Moto Morini, ecco la Milano

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
Foto 43
Foto 44
Foto 45
Foto 46
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46

L’anno scorso si era presentata agli appassionati come concept, oggi finalmente fa il suo debutto in società. Moto Morini Milano nasce per godere del semplice piacere di andare in moto e di lasciarsi alle spalle ogni pensiero. E’ una moto che affascina ogni sguardo, e che è capace di far innamorare per la facilità con cui diverte chi la guida, non importa se in modo sportivo o disimpegnato. Attraverso il suo carattere fatto di stile, versatilità e dinamicità, lancia oggi una nuova tendenza, proprio come la città di cui porta il nome e che l’ha ispirata: Milano. Le linee tracciate risvegliano il gusto classico ma sono state reinterpretate grazie ai più recenti stilemi del design italiano. Una scelta che ha permesso di creare un aspetto senza tempo, destinato a durare oltre le mode. Come già la Corsaro ZZ e la Corsaro ZT, anche la Milano è al 99% italiana, assemblata artigianalmente nello stabilimento di Trivolzio (PV) con componenti e materiali forniti da aziende italiane. La Milano ha forme che ricordano il passato ma lo spirito giusto per guardare al futuro, come fa chi ha rispetto della storia ma vuole porre solide basi per altri successi. La famosa 312 degli anni Settanta rivive ora nella nuova proposta di Moto Morini che mantiene fede ai valori sui quali sono stati fondati ottanta anni di storia. Le luci dei locali generano nuovi bagliori. L’atmosfera si anima sulle note di canzoni lontane. L’eleganza prende forma da linee precise che generano volumi generosi, valorizzati da colori elegantemente classici e iconici. Ed ecco che gli sguardi vengono catturati da una meccanica in movimento che sembra essere stata generata plasmando un’estetica senza tempo. Il suono cupo, proveniente dal doppio terminale sovrapposto, le conferisce carattere e quel tocco finale di personalità che ogni motociclista vuole poter possedere almeno una volta nella vita. Moto Morini Milano ha tutto questo.

Lo stile, realizzato da Angel Lussiana, abbinato alla meccanica distintiva, rappresenta in maniera perfetta la città che le ha dato il nome. Milano, città viva, pulsante, capitale economica d’Italia, fucina inarrestabile di tendenze e stili. Arte e scienza. Meccanica e dinamica. Tecnica e passione. Cuore e anima. Negli anni Settanta Moto Morini ha dato vita alla 312, una delle sue creazioni più note in tutto il mondo: una motocicletta affascinante ma anche lesta fra le curve, un oggetto prezioso ma non irraggiungibile, una moto desiderata da molti, ancora oggi amata dai suoi proprietari e ricercata dai collezionisti. Le analogie con la nuova Moto Morini Milano sono chiare: a partire dallo stile di allora, che ha permesso di tracciare le prime linee di quello di oggi, ma anche nel cuore pulsante si ritrova la parentela fra i due modelli. Il bicilindrico a V di 344 cc nato nel 1969 è stato firmato dallo stesso progettista - Franco Lambertini - che ha creato l’attuale bicilindrico a V di 1.187, il Bialbero CorsaCorta. Fra i due, la scelta comune di non puntare su prestazioni assolute difficili da gestire ma più che adeguate per sfruttare una ciclistica efficace e precisa ed una massa totale contenuta. Come in passato, la ricerca è stata mirata a ottenere non tanto un valore di prestazione massima, ma un alto piacere di guida, grazie a un motore generoso, sorretto da una ciclistica efficace, ma precisa e svelta. La parola d’ordine è “piacere”. Visivo, tattile, di guida. Per amplificare le emozioni alla guida, la Milano si presenta con il noto Bialbero CorsaCorta a V di 87° e 1200 centimetri cubi (ottenuti con un alesaggio e una corsa rispettivamente di 107 mm e 66 mm) già omologato Euro4 su Corsaro ZZ e ZT ma, con componenti meccanici rivisti per regalare una erogazione ancora più fluida e piena che in passato. Un grande lavoro svolto dai tecnici Morini per regalare all’appassionato un’esperienza di guida unica ma non estrema, serena e piacevole, al tempo sportiva ma non stancante. La curva di coppia ottenuta è corposa ma ben distribuita nel suo tracciato. Il propulsore Morini è capace di erogare una potenza di 116 cavalli a 8000 giri/min e una coppia di 108 Nm a 7.000 giri/ min. A dargli voce e tono ecco un impianto di scarico da vera “special”, raro da trovare su una moto di serie. I collettori si allungano sinuosi quasi a voler abbracciare il motore e far bella mostra di sè, prima di confluire nel doppio terminale di scarico dalle dimensioni generose. La Milano è una moto che punta sulla bellezza, estetica e di guida. Ecco allora che per raggiungere questo ambizioso traguardo, i tecnici Morini hanno optato per un comparto sospensioni studiato ad hoc insieme ai tecnici dell’italiana Mupo Race Suspension: forcella upside-down da 46 mm regolabile in ogni parametro (precarico molla, compressione e ritorno) e monoammortizzatore regolabile nel precarico, estensione, interasse. L’elemento posteriore viene azionato tramite un forcellone a traliccio realizzato in acciaio al Cromo Molibdeno che lavora con una corsa di 110 mm (ruota anteriore 120 mm), con interposizione di leveraggi studiati per garantire sia comfort che sostegno nella guida più sportiva. Interessante far notare che come optional è previsto il trattamento DLC (Diamond Like Carbon) degli steli della forcella così da aumentarne la scorrevolezza e garantire un look ancor più accattivante e personale. Sventola la bandiera tricolore anche sull’impianto frenante firmato Brembo: doppio disco anteriore da 320 mm e pinze a 4 pistoni ad attacco radiale (azionate da una pompa radiale) abbinate a una pinza posteriore a due pistoni che agisce su un disco da 220 mm. Completano il bouquet “Made in Italy”, gli pneumatici Pirelli Angel GT calzati sui cerchi in lega da 17 pollici. A lavorare insieme all’impianto frenante ed agli pneumatici, l’ABS Bosch 9.1 MP a due vie disinseribile tramite un pulsante al manubrio. Moto Morini Milano sarà disponibile in due colorazioni (rosso e blu) a partire dalla prossima primavera.

E' prevista anche un'edizione limitata, denominata appunto Milano Edizione Limitata. Sarà disponibile in soli 30 esemplari consegnati entro la fine di ottobre 2018, diversi mesi prima della consegna delle moto di serie e avrà una speciale dotazione: placca recante il numero di serie limitata, fascia in alluminio sul serbatoio, sella artigianale ricamata con logo Moto Morini, verniciatura micalizzata bicolore, specchietti e frecce Rizoma per Moto Morini, cerchi bianchi, telo coprimoto, giubbotto Moto Morini, casco Moto Morini. Il prezzo della Moto Morini Milano Edizione Limitata è di 17.500 €, in linea con quello che sarà la versione top di gamma della Milano, normalmente in vendita da aprile 2019. Gli interessati potranno completare la procedura di prenotazione contattando l’azienda, scegliere il proprio numero di produzione ed eventualmente richiedere specifiche personalizzazioni che realizzeremo direttamente in fabbrica.

>
Argentina: la prima volta di Icardi e Dybala

La prima volta di Icardi e Dybala

Primo gol per entrambi con la maglia dell'Argentina

I giornali: mercoledì 21 novembre

I giornali: mercoledì 21 novembre

La rassegna stampa dei quotidiani italiani e stranieri

Neymar e Mbappé ko

Neymar e Mbappé ko

Psg, doppio infortunio in Nazionale

Italia-Usa, invasione di campo e abbracci

Italia, invasione di campo

Tifoso entra in campo e abbraccia gli azzurri

Italia-Usa 1-0: Mancini ringrazia Politano

Italia, ci pensa Politano

Gli azzurri battono gli Usa a Genk

Test MotoGp a Valencia: Viñales il più veloce

MotoGP, i test a Valencia

Primo contatto per Jorge Lorenzo con la Honda

Battesimo Aprilia-Iannone: la MotoGP versione 2019

Battesimo Aprilia-Iannone

Test di Valencia: ecco i piloti che hanno cambiato moto

Test MotoGP, ecco la Honda di Lorenzo

La prima volta di Lorenzo sulla Honda

Primo giorno da pilota Honda per Jorge a Valencia

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

GT3 Junior Program a Vallelunga: un posto per quattro