pechino 2022

Pechino 2022, la Cina avverte: "Punizioni per chi critica le nostre leggi"

Il vicedirettore generale del Dipartimento per le relazioni internazionali: "Protette le posizioni in linea con lo spirito olimpico"

  • A
  • A
  • A

La Cina mette in guardia gli atleti stranieri delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 che potrebbero incorrere in punizioni per i discorsi o le prese di posizione in violazione dello spirito olimpico e della legge cinese, alimentando i timori per le restrizioni alla libertà d'espressione. "Qualsiasi posizione in linea con lo spirito olimpico sono sicuro sarà protetta e qualsiasi comportamento o discorso contrario, in particolare contro le leggi e i regolamenti cinesi, sarà soggetto a determinate punizioni", ha detto in un briefing Yang Shu, vicedirettore generale del Dipartimento per le relazioni internazionali di Pechino 2022.

Getty Images

La risposta di Yang è maturata in un briefing virtuale, sulle preoccupazioni degli atleti maturate dopo l'avvertimento di Human Rights Watch, con cui il gruppo di attivisti ha messo in guardia che a Pechino 2022 parlare di questioni relative ai diritti umani poteva mettere a rischio la propria sicurezza. 

L'articolo 50 della Carta olimpica chiarisce che "nessun tipo di manifestazione o propaganda politica, religiosa o razziale è consentita in alcun sito olimpico", ma il Cio ha chiarito che gli atleti sono liberi di esprimere le loro opinioni su qualsiasi questione nelle conferenze stampa e nelle interviste all'interno della bolla olimpica, purché non durante le gare o le cerimonie di premiazione.

La cancellazione dell'accreditamento è una delle potenziali punizioni in linea con le linee guida del playbook degli organizzatori, ha affermato Yang durante l'evento ospitato dall'ambasciata cinese a Washington. Quest'ultima ipotesi è menzionata esplicitamente per la violazione dei protocolli di prevenzione del Covid-19, come descritto nel playbook, il libretto delle regole definite per Pechino 2022.

Nelle passate Olimpiadi, qualsiasi violazione della Carta olimpica da parte degli atleti era gestita esclusivamente dal Cio. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti