Ma dai?!?

Chicche nascoste nella grande storia dello sport

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Ma dai?!?

Perché la palla del rugby è ovale?
Come si sa, il rugby moderno è nato nell'omonima cittadina inglese. Lì, a Rugby, lavorava l'artigiano William Gilbert, che fabbricava i palloni per il college culla della nuova disciplina usando vesciche di maiale: ben lontane dalla tradizionale sfericità. La Gilbert, ancora oggi, è l'azienda leader nella produzione di palle ovali ed è il pallone ufficiale della World Cup.

Nella pagina seguente: perché la Juventus non è la prima società di Serie A ad avere un moderno stadio di proprietà?

Perché la Juventus non è la prima società di Serie A ad avere un moderno stadio di proprietà?
Perché in realtà, escludendo il calcio dei primi decenni (il Milan, per fare un esempio, è stato proprietario di San Siro fino ai tardi anni '30), la prima società a costruire e gestire un proprio stadio è stata la Reggiana. Lo stadio "Giglio", realizzato da un consorzio controllato dal club, è stato inaugurato il 15 aprile 1995 proprio contro la Juventus, che vinse 2-1. Nel 2005, a causa del fallimento della società, l'impianto è in mano del Tribunale di Reggio Emilia

Perché i giocatori della Nazionale spagnola non cantano l'inno?
Perchè la Marcha Real, l'inno spagnolo, dispone addirittura di tre testi:  il più antico, risalente al 1843, il secondo appartiene al periodo di re Alfonso XIII e l'ultimo è collocato nell'epoca della lunga dittatura di Francisco Franco. Proprio quando la nuova monarchia di Juan Carlos è subentrata al regime franchista, è subentrata l'abitudine di non citare più - e quindi cantare - le parole dell'inno. Nel 2008 la Spagna ha cercato di dare una nuova versione ufficiale al testo dell'inno: tentativo per ora naufragato.

Qual è l'unica formula di trasferimento di un calciatore che esiste solo in Italia?
E' la comproprietà, vale a dire il possesso al 50% da parte di due squadre del cartellino di un giocatore. Una di esse, generalmente, ha un diritto di riscatto che, se non viene esercitato, porta i due club a esprimere un'offerta in busta chiusa per l'altra metà. Chi offre di più, si tiene il giocatore. La comproprietà è nata nel 1959, quando Fiorentina e Prato non riuscirono ad accordarsi sul passaggio del centrocampista Lucio Dell'Angelo: il mediatore Giacchetti "inventò" la formula secondo la quale il Prato prendeva solo la metà del cartellino.

Perché la Gazzetta dello Sport è rosa?
La "Gazza" cominciò a essere pubblicata su carta rosa alla fine del 1898, oltre due anni e mezzo dopo la sua nascita, dopo essere uscita su carta verdolina, gialla e bianca. L'ispirazione venne dal "Journal des Sports", uno dei principali confratelli francesi: la moderna stampa sportiva è nata Oltralpe e tutti i quotidiani specializzati usavano carta colorata

Quante sono le squadre italiane a giocare con una stella sul petto?
Sono quattro: perché oltre alla Juventus – che, come è noto, ne ha due -, all’Inter e al Milan, che vantano il simbolo di almeno 10 scudetti vinti, c’è anche il Casale, la cui storica e caratteristica divisa è nera con una stella bianca sul petto. Il simbolo è di origine abbastanza casuale: uno dei giocatori dell’epoca ritaglio una grossolana stella da un quaderno e se l’appiccicò sulla maglietta.

Perché i tifosi del Barcellona vengono chiamati “culé”?
Prima della costruzione del Camp Nou, i blaugrana giocavano nel vecchio stadio de Les Corts, che aveva gradinate staccate l’una dall’altra: cosicché chi passava dall’esterno dell’impianto vedeva le natiche degli spettatori. Da lì, il passo è stato breve…

 

Cosa hanno di diverso la Ligue1 e la Bundesliga dagli altri maggiori campionati europei?
Non hanno nemmeno un derby in calendario: né le due capitali (Parigi e Berlino), né le altre principali città di Francia e Germania hanno due rappresentanti nel massimo campionato calcistico. Lo scorso anno, in Bundesliga, si era avuto lo scontro tra l’Amburgo e il St.Pauli, poi retrocesso in seconda divisione

Perché la Nazionale di pallanuoto viene soprannominata il "Settebello"?
Il “nick” è ispirato al gioco della scopa ed è stato innescato da Mimì Grimaldi, vulcanico componente della Rari Nantes Napoli, società culla della pallanuoto italiana. L’eccentrico Mimì fece sostituire nei mazzi di carte presenti nel circolo del club le facce dei sette giocatori della squadra al posto dei tradizionali ori. Il Settebello, appunto. E da lì, la definizione si trasferì presto agli azzurri.

Chi è il vero padre del motto olimpico "L’importante non è vincere, ma partecipare"?
La frase non è stata originariamente pronunciata da Pierre de Coubertin, come è universalmente noto, bensì da un vescovo della Pennsylvania chiamato Ethelbert Talbot, che la pronunciò in un suo discorso durante le Olimpiadi del 1908. A sua volta, Talbot aveva citato un filosofo greco la cui massima era “L’importante non è vincere, ma partecipare con spirito vincente”.

Perché quando si arriva ultimi al 6 Nazioni di rugby si dice che si è preso "il cucchiaio di legno"?
Perché deriva da una tradizione dell'Università di Cambridge, una delle culle della palla ovale. I più bravi negli esami regalavano a quelli che prendevano i voti più bassi un cucchiaio di legno in segno di derisione. Una roba del tipo "vai a cucinare, va'".

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LA PRIMA MAGLIA DELLA NAZIONALE ITALIANA E' STATA BIANCA

Perché la prima maglia della Nazionale italiana è stata bianca?
Perché la prima formazione dell'Italia (contro la Francia, a Milano, 15 maggio 1910) venne decisa dopo una partita tra i 25 selezionati, divisi nelle squadre dei "Probabili" (in bianco) e dei "Possibili" (in azzurro): vinsero i Probabili, che indossarono la loro maglia bianca anche nella prima gara ufficiale contro i transalpini.

 

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' IL REAL MADRID E' STATA LA PRIMA SQUADRA A POTERSI CONSIDERARE CAMPIONE DEL MONDO?

Perché il Real Madrid è stata la prima squadra a potersi considerare campione del Mondo?

Perché vinse la prima edizione della "Pequena Copa del Mundo", la "Piccola Coppa del Mondo", un torneo precursore dell'Intercontinentale e dell'attuale Mondiale per Club mai riconosciuto dalla Fifa. Fu disputato per la prima volta nel 1952 e vinse appunto il club madridista davanti ai brasiliani del Botafogo e ai colombiani del Millonarios. Nel 1953 il titolo fu sfiorato dalla Roma, seconda dietro al Corinthians.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LA CHAMPIONS LEAGUE SUDAMERICANA VIENE CHIAMATA LIBERTADORES?

Perché la Champions League sudamericana viene chiamata Libertadores?
Nata nel 1960, la competizione tra le più grandi squadre di club sudamericana è stata dedicata ai vari "liberatori" ed eroi dell'indipendenza dei Paesi del continente, a cominciare da Simòn Bolivar.

NELLA PAGINA SEGUENTE: QUALE GRANDE NAZIONALE HA CAMBIATO MAGLIA DOPO UNA SCONFITTA?

Quale Nazionale ha cambiato maglia dopo una grande sconfitta?

E' il Brasile. La famosissima maglia oro-verde col pantaloncino blu, infatti, è nata solo nel marzo 1954 ed è stata scelta tramite un concorso (indetto dal quotidiano Correio da Manha) in cui si era lanciata l'idea di sostituire la precedente divisa bianca con colletto blu, "colpevole" di avere portato sfortuna nella celebre partita decisiva dei Mondiali 1950. Come si ricorderà, il Brasile, di fronte a 200mila suoi tifosi, perse al Maracanà per 2-1 contro l'Uruguay: il ko è passato alla storia come il "Maracanazo".

NELLA PAGINA SEGUENTE: QUAL E' L'UNICA SQUADRA AD AVER VINTO SETTE FINALI SU SETTE DI UNA COMPETIZIONE INTERNAZIONALE?

 

 

Qualè l'unica squadra al mondo ad avere vinto sette finali su sette di una competizione internazionale?

E' l'Independiente di Avellaneda, che vanta l'incredibile record di essere giunto per sette volte alla finale di Coppa Libertadores e di averla sempre vinta. E' il club che per più volte ha conseguito la "Champions League" del Sudamerica.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LA MAGLIA ASSEGNATA AL LEADER DEGLI SCALATORI AL TOUR DE FRANCE E' A POIS?

 

Perché la maglia assegnata al leader degli scalatori del Tour de France è a pois?

Deriva dallo sponsor della classifica del Gran Premio della Montagna del Tour 1975, l’anno in cui per la prima volta (nonostante la graduatoria fosse stata creata nel 1933) al leader venne assegnata una maglia distintiva. Lo sponsor era il cioccolato Poulain, che aveva l’etichetta bianca e rossa: i successivi partner commerciali hanno deciso di mantenere una casacca così caratteristica

NELLA PAGINA SEGUENTE: QUAL E' L'UNICO STADIO D'EUROPA IN CUI NON ARRIVANO I PULLMAN DELLE SQUADRE?

Qual è l'unico stadio d'Europa in cui non arrivano i pullman delle squadre?

Ovviamente il "Pierluigi Penzo" di Venezia, che si trova su una delle isole dell'arcipelago lagunare (quella di Sant'Elena) e a cui si accede tramite un imbarcadero antistante la tribuna dell'impianto.

Come è nata la caratteristica maglia rosa e nero del Palermo?
Originariamente (il club è nato nel 1900) la maglia del Palermo era rossa e blu. Nel 1907, un socio convinse il fondatore – l’inglese Joseph Whitaker – a modificare i colori in rosa e nero per significare la métafora della gioia della vittoria e dell’amarezza della sconfitta.

NELLA PAGINA SEGUENTE: IN COSA IL CALCIO INGLESE HA ANTICIPATO QUELLO ITALIANO DI 80 ANNI?

In cosa il calcio inglese ha anticipato quello italiano di 80 anni?
Nelle partite giocate in notturna. Nel Regno Unito si disputò il primo match con illuminazione artificiale nel 1878, a Sheffield, tra due selezioni locali: grandi lampade vennero issate su torrette di legno alte 10 metri. In Italia bisognò attendere il 1958: prima gara by night Juventus-Roma di Coppa Italia.

Quali squadre italiane non vengono comunemente chiamate o indicate col loro vero nome?
L’Inter, che come tutti sanno si chiama Internazionale. Il Verona, che sarebbe l’Hellas, e i concittadini del Chievo (Chievoverona). L’Atalanta sarebbe in realtà l’Atalanta Bergamasca e il Monza il Monza Brianza. Così’ come il Palermo, dopo la ricostituzione della società nel 1987, è nominato Città di Palermo. E il Messina è in realtà il Rinascita Messina.

Da dove nasce il famoso inno del Liverpool “You’ll never walk alone”? “You’ll never walk alone” è una canzone scritta nel 1945 dagli autori statunitensi Rodgers e Hammerstein per il musical 1845 Carrousel. Reincisa più volte da vari artisti negli anni, conobbe un grande successo in Inghilterra nel 1963 con la versione di un gruppo di Liverpool contemporaneo dei Beatles, Gerry and the Pacemakers. La curva del “Kop” la fece sua e cominciò regolarmente a cantarla nel 1964 fino a renderla inno ufficiale e motto del club, che ha inserito il titolo del pezzo nel suo stemma

Perché non è vero che il soprannome dei giocatori dell'Ajax siano "i lancieri"?
Il vero "nickname" dei calciatori o dei tifosi del grande club di Amsterdam sono gli "Ajacidi", dalla figura dell'eroe epico Aiace Telamonio, che ha dato il nome alla squadra. Oppure, specie in Olanda, i "Joden", gli ebrei, viste le radici razziali e religiose della società. I "Lancieri" fu invece un'invenzione tutta italiana, nata negli anni '60 da un giornalista che, non sapendo come definire la squadra della capitale olandese, si ispirò alla lancia di Aiace presente nello stemma del club. Un'intuizione che ha avuto successo.

Perché gli inglesi chiamano "love" gli zero punti del tennis?

 
Perché, proprio come per il termine tennis, c'è una derivazione francese proveniente dal "jeu de paume", l'antenato dell'attuale disciplina. Quando un giocatore era a zero, l'arbitro dell'incontro definiva la mancanza di punti "l'oeuf", l'uovo, una forma lessicale per indicare lo zero, a cui assomiglia come forma. Come nel caso del tennis (originariamente "tenez", prendete), gli inglesi hanno poi deformato "l'oeuf" in "love".

Cosa significa realmente la parola "Sport"?

Deriva dal verbo latino "deportare", che letteralmente significa uscire fuori dalla porta intesa come mura delle città. Quindi, in poche parole, svagarsi, stare all’aperto. Da lì sono nate le coniugazioni nelle varie lingue che, passando dal francese "desporter", sono arrivate all’inglese Disport, poi abbreviato in Sport. Essendo l'Inghilterra culla dello sport moderno, il termine è stato poi adottato in tutto il mondo.

Perché nel simbolo del Real Madrid non appare la lettera “R”?
Perché anche se la ragione sociale ufficiale è “Real Madrid Club de Futbol”, l’attribuzione “Real” è qualcosa che viene talvolta concesso ai club sportivi, ne siano un esempio anche altre squadre come la Real Sociedad o il Real Saragozza. Ai madrileni, l’etichetta Real fu concessa solo nel 1920. Nello stemma dei Merengues, quindi, appaiono le tre lettere rappresentanti il Madrid Club de Futbol, il nome originario della squadra e per ricordare il “sangue blu” del sodalizio è stata sovrapposta la corona del Re di Spagna.

Dove siamo se stiamo vedendo una partita allo stadio "Roberto Bettega"?
Siamo ad Asunciòn, capitale del Paraguay, e stiamo vedendo una partita del Tacuary, uno dei club cittadini. Francisco Ocampo, il presidente della società – che ha la maglia a strisce verticali bianconere – è un grandissimo ammiratore dell'ex-attaccante della Juventus e quando è stato costruito lo stadio di proprietà del club (era il 2002) lo ha intitolato al suo idolo.

Che significato hanno i colori dei cinque cerchi della bandiera Olimpica?
Pierre de Coubertin scelse i colori dei cinque cerchi (verde, blu, rosso, nero e giallo) uniti al bianco dello sfondo perché all’epoca permettevano di rappresentare i colori presenti in tutte le bandiere del mondo. Di origine popolare, invece, l’altro significato, quello dei cinque cerchi rappresentanti i cinque continenti intrecciati tra loro: quello nero sarebbe l’Africa, quello rosso le Americhe, quello verde l’Oceania, quello blu l’Europa e quello giallo l’Asia.

Qual è stata la prima partita in Italia appositamente anticipata per la diretta tv?
Successe ben prima dell’avvento dei network privati e delle pay-tv: era sabato 15 ottobre 1955 e a Bergamo si affrontarono Atalanta e Triestina. Vinsero i bergamaschi per 2-0, telecronista Nicolò Carosio. La società bergamasca ottenne un indennizzo per il presunto “mancato incasso” a causa della diretta Rai.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' I PUNTEGGI NEL TENNIS SONO ASSEGNATI CON I "QUINDICI"?

Perché i punteggi nel tennis sono assegnati con i "quindici"?
Il sistema di punteggio del game ha radici nella pallacorda, sport avo dell'attuale tennis. Come segnapunti veniva spesso usato una sorta di orologio e a ogni punto la lancetta veniva spostata di un quarto d'ora, quindi fermandosi sul 15, 30, 45 (poi spostato a quaranta per comodità di pronuncia del punteggio). Al completamento del giro dell'orologio, veniva assegnato il gioco.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' ATHLETIC BILBAO E ATLETICO MADRID SONO "CUGINI"?

Athletic Bilbao e Atletico Madrid sono "cugini"

Il Club Atlético de Madrid è stato fondato il 26 aprile 1903 da alcuni studenti baschi residenti a Madrid, con l'intenzione di creare una società satellite dell'Athletic Club Bilbao: la squadra (il cui primo nome fu Athletic de Madrid) adottò in effetti gli stessi colori sociali del club basco (allora bianco e blu) per poi passare, nel 1912, al bianco e rosso.

Qual è stato il primo evento sportivo trasmesso in diretta in Italia?
E' stato il Gran Premio di Milano di galoppo, disputato il 14 giugno 1927 e diffuso via radio dall'Eiar – l'antenata della Rai - nata meno di tre anni prima

Qual è l'origine del tie-break nel tennis?
Il tie-break, letteralmente "rottura della parità", fu introdotto nel circuito tennistico nel 1970 dopo essere stato studiato e proposto qualche anno prima da James "Jimmy" Van Alen, ex-tennista professionista, ma soprattutto genio versatile: è stato poeta, scrittore, musicista, politico. E' stato lui a inventare la formula dello spareggio con l'alternanza dei servizi, il cambio di campo a sei punti e la vittoria al raggiungimento dei sette. E' stato anche il creatore della International Hall of Fame nel tennis. Il giorno della sua morte, il 3 luglio 1991, si giocava a Wimbledon la semifinale tra Edberg e Stich: il campione svedese si assicurò il match vincendo i tre set tutti al tie-break.

 

Ogbonna in Nazionale: ma chi è stato il primo giocatore di colore a indossare la maglia di una Nazionale azzurra?
E’ stato Joseph Dayo Oshadogan, difensore classe ’76 nato a Genova da padre nigeriano e madre italiana. Nell’ottobre 1996, Oshadogan – all’epoca militante nel Foggia – debuttò nell’Under 21 allenata da Cesare Maldini nel match contro la Moldavia, vinto dagli azzurrini per 3-0. Oshadogan ha collezionato in tutto tre presenze con la Nazionale giovanile.

Perché Kakà viene chiamato così?
Il vero nome di Kakà è Ricardo Izecson dos Santos Leite e come la gran parte dei giocatori brasiliani, è stato poi identificato con un nomignolo. Che nasce, nel suo caso, dal fratello minore Rodrigo, anch'egli calciatore e conosciuto con il "nick" Digao. Rodrigo, da piccolo, non riusciva a pronunciare bene il nome del fratello, che storpiava da Ricardo in Kakà. Detto e fatto...

Perché la Ferrari ha scelto come simbolo il Cavallino rampante?
Perché era l’insegna presente sull’aereo di Francesco Baracca, il grande pilota dell’aviazione italiana che tante imprese ha compiuto durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1923, Enzo Ferrari – allora pilota dell’Alfa – incontrò la madre di Baracca, che gli chiese di usare sulle macchine da lui pilotate l’emblema caro al figlio, sostenendo che gli avrebbe portato fortuna. Dopo ben 9 anni, il “Drake” riuscì finalmente a decorare la sua Ferrari col Cavallino: e vinse immediamente la 24 ore di Spa. Era nato il simbolo della Scuderia.

Cosa hanno avuto in comune, oltre al colore rosso, la Ferrari e la Ducati?
Il simbolo del Cavallino rampante, che la casa di Borgo Panigale ha affisso sulle sue moto a cavallo tra gli anni '50 e '60. Nessun gemellaggio o sinergia: solamente, l'ingegner Taglioni, capo della Ducati di allora, era di Lugo come Francesco Baracca, l'eroe di guerra "creatore" del famosissimo emblema.


NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' VALENTINO ROSSI CORRE CON IL 46?

Perché Valentino Rossi corre con il numero 46?
Perché è il numero con il quale il padre Graziano vinse la sua prima gara iridata nella classe 250, nel Gran Premio di Jugoslavia: era il 1979, l’anno in cui nacque Valentino.

Perché in Svizzera non si disputano Gran Premi o rally?
Perché il governo della Confederazione le vietò a partire dal 1955, subito dopo la tragedia delle 24 ore di Le Mans, ancora oggi ricordata come la peggiore sciagura dell'automobilismo sportivo. Dopo un tamponamento, l'auto del pilota francese Pierre Levegh si schiantò sulla tribuna principale provocando la morte di 83 spettatori oltre a quella del driver stesso. Da quel giorno, la Svizzera impedì competizioni motoristiche sul suo territorio, un bando che dura ancora oggi.

NELLA PAGINA SEGUENTE: CHI E' CONSIDERATO L' "INVENTORE" DEL CALCIOMERCATO?

Perché Bud Spencer è un ex della Lazio?
Perché Carlo Pedersoli – questo il vero nome dell’attore napoletano – è stato, come è noto, un grande nuotatore e pallanuotista, il primo italiano a scendere sotto il minuto nei 100 metri stile, più volte campione italiano, olimpico nel 1952 e nel 1956. Sia nella sua attività tra le corsie, che con indosso la canottina, Bud Spencer ha militato nella polisportiva della Lazio, cosa che lo fa simpatizzare per la squadra biancoceleste anche se la sua squadra del cuore è ovviamente il Napoli.


NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' IN SVIZZERA NON SI DISPUTANO GRAN PREMI O RALLY

Chi viene considerato l’inventore del moderno “calciomercato”?
Il principe Raimondo Lanza di Trabìa, nobile siciliano che nel 1951 divenne presidente del Palermo: fu lui, per primo, a installarsi all’Hotel Gallia di Milano, a due passi dalla Stazione Centrale, e a darsi appuntamento con presidenti e dirigenti di altre società per trattare acquisti e cessioni di giocatori: di lì a poco, il grande albergo diventò la prima sede del cosiddetto calciomercato. Lanza di Trabìa fu un personaggio romanzesco: spesso, riceveva i colleghi e chiudeva le trattative completamente nudo. Sposò la bellissima attrice Olga Villi e si tolse la vita a soli 39 anni, mentre cercava di disintossicarsi dall’alcol.

Cosa hanno in comune la Coppa dei Campioni e il Pallone d'Oro?
Entrambi sono nati da idee di giornalisti francesi: la Coppa da Gabriel Hanot, direttore del prestigioso quotidiano 'L'Equipe', che nel 1954 sviluppò nella creazione del torneo un vivace dibattito su chi fosse la squadra più forte del continente tra Real Madrid, Milan, Arsenal e gli ungheresi della Honved; il premio dalla rivista France Football, che lo lanciò nel 1956. Primo Re d’Europa, l'inglese Stanley Matthews.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' MISTER?

Perché in Italia l'allenatore viene chiamato 'mister'?
E' un appellativo nato nel 1912 grazie a William Garbutt, il primo vero allenatore professionista della storia del calcio italiano. Garbutt venne assunto dal Genoa e, a causa della sua origine inglese, veniva chiamato da tutti Mister Garbutt. Garbutt guidò squadre italiane per ben 36 anni (con un'unica parentesi di due anni in Spagna) lavorando anche per Roma, Napoli e Milan.

Perché i tifosi del Manchester United indossano anche sciarpe e cappelli gialloverdi?

Perché sono i colori originari del Newton Heath, la squadra che si è evoluta poi nell’attuale Manchester United. I supporter dei Red Devils sono tornati a vestirli per protestare contro la proprietà della societa, detenuta dal tycoon statunitense Malcolm Glazer.

Chi era Roland Garros?
E' un eroe di guerra francese, un aviatore perito durante la Prima Guerra Mondiale. Una sorta di Francesco Baracca transalpino, insomma. A lui è dedicato lo stadio che, dal 1928, ospita gli Internazionali di Francia di tennis.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LE NAZIONALI E LE RAPPRESENTATIVE ITALIANE SONO AZZURRE?

Perché le Nazionali e le rappresentative italiane sono azzurre?

Perché era il colore che simboleggiava la dinastia dei Savoia re d’Italia. La prima a introdurlo fu la Nazionale di calcio nel 1911, imitata poi da pressoché tutte le altre rappresentative. Ma

Perché il Genoa è stato il primo club italiano anche nel calciomercato?
Perché i rossoblu, 98 anni fa (era il 1913), furono i primi a prelevare pagando un giocatore da un'altra squadra iscritta alla Figc. Il primo "colpo di mercato" della storia fu legato a Renzo De Vecchi, 19enne difensore talmente dotato da essere soprannominato "Il figlio di Dio" dai tifosi del Milan, la squadra in cui debuttò. Il Genoa riuscì a prenderlo aggirando le norme dell'epoca sul dilettantismo facendolo assumere in una banca locale come fattorino allo stipendio, allora astrale, di 2mila lire al mese. De Vecchi è stato 43 volte nazionale, ha fatto il commentatore e il giornalista dopo il ritiro ed è tra i padri del popolarissimo "Almanacco del Calcio".

Perché sia il Milan che la Juventus devono tanto alla città inglese di Nottingham?
A Nottingham nacque nel 1870 Herbert Kilpin, l’uomo che, 29 anni dopo, fonderà all’Hotel du Nord di Milano il Milan Foot Ball and Cricket Club. E da Nottingham, nel 1903, arrivò a Torino una muta di divise a strisce bianconere, quelle del Notts County, che sostituirono per sempre l’originaria tenuta della Juventus, formata da una maglia rosa e da un cravattino nero.

NELLA PAGINA SGUENTE: PERCHE' NEL CALCIO SI GIOCA A 11?

Perché a calcio si gioca in 11?
Perché in Inghilterra, il calcio moderno si sviluppò nell’ambiente dei college: dove le camerate erano composte in genere da dieci studenti, ai quali si aggiungeva un insegnante

Perché la maglia della Fiorentina è viola?
La leggenda vuole che il colore della Fiorentina nasca da un lavaggio sbagliato che trasformò le originali divise a quarti biancorossi in un violetto che piacque e venne mantenuto per decisione del primo presidente – il marchese Luigi Ridolfi - anche per distinguersi dalle avversarie: nessuno, all’epoca (era il 1929) giocava con una maglia di quel colore.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' L'INCONTRO TRA DUE SQUADRE DELLA STESSA CITTA' VIENE CHIAMATO DERBY?

Perché l’incontro tra due squadre della stessa città o Paese viene chiamato derby?

Perché prende il nome dal prestigioso Gran Premio ippico inglese creato da Edward Stanley, conte di Derby, nel 1780. Quando poi, intorno al 1850, in Gran Bretagna cominciò a diffondersi il calcio, il match tra le due squadre di Ashbourn, nella contea di Derbyshire, venne definito derby.

Quali sono le maglie che ha vestito Franco Baresi nella sua carriera?

Tre: quella del Milan, quella della Nazionale e quella del Perugia. Sì, perché in un Perugia-Milan del 1979, per un equivoco, i rossoneri furono costretti a giocare con la seconda divisa del Perugia, di colore blu e con rigoroso Grifone sul petto

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LE PAGELLE CALCISTICHE ESISTONO PER MERITO DI MILAN E INTER?

Perché le "pagelle" calcistiche esistono per merito di Milan e Inter?

Perché furono inventate dal settimanale "MilanInter", che nel primo dopoguerra cominciò a giudicare le prestazioni dei rossoneri e dei nerazzurri con i voti della scuola. I due giornalisti “papà” delle pagelle si chiamavano Luigi Scarambone e Aldo Missaglia.

NELLA PAGINA SEGUENTE: CHI HA IMITATO LA MAGLIA DELLA SAMP?

Lo sapete che ci sono due squadre che hanno imitato la particolarissima maglia della Sampdoria?

Sono l’Amantea, squadra dilettantistica calabrese, e – solo in alcune stagioni a cavallo tra gli anni ’90 e il primo decennio 2000 – il tradizionale club scozzese del Dundee, che passò dal classico blu scuro a una divisa identica a quella del Doria

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' IL MILAN HA VINTO UN'ALTRA COPPA CAMPIONI?

Perché il Milan ha vinto un'altra Coppa Campioni?

Perchè la Coppa dello Scudetto è ufficialmente definita dalla Lega "Coppa Campioni d'Italia". Il trofeo è nato nel 1960, pesa 5 chili ed è stato creato dallo scultore Ettore Calvetti. La prima squadra a conquistarla fu la Juventus, vincitrice del campionato 1960/61

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' LA MAGLIA DELLE NAZIONALI OLANDESI E' ARANCIONE?

Perché la maglia delle Nazionali olandesi è arancione?

Perché l'arancione, anzi, l'Oranje, è ispirato alla dinastia regnante in Olanda, la casa d’Orange-Nassau. In origine la divisa dei Paesi Bassi era bianca con una striscia rosso-bianco-blu, i colori della bandiera del Paese.


NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' PELE' VENIVA CHIAMATO COSI'?

Perché Pelè veniva chiamato così?

E’ il soprannome che gli diede ancora ragazzino un compagno di scuola che lo prendeva in giro perché il giovanissimo Edson Arantes do Nascimiento (questo il vero nome del fuoriclasse brasiliano) pronunciava Pilé il nome del famoso portiere dell’epoca Bilé. Il primo nomignolo del futuro fuoriclasse era Dico.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' GLI JUVENTINI VENGONO CHIAMATI "GOBBI"?

Perché gli juventini vengono chiamati “gobbi” dai rivali?

Tutto risale a una stagione degli anni '50 quando la maglia della Juve, a righe molto larghe e confezionata non molto bene, si allargava durante la corsa e faceva entrare aria che andava a formare delle specie di gobbe sulle spalle dei giocatori. Il soprannome fu creato dai tifosi del Toro.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE'  I LAKERS SI CHIAMANO COSI' ANCHE SE A LOS ANGELES NON C'E' NESSUN LAGO?

Los Angeles Lakers, i "lacustri" di Los Angeles: dove non c'è nessun lago. Perché si chiamano così?
Perché i Lakers cominciarono la loro attività a Minneapolis, città del Minnesota ricchissima di laghi e laghetti nel territorio comunale. Nel 1959 la franchigia si trasferì a Los Angeles, ma il nome originario venne mantenuto.


NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' IL MILAN HA VINTO 15 SCUDETTI E NON 18?

Perché il Milan ha vinto il suo 15° scudetto?

Perché lo scudetto, inteso come distintivo della vittoria del campionato italiano, è nato nel 1924, fu il Genoa, vincitore in quell'anno dell'ultimo dei suoi 9 titoli nazionali, ad apporre sulle maglie un piccolo scudo raffigurante il simbolo dei Savoia (croce bianca in campo rosso sormontato dalla corona). Il Milan, dopo avere conquistato i primi tre titoli nel 1901, 1906 e 1907, non vinse più fino al 1951: e fu solo in quell'occasione che sulle maglie rossonere fu cucito lo scudetto, nel frattempo diventato tricolore, così come lo vediamo oggi.


Perché l’Atalanta è considerata la “Regina delle Provinciali”?

Perché è la squadra non originaria di una città capoluogo di regione che ha disputato più campionati in Serie A (50). Inoltre, è la squadra più presente in massima divisione tra quelle che non hanno mai vinto un campionato italiano e detiene il record europeo della squadra di seconda divisione arrivata più in alto in una Coppa europea. Successe nel 1987/88, quando l’Atalanta di Mondonico, militante in Serie B, raggiunse la semifinale di Coppa delle Coppe.

 

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' IL GIRO AVREBBE POTUTO NON AVERE LA MAGLIA ROSA?

Comincia il Giro: perché la maglia rosa avrebbe potuto non esistere?

Perché la Gazzetta dello Sport, organizzatrice da sempre della corsa e al cui caratteristico colore è legata la maglia del leader della classifica generale, anticipò in extremis il Corriere della Sera nella realizzazione del progetto di una competizione ciclistica omologa al già noto Tour de France. La prima edizione del Giro si svolse nel 1909, vinse il varesino Luigi Ganna. La maglia rosa fu introdotta nel 1931 

Perché il tennis si chiama così?

Perché nel “jeu de paume”, gioco francese dal quale il tennis ha tratto le sue origini, chi batteva doveva urlare “Tenez!” (“prendete!”) a chi riceveva. Parola che poi gli inglesi corressero alla loro maniera.

Perché le Ferrari sono rosse?

Perché quando cominciò l’attività internazionale delle corse automobilistiche, la Federazione decise di abbinare un colore ben preciso alle vetture di ogni nazione: all’Italia venne assegnato il rosso. Originariamente, il colore della Ferrari era giallo, come lo sfondo del simbolo del Cavallino Rampante.

NELLA PAGINA SEGUENTE: PERCHE' POTEVI TIFARE PER IL VIA FORT?

Perché milioni di appassionati nel mondo potevano tifare per il Via Fort?

Perché era uno dei nomi che il nucleo degli studenti fondatori della Juventus, raccolti sulla famosa panchina di Corso Re Umberto oggi conservata nella sede bianconera, propose per chiamare la neonata società. Altre candidature furono “Augusta Taurinorum” e “Massimo d’Azeglio”, il liceo frequentato dai papà della Signora. “Via Fort” è una espressione del dialetto torinese paragonabile in tutto e per tutto al “come on” inglese.