La nuova Dakar araba sarà anche elettrica

Il raid più duro del mondo, che parte il 5 gennaio, avrà due grandi novità legate alla mobilità del futuro

  • A
  • A
  • A

L’elettrico fa il suo (storico) debutto alla Dakar. Già in questa edizione, quella che parte domenica 5 gennaio e si srotola interamente in Arabia Saudita. La Extreme E - Suv totalmente elettrico da 550 cv che sarà impegnato in un eco-rally mondiale nel 2021 – sarà alla Dakar. Non in gara, per il momento, ma nello shake-down iniziale e nella tappa finale. Un primo passo, ha commentato il direttore della Dakar David Castera, non escludendo la possibilità di istituire in futuro una specifica categoria ibrida ed elettrica del raid più duro del pianeta.

Non solo. La Dakar 2020 vedrà anche un altro debutto, quello della Tacita. La moto italiana (già al Merzouga Rally sette anni fa) il 5 gennaio sarà presentata ufficialmente al Jeddah Dakar Village sul podio "New Energy”, mentre nella tappa finale della gara, si unirà a tutti gli altri concorrenti al "Gran Premio di Qiddiyah" per fare il suo (storico) debutto.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments