Davis, Italia-Francia pari: 1-1

Nei quarti a Genova Seppi sconfitto 3-2 da Pouille, poi Fognini batte 3-1 Chardy e ristabilisce la parità

  • A
  • A
  • A

Si conclude sull'1-1 la prima giornata di sfide tra Italia e Francia per i quarti di finale di Coppa Davis. Sulla terra rossa di Genova, Seppi è stato sconfitto nella prima sfida da Pouille, numero 11 del ranking, chiudendo sul 3-2 (3-6, 2-6, 6-4, 6-3, 1-6). Nel pomeriggio è arrivato per gli azzurri il punto del pareggio di Fognini che ha battuto 3-1 Chardy (6-7, 6-2, 6-2, 6-3) riportando l'Italia in corsa per le semifinali.

Sulla terra rossa del circolo Valletta Cambiaso va in scena il primo confronto tra Seppi e Pouille. L'Italia è reduce dalla vittoria sul Giappone agli ottavi, la Francia numero 1 nel ranking delle nazioni si è qualificata superando l'Olanda. Seppi era fermo da febbraio per un infortunio all'anca, le conseguenze si vedono forse solo dalla metà del primo set: Pouille prova a fare la partita e strappa il primo game solo ai vantaggi, Seppi replica senza concedere break fino al 3-3, ma dopo sembra arrivare un completo black out. La chiusura di set è a senso unico con il francese che passa 6-3 giocando molto da fondo campo e senza mai rischiare troppo.
Nel secondo set l'impatto di Seppi è assolutamente da dimenticare, Pouille non se lo fa ripetere due volte e porta a casa sette game consecutivi. L'azzurro reagisce nel suo terzo turno di battuta portandosi sul 4-1, il francese replica subito e Seppi riesce a strappare solo un altro game prima di arrendersi anche nel secondo set con un 6-2 finale.
Pouille inizia a concedere qualcosa e nel suo secondo servizio del terzo set arriva anche il primo break della partita di Seppi. L'azzurro ha un moto d'orgoglio dando vita a una lenta rimonta che si concretizza nel decimo game, quando il francese con un doppio fallo gli spiana la strada al secondo break che vale il 6-4 del terzo set per il complessivo 2-1.
Seppi sembra rinato, non concede tregua a Pouille e la storia della partita cambia radicalmente: il francese è alle corde e fatica a trovare la reazione, i primi tre giochi sono dell'azzurro che forte del vantaggio arriva senza troppi problemi a chiudere il quarto set sul 6-3.
Seppi però incappa in un nuovo black out e per il francese la strada è tutta in discesa nell'ultimo set: un netto 6-1 non lascia scampo all'azzurro, Pouille scaccia i fantasmi e porta a casa la vittoria nel quinto set.

Sempre sulla terra rossa è andato in scena il secondo confronto della giornata tra Fabio Fognini e Jeremy Chardy, con l'azzurro chiamato a riscattare la sconfitta di Seppi nel primo match, contro Pouille, per portare la serie in parità. Fognini (numero 20 del ranking Atp) contro Chardy (numero 80) e il primo set è una vera e propria battaglia con l'italiano che si è ritrovato a rincorrere per buona parte, una volta sotto addirittura 5-2, riuscendo a recuperare per poi cedere al francese 8-6 al tie break per un primo set chiuso sul 7-6 in un'ora e 13 minuti. Nel secondo set arriva il riscatto di Fognini che prima perde subito il servizio per andare sotto 2-0, poi conquista sei game di fila lasciando le briciole all'avversario per chiudere 6-2 in 36 minuti di partita per ristabilire la parità nei parziali. Si va al terzo set e con un po' di sofferenza in più, nonostante lo stesso risultato del secondo set, Fognini riesce a vincere ancora portandosi 2-1 e ribaltando lo svantaggio iniziale strappando il servizio all'avversario sul due pari per poi infilare una serie di quattro game di fila e chiudere il conto dopo un set durato 54 minuti. Nel quarto parziale (durato 48') l'italiano chiude i conti con un 6-3 che vale il punto del pareggio per l'Italia nella prima giornata di sfide contro la Francia nei quarti di finale di Coppa Davis.

"Ho sperato anche in un risultato migliore ma il punteggio ci sta". Così il capitano della squadra italiana di Davis Corrado Barazzutti ha commentato i due match della prima giornata dei quarti di Coppa Davis contro la Francia. "Peccato per Andreas (Seppi ndr) - ha aggiunto Barazzutti - perché aveva rimontato due set e stava giocando bene nel quinto".

Sui battibecchi tra Fognini e Chardy, Barazzutti spiega: "tra loro c'è un po' di astio ma niente di particolare, alla fine si sono anche abbracciati. Fabio ci teneva a vincere anche per vendicare l'ultima sconfitta negli Usa".

"Il suo nervosismo? E' un giocatore che va tenuto tranquillo, a volte non ci si riesce, ma in Davis è uno che rende molto". Sulla partita del numero uno azzurro Barazzutti ha sottolineato le difficoltà iniziali: "Poi è cresciuto e a parte una pausa sul 3-0 del quarto set, quando si è un po' distratto, non ci sono mai stati particolari problemi".

"Era un punto da portare a casa con quello che avevo oggi e ce l'ho fatta, il resto non conta". Così Fabio Fognini commenta la vittoria su Jeremy Chardy. "All'inizio ho faticato a muovere palla con il rovescio, nel primo set non mi sentivo bene e lo dicevo a Corrado (il capitano Barazzutti, ndr), tuttavia l'avevo ripreso e ho perso di misura il tie-break dove mi ha fatto un ace e una risposta sulla riga. Poi sono andato avanti col punteggio abbastanza nettamente, nel quarto mi sono rilassato un attimo ma alla fine sono riuscito a chiudere, quello che serviva. Direi una prestazione positiva ed è stato bello davanti alla mia famiglia e a tanti amici, in una città dove sono cresciuto fino ai 14 anni e dove in passato ho vinto due challenger".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments