• Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

    Il gesto di Lilesa per il popolo Oromo

    Il pugno nero di Tommie Smith a Città del Messico 1968. E ora le braccia incrociate, stile manette, alla Mourinho. Feysa Lilesa, etiope medaglia d'argento nella maratona, non potrà tornare in patria: quel gesto mostrato a tutto il mondo sul traguardo del Sambodromo gli costerà caro. "Se torno in patria mi uccidono. O mi mettono in galera". Perché le manette di Lilesa, ripetute e reiterate, avevano un forte, fortissimo, valore simbolico. Era uno gesto di protesta nei confronti del governo dell'Etiopia, colpevole di bersagliare la popolazione Omoro, un gruppo etnico che vive al confine con il Kenya: "Ci ammazzano, ci mettono in prigione. Le persone spariscono: molti membri della mia famiglia non ci sono più, compreso mio padre", ha spiegato Lilesa. Il gesto delle braccia a X è quello usato dalla popolazione Oromo nelle proteste contro le forze dell'ordine. Scontri violenti: secondo Amnesty International 67 persone sono state uccise in quella regione nell'ultimo periodo. "Non posso tornare in Etiopia", ha spiegato Lilesa. "Resto qui in Brasile e cercherò di ottenere un visto per volare in America". Arrivato come atleta dell'Etiopia, Lilesa passa È arrivato ai Giochi da etiope, li lascia da rifugiato. "Vogliamo la pace. I paesi occidentali appoggiano il governo, che ruba la terra e ammazza le persone. Siamo disperati, ripeterò il mio gesto all'infinito".

    >
    Bundesliga, i tifosi del Norimberga protestano: palline da tennis in campo

    Ci avete rotto le... palline

    Singolare protesta dei tifosi del Norimberga contro i posticipi del lunedì

    F1, Leclerc debutta sulla Ferrari nei test di Barcellona

    La prima di Leclerc

    Debutto ufficiale per il monegasco sulla Ferrari

    Juve, la rifinitura prima dell'Atletico Madrid

    Juve pronta per l'Atletico

    La vigilia di Champions per i bianconeri

    Sacchi, Lippi e i maestri in panchina

    Sacchi, Lippi e i maestri in panchina

    I tecnici azzurri nella Hall of Fame italiana

    Platini e i suoi eredi: gli stranieri nella Hall of Fame italiana

    Platini e i suoi eredi: gli stranieri nella Hall of Fame italiana

    Nel 2011 premiato il francese: dopo di lui...

    Da Baggio a Totti: i monumenti del calcio italiano

    Da Baggio a Totti: i monumenti del calcio italiano

    Ecco i mostri sacri della Hall of Fame azzurra

    I giornali: martedì 19 febbraio

    I giornali: martedì 19 febbraio

    La rassegna italiana e internazionale

    La Roma soffre ma non sbaglia, 4° posto a un punto

    La Roma rimane in scia Milan

    Sofferto 2-1 al Bologna all'Olimpico

    Dall'insonnia di Ronaldinho fino alla pioggia: le scuse più incredibili del calcio

    Dall'insonnia di Ronaldinho fino alla pioggia: le scuse più incredibili del calcio

    Ripercorriamo le dichiarazioni che hanno fatto la storia