MV Agusta, il primo sguardo alla Superveloce 800

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14

La storia è memoria e allo stesso tempo sguardo verso il futuro. MV Agusta affonda le sue radici nella gloriosa epopea delle competizioni: 37 titoli mondiali, vittorie leggendarie, sfide ai limiti dell’impossibile. Emozioni che hanno contribuito a creare il mito della Meccanica Verghera.  

MV Agusta Superveloce 800 debutta all’EICMA in forma di concept, anticipando il modello che verrà prodotto in serie nella seconda metà del 2019. Per le sue caratteristiche tecniche ed estetiche la Superveloce 800 si candida a diventare uno dei modelli più eclettici e originali nella storia dell’azienda.
Le linee della Superveloce 800 interpretano in chiave vintage e contemporanea i contenuti stilistici della storia MV Agusta. La carenatura in fibra di carbonio aderisce come una seconda pelle alle forme snelle e funzionali del motore e del telaio. Il cupolino dal taglio classico non nasconde le suggestioni anni Settanta, evidenziate anche dalla colorazione gialla del plexiglass e del vetro posto a protezione del gruppo ottico. Quest’ultimo è un pregiato elemento poliellissoidale full LED bi-funzione. La luce di posizione, anch’essa a LED, è integrata nel supporto della nuova strumentazione. Il codino sfuggente e leggero appoggia su un telaio di supporto inedito e ha una connotazione minimal consentendo all’utente la trasformazione da monoposto a biposto. Trova la sua sintesi nel gruppo ottico posteriore circolare a LED, elegante e compatto, oltre che del tutto inedito.

Ciclistica, motore e impianto frenante sono derivati dalla velocissima MV Agusta F3 800, con opportuni adattamenti che ne valorizzano le prestazioni anche sulla nuova Superveloce 800. Il motore sarà completamente rimappato, per valorizzarne le eccellenti caratteristiche di erogazione, senza escludere l’ipotesi di un incremento della potenza massima. L’intero impianto di scarico è stato riprogettato secondo lo schema 3 in 1 in 3, con i silenziatori collocati in modo asimmetrico: due sono sul lato destro, uno sul lato sinistro, a rievocare soluzioni tecniche ed estetiche ben presenti nella storia MV Agusta.

Dalla supersportiva F3 800 è ricavata la posizione in sella e quindi le quote di sella, manubrio e pedane, nel segno dell’ergonomia votata alla massima efficacia nella guida. Le pedane regolabili permettono di adattare la posizione, garantendo il perfetto inserimento del pilota nel veicolo. La facilità d’uso dei comandi al manubrio e a pedale si sposa con la chiarezza d’impatto e di visione della nuova strumentazione TFT con grafica dedicata e molte nuove funzionalità. Il tappo del serbatoio è stato appositamente disegnato, al pari della caratteristica cinghia di cuoio che incolla davanti e dietro il serbatoio al telaio.

La nuova MV Agusta Superveloce 800 entrerà in produzione nella sua veste tecnica ed estetica definitiva nella seconda metà del 2019.

>
Milano-Cortina 2026, festa Italia a Losanna

Milano-Cortina, festa Italia a Losanna

Il Cio ha scelto la candidatura italiana per i Giochi del 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

I due ori olimpici supportano la candidatura italiana

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Un progetto di sport per costruire la pace

GT Italiano: la Lamborghini vola a Imola

La Lamborghini vola a Imola

Affermazione nel campionato GT Italiano con Postiglione e Mul

I giornali: 24 giugno

I giornali: 24 giugno

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Scene sorprendenti al Mondiale femminile, allo stadio di Valenciennes. Durante Inghilterra-Camerun, gara valida per gli ottavi di finale e già molto spigolosa fino a quel momento, il Var ha convalidato il gol del momentaneo 2-0 realizzato dalla britannica Ellen White al 49' del primo tempo e le giocatrici africane, furiose, si sono rifiutate di giocare per circa 3-4 minuti, discutendo con l'arbitro che in un primo momento aveva annullato la rete. La gara poi è ripresa, ma dopo il fischio finale del primo tempo le giocatrici del Camerun sono rimaste per cinque minuti in campo, rifiutandosi di tornare negli spogliatoi. Nella ripresa, poi, il Var ha invece annullato il possibile 2-1 di Ajara Nchout e la stessa è scoppiata in lacrime, consolata dalle compagne.

Tennis, ATP Halle: Federer batte Goffin in finale e trionfa per la decima volta

Federer, decimo trionfo a Halle!

Lo svizzero batte Goffin 7-6 6-1 in finale: è il titolo numero 102 in carriera 

Bautista, scivolata "mondiale"

Bautista, scivolata "mondiale"

Caduta per il ducatista in gara-2 a Misano, Rea riapre il campionato

La F1 omaggia gli 80 anni di Stewart

La F1 omaggia gli 80 anni di Stewart

Tutti con la coppola scozzese per l'ex pilota