GREEN AL QUADRATO

Droni per piantare alberi

Contro la deforestazione arriva la tecnologia elettrica

  • A
  • A
  • A

Centomila alberi al giorno. Questa la potenzialità dei droni, in grado di arrivare in luoghi difficilmente raggiungibili per fare fronte all'enorme problema del disboscamento mondiale. Pensando che sono circa 15 miliardi, le piante che vengono abbattute ogni anno. Quindi un drone, anzi due. Il primo che riprende la terra sottostante per studiare uno schema per la piantagione, redigendo una mappa 3d. Il secondo, carico di semi germinati, in grado di piantarli ad una velocità di uno al secondo,

Un metodo 10 volte più veloce e il 20% più economico, rispetto all'impianto manuale, Che è stato sperimentato in numerosi paesi del mondo, sparando gusci di semi germinati nei luoghi compatibili, alla velocità perfetta per penetrare il terreno.  Una  “riforestazione su scala industriale” come dichiara BioCarbon Engineering. 

Obiettivo piantare 500 miliardi di alberi da qui al 2060. I droni guidati a distanza volano all’altezza di circa 2 metri e trasportano dei baccelli con al loro interno i semi germinati immersi in un gel ricco di sostanze nutritive, li lasciano cadere al suolo e i semi attecchiscono nel terreno. Dopo la semina i droni continuano a monitorare il territorio, attraverso sopralluoghi fisici, per tenere sotto controllo l’area interessata.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments