Presentato ufficialmente il pallone della stagione 2018-2019

I giornali: 18 luglio

I giornali: 18 luglio

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Juve, il primo incontro di CR7 con Allegri e i compagni

CR7 incontra i nuovi compagni

Primi abbracci e strette di mano al JTC 

Il ritorno di Vatanen e della Peugeot in Dakar 18

Vatanen in Dakar 18

Il mitico pilota finlandese e la sua Peugeot protagonisti nel nuovo videogioco

I giornali: 17 luglio

I giornali: 17 luglio

Lo sport sui quotidiani italiani ed esteri

Lopetegui (foto Real Madrid)

Real, primo allenamento senza CR7

E' la prima volta dopo 9 anni

Diego Maradona (Afp)

Dynamo Brest: Maradona nuovo presidente

Accolto come un re in Bielorussia