Biaggi, sei mondiali: una carriera al top

Il campione romano torna in sella a Misano

di ANNA CAPELLA

Biaggi, Foto Afp

7 ottobre 2012, Magny Cours. Max Biaggi conquista il suo sesto titolo mondiale, il secondo in Superbike. Abbraccia Eleonora Pedron, la sua compagna, e le dice che è finita. E' stata l'ultima gara, ha deciso di chiudere. Ha 41 anni ed è convinto sia l'ultimo atto della sua felice carriera di pilota. Una storia iniziata tardi rispetto ad altri. Niente piste da bambino. La passione è il calcio, la Roma. Delle moto si innamora da grande, vince le resistenze del padre e conquista la sua prima moto a 17anni. passione, impegno e moltissimo talento. 

Quattro anni dopo affronta la sua prima stagione intera in 250. Aprilia la moto. E' quinto nel mondiale, conquista la sua prima vittoria a Kyalami, in Sudafrica. L'anno successivo passa in Honda, quarto nel mondiale, 1 vittoria a Barcellona. Torna in Aprilia e infila una striscia di tre mondiali consecutivi. 22 vittorie, 33 podi, 24 pole. Nel 1997 passa a Honda. cambia la moto, non cambia l'atteggiamento: 5 vittorie, 10 podi, tre pole. Il quarto titolo mondiale di fila.

Abbastanza per passare in 500, poi Motogp. In 8 mondiali si prende 3 secondi posti, 3 terzi. 15 vittorie, 58 podi, 23 pole. Nel 2007 passa in superbike. Suzuki, Ducati e poi Aprilia. Nel 2010 arriva il primo titolo, due anni più tardi il secondo. E la decisione di smettere. Prima di cedere alla tentazione di scendere di nuovo in pista, affrontare le gare. A Misano 2015 ricomincia la storia.

TAGS:
Max biaggi

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X