Moto Guzzi V85 TT, la classic enduro

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27

Moto Guzzi guarda al 2021, anno del suo centenario, rilanciando la sua gamma. L'ultimo gioiello di Mandello del Lario porta il nome di V85 TT, una classic enduro dedicata al turismo, che però si rifà ai raid degli anni '80. Proporzionata nelle dimensioni tutt’altro che proibitive, accessibile da piloti di ogni levatura ed esperienza, stretta nel girovita per lasciare libertà ai movimenti, V85 TT vanta una ottimale sistemazione di pilota e passeggero. Nessun compromesso è stato concesso a discapito di comfort e abitabilità, ne risulta una moto comoda in due, con le motovaligie installate sulla struttura del telaietto. Il design del serbatoio è un richiamo alla tradizione delle Moto Guzzi allestite per i raid africani. In linea con la storia Guzzi sono anche il parafango anteriore alto e il bellissimo proiettore doppio anteriore, soluzioni stilistico/funzionali già presenti sulla NTX 650 del 1996 e sulla Quota 1000 del 1989. Elementi modernamente tecnologici - come la strumentazione completamente digitale e la serie di luci a LED DRL del proiettore anteriore - si combinano così a stilemi di grande classicità del mondo del fuoristrada. La competenza di Moto Guzzi nel costruire ciclistiche sopraffine è confermata anche su V85 TT. Il telaio è completamente nuovo; perseguendo gli obiettivi di leggerezza, razionalità e accessibilità, è realizzato in tubi di acciaio e sfrutta il particolare ancoraggio del motore per realizzare una struttura rigida che restituisca da una parte precisione e rigore su strada e dall’altra robustezza e giusto feeling nella guida fuori strada. Il bellissimo forcellone asimmetrico in alluminio presenta sulla parte sinistra un braccio dalla conformazione ricurva, utile per disegnare un andamento del tubo di scarico molto lineare, in modo da diminuire al massimo gli ingombri laterali. Il braccio destro del forcellone invece ospita la nuova trasmissione cardanica. Il monoammortizzatore collega in maniera diretta il telaio al braccio destro del forcellone, soluzione che facilita l’accesso alle regolazioni idrauliche e di precarico della molla, liberando spazio al layout dell’impianto di scarico. Le sospensioni offrono un’escursione ruota molto generosa per un utilizzo soddisfacente in fuoristrada, anche grazie a una cospicua altezza da terra del propulsore, oltre a garantire comfort sulle strade più consuete. Su V85 TT debutta un nuovo motore Moto Guzzi. Lo schema costruttivo è quello proprietario ed esclusivo di tutte le Moto Guzzi di attuale produzione: si tratta infatti di un bicilindrico a V trasversale di 90° da 850 cc raffreddato ad aria che esprime 80 CV di potenza. È un motore che, in piena filosofia Moto Guzzi, si candida a essere un classico nel prossimo futuro, assicurando prestazioni gratificanti su ogni percorso, oltre a garantire gran carattere e il consueto e spettacolare tiro fin dai bassi regimi.

>
Platini, dal Nancy alla Uefa

Platini, dal campo alla Uefa

La fotostoria della carriera di Michel

Adrenalina, emozioni e festa: la 24 Ore di Le Mans al box Kessel

Adrenalina, emozioni e festa: 24 Ore al box Kessel

A Le Mans abbiamo seguito da vicino il primo equipaggio tutto femminile al volante di una Ferrari

I giornali: 18 giugno

I giornali: 18 giugno

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Napoli, Sarri diventa Giuda con i "30 denari"

Sarri diventa Giuda nel presepe

Dal Napoli alla Juve con i "30 denari"

Totti, addio amaro alla Roma

Totti, addio amaro alla Roma

Conferenza al veleno per l'ex capitano giallorosso

Andy Murray si allena sull'erba

Murray si allena sull'erba

Andy pronto a tornare dopo l'operazione all'anca

"Totti ha disintegrato la Roma": l'ironia del web sulla conferenza stampa 'esplosiva'

"Totti ha disintegrato la Roma": l'ironia del web sulla conferenza stampa 'esplosiva'

Ecco i meme più divertenti sulle durissime parole dell'ex capitano e dirigente giallorosso nei confronti della società capitolina

Rispecchiare l'ambizione e la visione futura del Club. Non è casuale la scelta di un luogo altamente iconico della città, simbolo della nuova Milano globale e tecnologica.  All'interno del building 'The Corner', di proprietà del Gruppo Generali, cinque piani completati da una terrazza panoramica con una vista che abbraccia Milano dalla Madonnina fino a San Siro ospitano da oggi la nuova casa del Club in città, progettata da DEGW e FUD, brand del Gruppo Lombardini22. Gli spazi sono caratterizzati da un'attenta opera di identità visiva che vede il brand nerazzurro ricoprire un ruolo centrale insieme ai grandi campioni della storia del Club e all'internazionalità dei colori nerazzurri.  Un ambiente di lavoro caratterizzato dalla piacevole luminosità naturale creata da grandi finestre che immergono gli spazi nel cuore del distretto dell'innovazione di Porta Nuova, da scelte di arredamento curate e da soluzioni tecnologiche innovative. Il risultato finale è uno spazio in cui le aree delle diverse postazioni lavoro si accompagnano a zone create per la condivisione e la collaborazione.  Unico nel suo genere il 9° piano della struttura, dedicato all'accoglienza di ospiti e agli eventi, nel quale trovano spazio una sala media multifunzione, ma anche l'area Inter Heritage e una Trophy Room completamente rinnovata, vera e propria installazione multimediale che racconta in un solo colpo d'occhio la storia dell'intero palmares nerazzurro.  La eco-sostenibilità è uno dei valori che il Club vuole avere come riferimento in questa nuova era. Ha scelto quindi per la sua nuova sede un building riqualificato con particolare attenzione al rispetto dell'ambiente e all'efficienza delle prestazioni, che ha ricevuto la certificazione LEED Gold.  Non si esauriscono con la sede milanese gli investimenti in nuove infrastrutture per lo sviluppo del Club: oltre alla nuova sede, da pochi giorni è partito anche il progetto di ristrutturazione per il Suning Training Center di Appiano Gentile, che consentirà al Club di dotarsi di una struttura d'élite in grado di fornire alla nostra squadra tutto il supporto necessario per elevare ancora di più la nostra performance sportiva.     Foto di Marco Cappelletti, courtesy di DEGW e FUD Factory| Lombardini22

La nuova Casa dell'Inter: ecco le prime foto

La sede nerazzurra nel quartiere Porta Nuova a Milano

I giornali: lunedì 17 giugno

I giornali: lunedì 17 giugno

La rassegna italiana e internazionale