Honda CBR1000RR Fireblade

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

L’evoluzione della Fireblade è stata sempre guidata, fin dal 1992, dalla filosofia del “Controllo Totale”, ed ha sempre fatto sì che la superbike Honda fosse considerata il riferimento tra le maxi supersportive.

La versione 2017 ha scritto un nuovo capitolo di questa evoluzione, dando vita alla Fireblade con il miglior rapporto potenza/peso di sempre. Il modello base, con sospensioni Showa, si è presentato con un peso di appena 196 kg con il pieno, la versione SP, con sospensioni Öhlins semi-attive, ha fatto segnare addirittura 195 kg con il pieno. Entrambe hanno innalzato il livello delle prestazioni assolute grazie al motore da 192 CV a 13.000 giri/min.

Dotate entrambe di piattaforma inerziale (IMU) collegata alla centralina di gestione motore (ECU) e al comando gas elettronico (TBW), forniscono tre Riding Mode predefiniti e due completamente personalizzabili, contraddistinti da un mix di erogazione potenza, controllo di trazione, freno motore e, nel caso della versione SP, set-up delle sospensioni.

Per il 2019 entrambe le versioni della Fireblade ricevono leggeri aggiornamenti estetici alle grafiche delle carene, ma ciò che fa loro fare un ulteriore passo avanti in termini di prestazioni assolute è l’implementazione di un’elettronica ancora più sofisticata, sviluppata sulla base dei riscontri dei piloti professionisti e dal lavoro congiunto degli ingegneri dell’R&D Honda e del Team HRC MotoGP.

Entrambi i modelli condividono importanti aggiornamenti dell’elettronica, derivati dalle soluzioni adottate dal Team HRC MotoGP, e tutti incentrati sul miglioramento di ogni aspetto legato alle prestazioni in circuito.

Il controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control) è più preciso ai più accentuati angoli di piega e offre un collegamento più diretto con il comando gas.

Sistema Anti-Wheelie con impostazioni separate dal controllo di trazione con indicazione del livello sul cruscotto TFT a colori.

Risposta al comando del gas rimappata per un miglior feeling in ingresso curva e un’erogazione più efficace in uscita di curva.

Intervento dell’ABS rimappato per massimizzare l’efficacia della frenata in circuito

Grafiche ritoccate permettono di riconoscere le versioni 2019.

>
Parma, colpo a Udine

Parma, colpo a Udine

I ducali passano 2-1 al Friuli grazie a un super-Gervinho

Psg, brutto infortunio per Verratti: caviglia ko

Verratti, caviglia ko

Il centrocampista subito all'ospedale

Foto Inter.it

San Siro contro il razzismo

Speciale coreografia contro il Sassuolo

Serie A, Roma-Toro 3-2: le foto

Roma, tris per la Champions

Ci pensa ElSha: Toro battuto 3-2 all'Olimpico

Sci, discesa Wengen: che botto per Buzzi

Che botto per Buzzi

L'italiano dopo il traguardo sbatte contro le barriere

Williams-Yastremska (Afp)

Serena consola la Yastremska

Bel gesto dell'ex numero 1 al mondo

La Champions si fa arancione: ecco il pallone della finale

La Champions si fa arancione

Svelato il pallone della finale di Madrid

Fognini, è maledizione Carreño-Busta

Fognini, è maledizione Carreño-Busta

Il ligure saluta gli Australian Open

I giornali: 19 gennaio

I giornali: 19 gennaio

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri