Superbike in Thailandia, Rea: "Staccavo come un animale"

Il campione in carica ha dovuto faticare parecchio per stare davanti a Sykes. Giugliano: "La moto aveva problemi, ma non mi aspettavo di cadere proprio là"

Jonathan Rea fa tre su tre ma questa volta volta deve sudare tanto e non solo per le condizioni climatiche: "Tom era più veloce in rettilineo, per superarlo ho dovuto staccare come un animale". Giugliano è arrivato solo diciottesimo per una caduta a pochi giri dal termine: "Peccato, stava venendo fuori una grande gara".

Il ducatista, alla sua prima esperienza su questo circuito, ha lottato contro il tempo fin dalle prime prove libere per mettere a posto la moto: "In gara avevo un problema allo sterzo, ogni tanto in curva si bloccava la ruota davanti. Ma non mi aspettavo di cadere proprio là. Superare Chaz in staccata è impensabile, ma c'erano punti in cui potevo fargli male".

Jonathan Rea finisce primo, ma ha dovuto lottare più del previsto: "Non ho fatto passare Sykes apposta per poi controllare, ho avuto dei problemi con il freno motore. La moto si è bloccata tre volte durante la gara, dovremo lavorarci". Tom Sykes viene battuto ancora dal suo compagno di squadra, domani però c'è un'altra occasione: "Sono felice del risultato, sapevamo dall'anno scorso che Jonathan qui è molto veloce. Ho avuto problemi in due/tre curve che mi hanno fatto perdere millesimi, ma siamo molto vicini".

A causa di un paio di errori van der Mark non è riuscito a difendere il primo posto conquistato nella Superpole: "Devo essere contento, anche se ci sono stati un paio di problemi tecnici. In partenza con il cambio e poi in curva con il freno motore. Peccato perché avevo il passo dei primi".

A chiudere la top10 ci sono le due Aprilia che rispetto all'Australia hanno fatto passi avanti: "Sono abbastanza soddisfatto perché stiamo lavorando tantissimo per migliorare la moto - spiega De Angelis - la nota negativa è che ogni volta compare un problema diverso. Se dopo una sola gara siamo già nei primi dieci vuol dire che la direzione è giusta". Anche secondo il ventiduenne Lorenzo Savadori il risultato è una grande iniezione di fiducia: "Il decimo posto mi regala entusiasmo, per me è tutto nuovo".

TAGS:
Superbike
Thailandia
Rea
Giugliano