ATLETICA

Tokyo 2020, atletica: Eliud Kipchoge domina la maratona

Il kenyano stravince con il tempo di 2h08’38” davanti all’olandese Nageeye e al belga Abdi

  • A
  • A
  • A

Eliud Kipchoge si conferma il re della maratona. Il kenyano conquista con grande margine la medaglia d’oro in una delle discipline più attese delle Olimpiadi di Tokyo 2020, bissando il successo ottenuto a Rio cinque anni fa. Il primatista mondiale chiude la prova in 2h08’38”, con 1’20” di margine sui primi inseguitori, l’olandese Nageeye (argento) e il belga Abdi (bronzo). Il migliore italiano, Eyob Faniel, conclude ventesimo.
 

Kipchoge, primatista mondiale con il 2h01’39” fatto registrare a Berlino nel 2018, si mette al collo la seconda medaglia d’oro olimpica della sua carriera, dopo il trionfo a Rio nel 2016. Il keniota vince con una netta dimostrazione di superiorità, allungando a partire dal km 25 per poi staccare tutti gli avversari intorno al km 30 e chiudere con il tempo di 2h08’38”. Lontani gli avversari, a più di un minuto: argento all’olandese Abdi Nageeye, bronzo al belga Bashir Abdi.

Partenza a ritmo relativamente blando, anche perché il caldo gioca un fattore fondamentale. Sono in molti a farne le spese: l’ugandese Kiprotich, oro olimpico a Londra 2012, si ritira prima di metà gara; il brasiliano Do Nascimento si accascia due volte a bordo strada prima di alzare bandiera bianca al km 26. Il sudafricano Mokoka transita per primo alla mezza in 1h05’13”, in un gruppo di testa composto da una quarantina di unità, tra cui l’italiano Eyob Faniel. Già staccati invece gli altri due azzurri, Rachik ed El Fataoui.

Intorno al km 25 Eliud Kipchoge inizia a sollecitare l’andatura, mettendo in difficoltà diversi avversari. Il primatista mondiale avanza in progressione e piazza un allungo più deciso poco dopo il cartello che indica il km 30, rimanendo da solo. Dietro solo Cherono, Lamdassem, Abdi e Nageeye provano a resistere, ma si trovano presto a inseguire a più di un minuto di ritardo. Gli ultimi chilometri sono di fatto una passerella per il keniota, che conclude in 2h08’38” gustandosi la gioia per l’oro lungo tutto l’ultimo chilometro. Alle sue spalle Cherono prova ad allungare per cercare la doppietta keniana, ma negli ultimi 200 metri viene superato prima dall’olandese Abdi Nageeye, che vola verso l’argento, poi dal belga Bashir Abdi, bronzo. Eyob Faniel, il migliore degli italiani, chiude la sua prova in ventesima posizione, con 6’33” di ritardo nei confronti della medaglia d’oro. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments