Tennis, Fed Cup: Italia avanti 2-0 sugli Usa

Knapp e Giorgi hanno superato McHale e Keys

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Karin Knapp (Ansa)

L'Italia, campione in carica ma priva delle sue giocatrici migliori, conduce per 2-0 sugli Stati Uniti senza le sorelle Williams al termine della prima giornata dei quarti di finale della Fed Cup di tennis. A Cleveland, sul veloce indoor del Public Auditorium, dopo la vittoria di Karin Knapp contro Christina McHale per 6-3, 3-6, 6-1, Camila Giorgi ha battuto Madison Keys per 6-2 6-1. Domenica sono in programma gli altri due singolari e il doppio.

Insomma l’Italia giovane e rinnovata non ha deluso le attese mostrando grande autorità nonostante l’emozione della prima volta. Il capitano Corrado Barazzutti ha convocato oltre alla Knapp e alla Giorgi, anche Nastassja Burnett a Alice Matteucci, quest’ultima classe 1995. Un match dominato dalla 26enne altoatesina nel primo set: Karin ha strappato il turno di battuta alla rivale nel quarto game (3-1) e già sul 5-2 ha avuto due set point, prima di chiudere 63. Nella seconda partita l’azzurra ha pagato un piccolo passaggio a vuoto sul 4-3 per la McHale, che ha consentito all’americana di centrare il suo primo break dell’incontro e di chiudere poi 63. Brava la Knapp a non perdere lucidità: è partita fortissimo nel terzo e decisivo set portandosi sul 4-0, quindi 61 con la statunitense che mostrava chiaramente di aver pagato lo sforzo. L’azzurra ha giocato un ottimo match: ha saputo gestire l’emozione e ha servito in modo molto efficace mettendo a segno anche cinque ace. Nel secondo singolare la Giorgi, all’esordio in Fed Cup, ha letteralmente travolto Madison Keys, numero 37 del ranking Wta, 19enne in grande crescita. Praticamente non c’è stata partita con la 22enne marchigiana sempre a comandare gli scambi. Equilibrio solo nei primi game, poi Camila è volata via con le sue accelerazioni sia di diritto che di rovescio e per la Keys non c’è più stato nulla da fare.

TAGS:
Tennis
Fed Cup
Usa
Italia

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento