L'ANALISI

Italia, due ombre oltre il record: allarme attacco e incubo playoff

Gli Azzurri non vincono una partita nei 90' da quattro gare, in cui hanno segnato solo tre reti. E la strada verso il Qatar si è fatta improvvisamente insidiosa

  • A
  • A
  • A

Nel giorno in cui l'Italia ha stabilito il record assoluto di risultati utili consecutivi, Mancini si ritrova a ragionare su diversi punti interrogativi che non riescono a trovare risposta. Su tutti spicca quello che riguarda l'attacco. Perché se è vero che gli Azzurri hanno fatto e stanno facendo sognare, lo è altrettanto che non vincono una partita nei 90' dal 2 luglio, quando superarono il Belgio per 2-1 nei quarti di finale di Euro 2020. Poi quattro pareggi di fila, che non impedirono alla Nazionale di alzare il trofeo continentale grazie alla freddezza dal dischetto, ma anche una ripartenza a basso ritmo nelle qualificazioni mondiali.

Vedi anche Italia da record: 36 partite consecutive senza sconfitte Qualificazioni Mondiali 2022 Italia da record: 36 partite consecutive senza sconfitte E sono soprattutto i gol che mancano all'Italia. Nelle ultime quattro gare ne abbiamo realizzati soltanto tre, tutti di marca juventina con Chiesa (doppietta) e Bonucci. Per il resto, il reparto offensivo ha fatto cilecca. Nel mirino è finito Ciro Immobile, che quando si toglie la maglia della Lazio non riesce ad essere incisivo come quando gioca per il suo club: il suo ultimo gol azzurro è del 16 luglio contro la Svizzera nel girone degli Europei.

Il problema è che alle sue spalle non ci sono valide alternative. Belotti, che ha dovuto alzare bandiera bianca per infortunio, non sta vivendo il suo periodo migliore, mentre ai giovani Kean, Raspadori e Scamacca il ct non può chiedere di caricarsi il reparto sulle spalle. Così ci si affida alle invenzioni di Insigne e Berardi/Chiesa, ma evidentemente non basta. Purtroppo non si vede al'orizzonte un bomber di razza e questo lo ha capito lo stesso Mancini. Che punta sul gioco del collettivo per arrivare in porta. Serve però un finalizzatore perché il Qatar è vicino e ai Mondiali non si potrà più contare sull'effetto sorpresa. Vedi anche Qualificazioni Mondiali 2022: Svizzera-Italia 0-0, Jorginho tradisce gli Azzurri Qualificazioni Mondiali 2022 Qualificazioni Mondiali 2022: Svizzera-Italia 0-0, Jorginho tradisce gli Azzurri

Oltretutto la strada che porta alla Coppa del Mondo è ancora lunga e non priva di insidie. Perché adesso c'è il rischio di non vincere il proprio girone e dover passare dai playoff. L'avversario è proprio la Svizzera, che se dovesse vincere le due partite che ha in meno rispetto agli Azzurri, ci supererebbe in classifica. A questo punto diventerebbe decisivo lo scontro diretto del 12 novembre. Considerato come è andata l'ultima volta con la Svezia e il malcapitato Ventura, sarebbe meglio non correre rischi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments