Superbike, Sykes si prende la Superpole di Aragon

L'inglese della Kawasaki precede le sorprendenti Yamaha di Guintoli e Lowes. Quarto Davies davanti a Rea e Giugliano

di ALBERTO GASPARRI

Tom Sykes si è confermato il re della Superpole e dopo Phillip Island ha conquistato anche quella di Aragon, terza prova del Mondiale Superbike. In Spagna l'inglese della Kawasaki è stato il più veloce con il tempo di 1'49"374, precedendo le sorprendenti Yamaha di Guintoli e Lowes, staccate di due e tre decimi. La migliore Ducati è quella di Davies, quarto davanti al campione in carica Rea e a Giugliano. Settima la MV Agusta di Camier.

E' servito il nuovo record della pista a Sykes per difendere la supremazia della Kawasaki vista finora. L'ex iridato, comunque, ha dovuto dare il massimo per tenersi dietro le nuove R1 di Guintoli e Lowes. Le due Yamaha hanno dato la loro zampata dopo libere non certo entusiasmanti. La loro risalita ha cacciato indietro le Ducati e soprattutto le Honda. Davies ha cullato a lungo il sogno di partire davanti a tutti, ma nel finale si è ritrovato in seconda fila. Niente di grave, perché in gara lotterà per la vittoria. Ha ritrovato il sorriso, invece, Giugliano, sesto dopo un venerdì e una prima parte del sabato travagliati. Musi lunghi, al contrario, nel box di Rea, incapace di trovare il suo ritmo e costantemente in difficoltà. Bisognerà vedere se allo spegnersi del semaforo tornerà il cannibale che tutti conosciamo. Hanno "toppato" anche van der Mark e Hayden, rispettivamente 11° e 10°, con l'olandese vittima di una scivolata che ha rischiato di farlo investire proprio dal compagno di squadra americano. Molto bravo Camier, capace di portare in seconda fila la F4 davanti a Torres e Fores, con Savadori 12° sull'Aprilia e frenato nel suo giro buono dalla caduta di vd Mark. Delusi, e fuori dalla SP2 che aveva promosso Torres e Guintoli, nomi pesanti come quelli dell'emergente Markus Reiterberger (Bmw), 13° in griglia, ma anche di Alex de Angelis (Aprilia), 16° e penalizzato dal freddo, e delle Yamaha Milwaukee di Abraham e Brookes. Niente da fare anche per il nostro Matteo Baiocco (Ducati), 17°. Alle 13 il via di gara-1 per il primo verdetto di questo weekend.

TAGS:
Superbike
Aragon
Ducati
Davies
Giugliano
Honda
Van der Mark
Hayden
Kawasaki
Rea
Sykes