Monza vuole la Superbike. Imola e Misano furenti: "No allo scippo"

Il consigliere regionale Marchetti: "Ribelliamoci. La Sbk è vitale per i nostri circuiti"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Superbike a Monza nel 2009, foto IPP

Altro che battaglia tra Misano e Imola per la MotoGp, scongiurata poche settimane fa dalla Giunta regionale confermando la permanenza in Riviera. Il problema è Monza e per la Superbike. Lo afferma in una nota il consigliere regionale dell'Emilia Romagna Daniele Marchetti (Lega Nord)-
"La nuova gestione dell'autodromo di Monza punta a riportare il campionato del mondo Superbike sul circuito (nel 2016, ndr) che già ospita tantissimi appuntamenti, non ultimo quello della Formula1".
"Non c'è più tempo da perdere -aggiunge Marchetti-. Qui non si tratta della sfida tra il circuito di Imola e quello di Misano Adriatico, ma della sopravvivenza di entrambi. Con tutto il rispetto per Monza, non possiamo permettere che la Brianza ci scippi uno degli appuntamenti più importanti della stagione motoristica".
E chiama "a raccolta tutti i consiglieri emiliano-romagnoli per scongiurare che uno dei due circuiti si veda 'scippare' la Superbike". Il ritorno della Sbk a Monza, ribadisce, "metterebbe a rischio una delle due tappe oggi calendarizzate nella nostra regione ovvero Imola o Misano. Un rischio che non possiamo correre".

TAGS:
Superbike

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X