Superbike, super Yamaha a Phillip Island: comanda Guintoli

Prima giornata in Australia: undici piloti racchiusi in un secondo. Infortunio per il giovane Ratzgatlioglu

di ALBERTO PORTA

Superbike, super Yamaha a Phillip Island: comanda Guintoli

Volevamo tanta roba dalla prima giornata di Phillip Island e ne abbiamo avuta, eccome! Undici piloti racchiusi in un secondo, tutte e sette le case impegnate nella Superbike sono nella top-ten e, sorpresa delle sorprese, la debuttante Yamaha davanti, in cima alla lista dei tempi. Il tempo pazzo di questi giorni non ha disturbato più di tanto le due sessioni di prove libere. Un piccolo scroscio di pioggia ha costretto i piloti ai box al mattino, poi nel pomeriggio condizioni decenti per portare avanti il lavoro. Cosa che ha fatto benissimo Sylvain Guintoli, uno che usa la testa prima del polso destro. 

Ha sistemato per bene la sua R1 prima di andare alla ricerca del tempo, ancora lontanuccio dal suo record ma comunque molto buono. Le sorprese vanno avanti con Michael Van der Mark, un po’ più impiccato in sella alla sua Honda ma terribilmente efficace, costantemente davanti a Nicky Hayden che comunque ha chiuso buon sesto la sua prima giornata ufficiale in Superbike.

Terzo Rea e quarto Sykes con le Kawasaki che sembrano un pochino meno equilibrate del solito, aspettiamoci comunque un deciso attacco dei due in verde che saranno lì a giocarsi Superpole e gare. Il lampo rosso di giornata arriva dalla MV Agusta, quinta con un Leon Camier davvero ispirato, con pochi cavalli sotto il sedere ma con una ciclistica praticamente perfetta. Davide Giugliano porta avanti il nuovo metodo di lavoro, concentrandosi sul passo di gara che dovrà ovviamente migliorare, ma quello che conta è la consapevolezza di andare nella direzione giusta.

Chaz Davies sembra invece un pelino impacciato, e sarà obbligato a modifiche utili a migliorare la rapidità in entrata di curva. Le sorprese non finiscono quando andiamo a parlare del meraviglioso nono posto di Lorenzo Savadori, salito sull’Aprilia solo per gli ultimissimi test e già così veloce, 7 decimi da Guintoli, da entrare direttamente in Superpole 2 al primo colpo, cosa riuscita anche all’altro debuttante, Markus Reiterberger, decimo con la BMW.

Nei brutti voli di giornata, gran buco nel ginocchio sinistro per Xavi Forès, che comunque risalirà in moto, e frattura al malleolo sinistro per Toprak Razgatlioglu, che da sostituto dell’infortunato Hook dovrà a sua volta dare forfait. Nel giorno del suo 32esimo compleanno, Alex De Angelis ha incontrato qualche problema, oltre a non essere ancora perfettamente in forma, e ha concluso in sedicesima posizione dietro all’australiano Mike Jones, pupillo di Troy Bayliss, che corre con una Ducati praticamente di serie. Nella Supersport, miglior tempo per il campione del mondo Kenan Sofuoglu davanti a Jules Cluzel che ha semidistrutto la sua MV in un brutto volo che per fortuna non ha prodotto conseguenze fisiche.

LE DICHIARAZIONI

SYLVAIN GUINTOLI
“Io non sono poi così tanto sorpreso dalla mia prestazione. Su questa pista vado sempre forte e ho lavorato con calma per sistemare la moto. E poi, essere primi al venerdì non conta nulla. Sono curioso di affrontare il primo sabato con Superpole e gara 1 insieme”.

MICHAEL VAN DER MARK
“Sono contentissimo. Nel pomeriggio sono partito per una simulazione di gara e dopo 15 giri ero ancora molto veloce. Poi con un’altra gomma posteriore non ho avuto lo stesso feeling ma va bene così”

JONATHAN REA
“Chiaro che sono qui per vincere. Devo comunque sistemare ancora alcune cosette. Il lavoro fatto dai tecnici dopo gli ultimi test ha comunque portato giovamento, adesso il motore comincia a piacermi. Non mi sorprende il risultato della Yamaha. L’anno scorso hanno gareggiato in vari campionati e adesso mettono le cose insieme”.

NICKY HAYDEN
“Ho la sensazione che la moto si muova molto, ma forse dipende dalle gomme e dal telaio che non è rigido come quello di una MotoGP. Devo essere più gentile nei cambi di direzione, assecondare insomma questa caratteristica”.

DAVIDE GIUGLIANO
“Sono soddisfatto del lavoro fatto in questa prima giornata. Devo limare qualche decimo dal passo di gara, ma con l’aiuto dei mieti tecnici penso di riuscire a trovare il modo di farlo. Secondo me il nuovo format di gara sarà molto interessante”.

LORENZO SAVADORI
“Non avrei mai immaginato di accedere subito alla Superpole 2. Sto ancora imparando e non faccio mosse azzardate. Sono salito in moto da poco e mi devo abituare a tutte le cose nuove. Domani anche alla gomma da qualifica. Sono contentissimo”.

ALEX DE ANGELIS
“Ho solo bisogno di fare tanti chilometri e oggi per vari motivi sono stato un po’ troppo fermo ai box. Devo solo continuare a pensare che questa gara è per me un test, non devo pensare al risultato ma solo a mettere a posto la moto”.

TAGS:
Superbike
Australia
Rea
Sykes
Giuntoli
Davies
Hayden