Yamaha celebra il 20° anniversario della R1

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19

Il 2018 saluta il 20° anniversario di uno dei modelli più iconici nella storia del motociclismo, il primo modello Yamaha YZF-R1, nel 1998, rivoluzionò il mondo delle superbike. Le dimensioni, l'erogazione del motore, la configurazione degli elementi della ciclistica e i telaio stesso furono completamente ripensati. Yamaha per vent'anni ha continuato a utilizzare come piattaforma per l'innovazione la superbike che ha cambiato le regole del design, raggiungendo livelli di eccellenza mai sperimentati prima nel settore.

Per celebrare i 20 anni di questa moto rivoluzionaria, tre team racing Yamaha hanno partecipato alla leggendaria 8 ore di Suzuka, in sella a moto che presentavano la livrea bianco-rossa della prima YZF-R1 del 1998. Alla guida di moto "special edition" e indossando tute in pelle coordinate ai colori della carena, lo Yamaha Factory Racing Team di Alex Lowes, Michael van der Mark e Katsuyuki Nakasuga hanno dato tutto per l''impresa epica di assicurarsi la quarta vittoria consecutiva nella prestigiosa gara endurance.

Per sottolineare questo momento importante della sua storia e vent'anni di leadership nella tecnologia superbike, Yamaha Motor Europe è orgogliosa di annunciare il prossimo lancio in edizione limitata di YZF-R1 GYTR 2019, già pronta per la pista. "Vestita" con la livrea vincente 20° Anniversario - 8 ore di Suzuka, è dotata di serie di una vasta gamma di componenti GYTR® Performance Products - Genuine Yamaha Technology Racing, e di altre parti che ne esaltano le prestazioni. YZF-R1 GYTR è solo per la guida in pista. La dotazione principale GYTR su YZF-R1 GYTR comprende l'impianto elettrico racing, ECU, CCU e quick throttle. Questa Racer esclusiva monta all'anteriore il performante gruppo forcella Öhlins FGRT 219, l'ammortizzatore posteriore TTX36 GP e l'ammortizzatore di sterzo regolabile, oltre allo scarico in titanio Akrapovič Evolution 2 inoltre sono presenti protezioni Gilles Tooling per il carter motore e per i mozzi.

La moto prevede anche l'adozione di componenti racing non prodotti da Yamaha, selezionati e montati in collaborazione con i tecnici racing dell'Official Yamaha Racing Team. Tra questi la carena integrale racing in carbonio, con l'iconica livrea della 8 ore di Suzuka. Dopo l'assemblaggio le moto vengono sottoposte a una prova al banco con freno dinamometrico per il motore e una messa a punto specifica per il telaio, per garantire a tutti il potenziale vincente in pista. Una moto per veri appassionati del road racing.

Yamaha Motor Europe produrrà solo venti esemplari di questa moto esclusiva, uno per ogni anno durante il quale YZF-R1 ha tracciato la strada nel mondo superbike. Il modello in mostra all'EICMA è un prototipo e i clienti avranno accesso alla moto finale con tutte le specifiche e conosceranno il prezzo alla metà di dicembre, quando si potrà prenotare online, prima di acquistare la YZF-R1 GYTR da un Concessionario Ufficiale Yamaha. Chi sarà abbastanza fortunato da poter mettere le mani su questo pezzo unico nella storia del motociclismo sarà automaticamente iscritto a Yamaha Racing Experience (YRE) 2019, dove imparerà dagli specialisti a ricevere il massimo dalla sua moto, già pronta a scatenarsi in pista.

>
Milano-Cortina 2026, festa Italia a Losanna

Milano-Cortina, festa Italia a Losanna

Il Cio ha scelto la candidatura italiana per i Giochi del 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

I due ori olimpici supportano la candidatura italiana

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Un progetto di sport per costruire la pace

GT Italiano: la Lamborghini vola a Imola

La Lamborghini vola a Imola

Affermazione nel campionato GT Italiano con Postiglione e Mul

I giornali: 24 giugno

I giornali: 24 giugno

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Scene sorprendenti al Mondiale femminile, allo stadio di Valenciennes. Durante Inghilterra-Camerun, gara valida per gli ottavi di finale e già molto spigolosa fino a quel momento, il Var ha convalidato il gol del momentaneo 2-0 realizzato dalla britannica Ellen White al 49' del primo tempo e le giocatrici africane, furiose, si sono rifiutate di giocare per circa 3-4 minuti, discutendo con l'arbitro che in un primo momento aveva annullato la rete. La gara poi è ripresa, ma dopo il fischio finale del primo tempo le giocatrici del Camerun sono rimaste per cinque minuti in campo, rifiutandosi di tornare negli spogliatoi. Nella ripresa, poi, il Var ha invece annullato il possibile 2-1 di Ajara Nchout e la stessa è scoppiata in lacrime, consolata dalle compagne.

Tennis, ATP Halle: Federer batte Goffin in finale e trionfa per la decima volta

Federer, decimo trionfo a Halle!

Lo svizzero batte Goffin 7-6 6-1 in finale: è il titolo numero 102 in carriera 

Bautista, scivolata "mondiale"

Bautista, scivolata "mondiale"

Caduta per il ducatista in gara-2 a Misano, Rea riapre il campionato

La F1 omaggia gli 80 anni di Stewart

La F1 omaggia gli 80 anni di Stewart

Tutti con la coppola scozzese per l'ex pilota