Ktm dà nuovo vigore alla 1290 Super Duke GT

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
1
2
3
4
5
6
7
8
9

Ktm ha deciso di rivitalizzare la sua 1290 Super Duke GT. Partendo dallo stesso motore della potentissima KTM 1290 SUPER DUKE R, il bicilindrico LC8 V-twin a 75° da 1.301 cc, gli ingegneri KTM lo hanno sviluppato introducendo camere di risonanza modificate, valvole di aspirazione in titanio e una nuova mappatura per raggiungere gli incredibili valori di 175 CV e 141 Nm di coppia. Per farla breve, c’è sempre potenza a portata di mano, sfruttabile in modo ancora più semplice grazie all’aggiunta del Quickshifter+, che consente cambiate senza frizione incredibilmente fluide, sia a salire che a scendere. La KTM 1290 SUPER DUKE GT è anche un concentrato di tecnologia, che adotta l’intera gamma dei sistemi elettronici sviluppati da KTM per offrire le migliori prestazioni e assistenza alla guida. Con la potenza frenante e il controllo di trazione sensibili dall’angolo di piega e numerosi riding mode – compresa la modalità opzionale ‘Track’ – l’elettronica così evoluta mette i piloti in grado di sfruttare a fondo il potenziale della GT nella più ampia varietà di condizioni e strade su cui può essere portata: un fattore essenziale per una moto capace di percorrere lunghe distanze. Sulla nuova GT vi sono cambiamenti sostanziali anche al ponte di comando. Il display TFT da 6,5” è posizionato dietro un nuovo parabrezza dalla profilatura aerodinamica, regolabile in altezza su diverse posizioni e ancora più facile da azionare con una mano sola. Tutto a colori, il nuovo display è visibile anche in pieno sole e adotta una disposizione inedita delle informazioni, che permette di monitorare facilmente lo stato di tutti i sistemi della moto senza distrarre l’attenzione del pilota. Muoversi tra i diversi menu e funzioni è facile e intuitivo e il controllo avviene grazie al tasto retroilluminato posto sul semimanubrio di sinistra, dove si trova ora anche il comando del cruise control. Il frontale immediatamente riconoscibile, dal family feeling inequivocabilmente “DUKE”, è fondamentale nella identità rivisitata della GT. Al centro della rinnovata parte anteriore c’è un nuovo, potente faro full LED, nel quale forma e funzione sono perfettamente integrate. Il dissipatore di calore centrale in alluminio sorregge sei LED ultra-luminosi rivolti in avanti, mentre altri LED generano la luce diurna DRL che garantisce una miglior visibilità della moto da parte degli altri utenti della strada. E quando il viaggio si protrae anche dopo il tramonto, le cornering lights montate sui convogliatori ai lati del serbatoio illuminano l’interno della curva in modo eccezionale. L’ultima generazione delle sospensioni semi-attive WP rappresenta il pacchetto più sofisticato mai offerto da KTM, con sensori ancora più potenti che analizzano le condizioni del fondo stradale per regalare precisione e maneggevolezza su qualunque strada e in qualunque condizione di carico. Il precarico della GT può essere regolato con la semplice pressione di un bottone, senza bisogno di attrezzi, per adattarsi a qualunque combinazione di pilota, passeggero e bagagli. Basta un dito anche per trasformare il comportamento delle sospensioni in modo da adeguarlo alla strada o all’umore: Comfort, Street o Sport. Le manopole riscaldate sono montate di serie e nei convogliatori ai lati del serbatoio sono stati ricavati due nuovi vani, che consentono di tenere a portata di mano un telefono cellulare o i documenti. Uno dei due lati prevede anche una presa USB per caricare i dispositivi preferiti anche durante il viaggio. Ad aggiungere ulteriore comfort sulle lunghe distanze provvede la connettività per lo smartphone KTM MY RIDE: la KTM 1290 SUPER DUKE GT 2019 è ora compatibile con la navigazione, con indicazioni curva per curva riportate sul cruscotto e indicazioni audio in 5 lingue, attraverso l’app scaricabile separatamente. È anche possibile rispondere o rifiutare chiamate in arrivo, mentre l’identità del chiamante è visualizzata sul display, come pure muoversi all’interno di una playlist di musica preferita. La nuova 1290 SUPER DUKE GT viene proposta in due colori, bianco e nero. Disponibilità a partire da gennaio 2019, il prezzo di vendita verrà comunicato a breve.

>
Platini, dal Nancy alla Uefa

Platini, dal campo alla Uefa

La fotostoria della carriera di Michel

Adrenalina, emozioni e festa: la 24 Ore di Le Mans al box Kessel

Adrenalina, emozioni e festa: 24 Ore al box Kessel

A Le Mans abbiamo seguito da vicino il primo equipaggio tutto femminile al volante di una Ferrari

I giornali: 18 giugno

I giornali: 18 giugno

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Napoli, Sarri diventa Giuda con i "30 denari"

Sarri diventa Giuda nel presepe

Dal Napoli alla Juve con i "30 denari"

Totti, addio amaro alla Roma

Totti, addio amaro alla Roma

Conferenza al veleno per l'ex capitano giallorosso

Andy Murray si allena sull'erba

Murray si allena sull'erba

Andy pronto a tornare dopo l'operazione all'anca

"Totti ha disintegrato la Roma": l'ironia del web sulla conferenza stampa 'esplosiva'

"Totti ha disintegrato la Roma": l'ironia del web sulla conferenza stampa 'esplosiva'

Ecco i meme più divertenti sulle durissime parole dell'ex capitano e dirigente giallorosso nei confronti della società capitolina

Rispecchiare l'ambizione e la visione futura del Club. Non è casuale la scelta di un luogo altamente iconico della città, simbolo della nuova Milano globale e tecnologica.  All'interno del building 'The Corner', di proprietà del Gruppo Generali, cinque piani completati da una terrazza panoramica con una vista che abbraccia Milano dalla Madonnina fino a San Siro ospitano da oggi la nuova casa del Club in città, progettata da DEGW e FUD, brand del Gruppo Lombardini22. Gli spazi sono caratterizzati da un'attenta opera di identità visiva che vede il brand nerazzurro ricoprire un ruolo centrale insieme ai grandi campioni della storia del Club e all'internazionalità dei colori nerazzurri.  Un ambiente di lavoro caratterizzato dalla piacevole luminosità naturale creata da grandi finestre che immergono gli spazi nel cuore del distretto dell'innovazione di Porta Nuova, da scelte di arredamento curate e da soluzioni tecnologiche innovative. Il risultato finale è uno spazio in cui le aree delle diverse postazioni lavoro si accompagnano a zone create per la condivisione e la collaborazione.  Unico nel suo genere il 9° piano della struttura, dedicato all'accoglienza di ospiti e agli eventi, nel quale trovano spazio una sala media multifunzione, ma anche l'area Inter Heritage e una Trophy Room completamente rinnovata, vera e propria installazione multimediale che racconta in un solo colpo d'occhio la storia dell'intero palmares nerazzurro.  La eco-sostenibilità è uno dei valori che il Club vuole avere come riferimento in questa nuova era. Ha scelto quindi per la sua nuova sede un building riqualificato con particolare attenzione al rispetto dell'ambiente e all'efficienza delle prestazioni, che ha ricevuto la certificazione LEED Gold.  Non si esauriscono con la sede milanese gli investimenti in nuove infrastrutture per lo sviluppo del Club: oltre alla nuova sede, da pochi giorni è partito anche il progetto di ristrutturazione per il Suning Training Center di Appiano Gentile, che consentirà al Club di dotarsi di una struttura d'élite in grado di fornire alla nostra squadra tutto il supporto necessario per elevare ancora di più la nostra performance sportiva.     Foto di Marco Cappelletti, courtesy di DEGW e FUD Factory| Lombardini22

La nuova Casa dell'Inter: ecco le prime foto

La sede nerazzurra nel quartiere Porta Nuova a Milano

I giornali: lunedì 17 giugno

I giornali: lunedì 17 giugno

La rassegna italiana e internazionale