Superbike, Laguna Seca: Chaz Davies firma la Superpole davanti a Giugliano

Ducati al galoppo in qualifica, con Torres e l'Aprilia che completano la prima fila. Dietro le Kawasaki meno efficaci del previsto

di MATTEO CAPPELLA

Chaz Davies stampa un fantastico 1:22.101, che lo porta davanti a tutti sulla griglia di Laguna Seca. Scortato dall'altra Ducati di Giugliano (+0.196) e dall'Aprilia di Torres (+0.313). Inaspettato vedere le Kawasaki di Sykes (4°, +0.425) e Rea (5°, +0.753) in seconda fila accanto ad Haslam (Aprilia, +0.890). Ottimo 7° Canepa (Ducati, +1.155) davanti a Lowes (Suzuki, +1.186) e Guintoli (Honda, +1.305). La MV Agusta di Camier chiude la top ten.

E' una SP1 infuocata, quella che vede un Badovini arrembante, concentrato e capace di aggiudicarsi con agio il miglior tempo, in 1:23.476. Un crono che mette Ayrton subito al sicuro. Lotta che invece sposta il suo focus su Camier e Baiocco, che se le danno di santa ragione, tirando come matti per quell'ultimo posto disponibile, buono per il passaggio allo step decisivo della qualifica. Giri in apnea, da cui emerge l'inglese di MV Agusta, che ha la meglio, nonostante un ritardo di +0.662 dalla BMW al comando. Ma soprattutto Leon beneficia di soli 8 millesimi in meno rispetto ad un Baiocco davvero scatenato. L'italiano in sella alla Panigale R si deve quindi accontentare, pur tenendo dietro Mercado con l'altra Ducati, nonché Van Der Mark con la Honda. Detto che l'olandese qui patisce qualche difficoltà di troppo, ma in buona compagnia, visto un De Puniet parecchio sotto tono con la Suzuki.

Qualche problema di troppo, costringe Haslam ad entrare per ultimo. Ovvero quando tutti gli altri sono già avanti con due-tre passaggi all'attivo. E al comando c'è Davies con un bel tempo, primo a scendere sul 22.9! Giugliano e Sykes però lo tengono nel mirino, mentre Rea non si espone, non brilla, relegato a 6 decimi. Nei box si aspetta dunque che il cronometro segni poco più di 4 minuti, per sparare con decisione le cartucce buone. Ed ecco i ducatisti che si lanciano subito al galoppo: Canepa forza, ma accusa qualche sbuffo dallo scarico segno di un'erogazione forse non eccellente. Poi Giugliano con la Panigale R che sbacchetta e muove tanto, stressata al limite. Al punto di rischiare la caduta, con l'anteriore che addirittura "chiude" per diversi metri, imbizzarrita nel cambio di direzione in pendenza. Manovra jolly, che però non basta per spodestare un Davies sempre al top, che addirittura si migliora pesantemente. In più Giugliano pasticcia e bisticcia con Lowes, rovinandogli il giro incrociando le traiettorie. Operazione che manda in bestia l'inglese, ma consente all'italiano di contenere l'attacco di Torres, che quindi gli si accoda. Incredibilmente non brillano le Kawasaki, forse consapevoli di avere qualcosa in più da giocarsi sul passo nelle due manche di domenica. Tom e Jon, che per oggi si accontentano, scegliendo di gestire e piazzarsi in seconda linea, in compagnia dell'Aprilia di Haslam. L'ultimo brivido lo regala, però, proprio Lowes, arrabbiato e prodigo di traversi, guida sporca e incattivita, che si prende d'orgoglio l'ottavo tempo. Fuori dai 10 invece Salom, Badovini e Baiocco.

SBK, LAGUNA SECA - IL GIRO DELLA SUPERPOLE

TAGS:
SBK
Laguna Seca
Superpole
Kawasaki
Ducati
Honda
Aprilia
Suzuki
Rea
Sykes
Davies
Giugliano
Canepa
Badovini
BMW

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

SBK: Giugliano può vincere a Laguna Seca?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X