Superbike, Mangy-Cours: Leon Haslam conquista la Superpole sotto la pioggia

Tante le cadute illustri. Rea e Canepa resistono in prima fila. Davies e Sykes invece scivolano

di MATTEO CAPPELLA

Leon Haslam cade, ma conquista una Superpole difficile e corsa sotto la pioggia. L'inglese dell'Aprilia gira in 1:56.404 nel diluvio di Magny Cours, beffando per 4 millesimi il campione del mondo, Rea, 2° con la Kawasaki. Chiude la prima fila Canepa (Ducati, +0.508). Caduti anche Davies (Ducati, 4°) e Guintoli (Honda, 5°), braccati da Scassa (Ducati) 6°. In terza linea Camier (MV Agusta), Badovini (BMW) e Sykes (Kawasaki), scivolato e 9°.

La pioggia condiziona la qualifica francese. In SP1 De Puniet cade subito, lasciando la pista libera per l'assalto della Ducati di Scassa e la MV Agusta di Camier. E' quindi Baiocco che prova a dargli fastidio, attaccando proprio negli ultimi istanti. Matteo prende il ritmo e, girando in 1:59.117, si porta al comando. E' pronta la risposta di Scassa, che, in 1:58.131, si riporta immediatamente in vetta. Alle sue spalle, però, risale anche Camier (+0.629). Così Baiocco deve accontentarsi della terza piazza, dicendo addio al passaggio del turno.

Nonostante la pista molto bagnata, i top rider della Superbike entrano in pista agguerriti come sempre per la SP2. Rea si porta immediatamente al comando, mentre Sykes cade nelle prime fasi. Scaraventato a terra dalla sua Kawasaki, all'uscita della chicane, Tom dice così addio alla sua qualifica. E' allora Davies che prova a scalare la classifica fino alla vetta, ma c'è Haslam che lo beffa pochi istanti dopo. Protagonisti a ridosso della prima fila, sono anche Canepa, Scassa e Guintoli. Il francese però scivola in uscita di curva a 5 minuti dal termine. Giù anche Davies tradito in staccata. Le condizioni della pista sembrano peggiorare, rendendo particolarmente critici gli ultimi giri. E infatti la Direzione Gara espone la bandiera rossa: l'interruzione è causata dalla caduta di Lowes. Il rider della Suzuki scivola, restando poi immobile nella sabbia per qualche istante. Situazione preoccupante, ma fortunatamente rientrata in pochi istanti con il pilota pronto a rialzarsi.

Alla ripresa, tutti in pista, tranne Sykes dolorante a una mano e costretto nei box. Ultimi giri decisivi, dove Haslam è già al comando. Ma l'inglese continua a spinge forte per migliorare il tempo di riferimento. Leon trova Scassa sulla sua strada, lo passa, ma la RSV4 si scompone, protesta e lo lancia senza appello sull'asfalto. Dalla delusione alla gioia però è un attimo: visto che il tempo di Haslam resiste in vetta, regalando così all'Aprilia la Superpole di Magny-Cours. Si accoda Rea, tradito da 4 millesimi! Canepa chiude invece con grande orgoglio la prima fila. L'italiano in sella alla Ducati privata mette dietro Davies, Guintoli e Scassa. In terza linea restano così Camier, Badovini e Sykes, 9°. Male Torres solo 12° con l'altra Aprilia.

TAGS:
SBK
MangyCours
Superpole
Kawasaki
Ducati
Aprilia
Rea
Sykes
Davies
Haslam

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

SBK: Sykes-Davies per il posto di vice-campione. Chi farà meglio in Francia?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X