Juve: l'alfabeto del trionfo

Il cammino dei bianconeri dalla A alla Z verso la conquista del sesto scudetto consecutivo

di ANTONELLA PELOSI

A come Agnelli - Un anno fa erano appena entrati nella storia con il quinto scudetto di fila e guardava già oltre. Perché chi vince non si accontenta mai. Cercava per la sua Juve un posto nella leggenda. Presidente accontentato.

B come bacheca - Nella sua personale l'ex romanista Pjanic mette il primo campionato in carriera. Prima di arrivare in bianconero non aveva vinto nulla: ora due trofei a distanza di pochi giorni. Primo tricolore per l'ex Bayern Benatia, per Dani Alves - che arricchisce un bottino già ricchissimo di coppe - Pjaca e Rincon.

Juve: l'alfabeto del trionfo

C come capitano - Gigi Buffon. Mai banale, né negli interventi tra i pali né con le parole. Da applausi nelle sue parate da indiscusso numero uno così pure nel duro sfogo contro i vandali di Superga: "Siete più morti dei morti".

D come difesa - Lo zoccolo duro di questa squadra. Schierata a tre o a quattro, a seconda degli uomini a disposizione e dell’avversario. La meno battuta in Italia da sei anni a questa parte e tra le migliori d’Europa.

E come Evra - Dopo tre gol ma soprattutto dopo 202 cross per gli attaccanti, a gennaio il francese dice addio a Torino per Marsiglia. Vuole giocare di più. E a distanza di mesi sono parole di affetto per l'ambiente che ha lasciato: "Nessun rimpianto, solo amore per questa Juve".

F come #finoallafine - Un motto, una parola d’ordine alla fine di ogni battaglia sul campo. Presidente, giocatori, allenatore e tifosi: tutti uniti verso un unico obiettivo.

G come gruppo – E' il segreto di questa Juve, al di là del valore dei singoli protagonisti. E Allegri lo fa rendere al meglio. Nessuno si sente messo da parte. Tutti coinvolti, tutti tesi verso il prossimo traguardo.

H come Higuain
- Novanta i milioni sborsati dalla Juve per strappare il Pipita al Napoli. Spesi benissimo. Lo dicono gol e vittorie. Dall’exploit realizzativo in azzurro a una stagione record in bianconero.

I come infortuni
– Allegri ha dovuto fare i conti con l’emergenza infermeria soprattutto nella prima parte della stagione: 19 i ko in quattro mesi, difesa e attacco i reparti più colpiti. Defezioni che non hanno influito sul rendimento generale. Chi è stato chiamato in causa (vedi Rugani) ha risposto come meglio poteva.

L come lite
– La ragion di squadra prima di tutto. E il pesante battibecco tra Allegri e Bonucci nel finale di Juve-Palermo viene archiviato in fretta con tanto di ‘mea culpa’ da parte del tecnico e punizione esemplare per il difensore.

Juve: l'alfabeto del trionfo

M come maschera - E' quella che Dybala 'indossa' a ogni esultanza: mano a coprirsi la faccia ma gli occhi ben visibili, spalancati, impavidi. Da gladiatore. E ogni gol è una sentenza: sono io il più forte.

N come Napoli - Atmosfera infernale quella che accoglie l'odiato ex Higuain al ritorno per la prima volta in quello che fu il suo stadio. Fischi assordanti dall'inizio alla fine. Ci pensa Khedira a far gol, il dispiacere - il Pipita - ai suo vecchi tifosi lo darà qualche giorno dopo in Coppa Italia.

O come otto - Sono gli scudetti vinti da Buffon con la Juve. Nella speciale classifica dei bianconeri più scudettati il portiere stacca Bettega e Scirea ed eguaglia il record di Furino.

P come Pjaca - La nota sfortunata di questa annata. Per il talento croato, strappato in estate alla concorrenza di Milan e Inter, due infortuni e una stagione finita con qualche mese di anticipo per la rottura del crociato anteriore.

Q come quattro - "Mercoledì mi sono alzato e mi sono detto 'Ora cambio'". E' il 22 gennaio quando Allegri, contro la Lazio, vara una Juve spregiudicata e ultra offensiva con quattro punte. Non si era mai vista. Sarà la svolta.

R come Roma - La vittoria casalinga sui giallorossi del 17 dicembre, firmata Higuain, vale mezzo scudetto. I bianconeri infatti spediscono la squadra di Spalletti a -7 e si laureano campioni d’inverno con due turni di anticipo.

S come Stadium - Una fortezza inespugnabile. L'uomo in più in squadra. Lo dimostra la striscia di 33 vittorie consecutive, interrotta soltanto dal pareggio nel derby.

T come triplete - Il secondo traguardo verso il tris perfetto è stato raggiunto. Resta l'ultimo ostacolo da superare per rendere indimenticabile una stagione già straordinaria.

U come unica - Sei scudetti di fila. Mai nessuna come la Juve nella storia del campionato italiano a girone unico.

V come Vinovo - Il quartier generale bianconero. Da qui nasce la preparazione e il lavoro di Allegri e della squadra. E qui, a ogni occasione, i tifosi fanno sentire da vicino il loro entusiasmo. "Andiamo a comandare".

Z come Zeman - E il grande nemico alla fine depone l'ascia di guerra: "Spero che a Cardiff vinca la Juve. Allenarla? Certo che andrei ma non mi chiameranno mai…".

TAGS:
Calcio
Juve
Scudetto

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X