Superbike, Aragon: Chaz Davies si prende la rivincita in gara2

Rea fatica, ma è 2° e resiste agli attacchi di Haslam, 3°. Sykes cade rovinosamente. Giù anche Guintoli, Badovini 9°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Chaz Davies riporta la Ducati sul gradino più alto del podio ad Aragon, dominando letteralmente gara2. Una rivincita su Rea (Kawasaki), che però chiude 2° tenendo a bada Haslam (Aprilia). Brutta caduta nelle prime fasi per Sykes (Kawasaki) e una scivolata per Guintoli (Honda). Si piazza 4° invece Torres (Aprilia) che batte Fores (Ducati). Salom (Kawasaki) 6° e Mercado (Ducati) 7° beffano Van Der Mark all'ultima curva. Badovini (BMW) è 9°.

IngrandisciDisattiva slideshow
Foto 1

Foto 2

Foto 3

Foto 4

Foto 5

Foto 6

Foto 7

Foto 8

Foto 9

Foto 10

Foto 11

Foto 12

Foto 13

Foto 14

Foto 15

Foto 16

Foto 17

Foto 18

Foto 19

Foto 20

Foto 21

Ufficio Stampa

Foto 22

Foto 23

Foto 24

Foto 25

Foto 26

Foto 27

Foto 28

Foto 29

Foto 30

Ufficio Stampa

Foto 31

Foto 32

Foto 33

Foto 34

Foto 35

Foto 36

Foto 37

Foto 38

Foto 39

Foto 40

Foto 41

Foto 42

Foto 43

Foto 44

Foto 45

Foto 46

Foto 47

Foto 48

Foto 49

Foto 50

Foto 51

Foto 52

Foto 53

Foto 54

Foto 55

    Festeggia tutta Borgo Panigale, che vede tornare la Ducati al successo dopo 58 gare! Una vittoria strepitosa, fortemente voluta anche da Davies, che entra nella storia del marchio italiano portando la Panigale R per la prima volta davanti a tutti!

    Ed è proprio Davies che in avvio di gara gira per primo, prendendo subito il comando. Rea infila Haslam con decisione. Leon prova a resistere, ma deve stare dietro. Sykes si accoda al trenino inglese, in quarta piazza, controllato dagli spagnoli Fores e Torres. Carico, Van Der Mark si prende la settima piazza, in lotta con Badovini. Fuori dalla top ten Guintoli viaggia poco convinto.

    Il ritmo si alza velocemente, costringendo i piloti a spingere forte, con una temperatura dell'asfalto molto più calda rispetto a gara1. Situazione che tradisce Sykes, che apre troppo presto in uscita di curva e viene lanciato dalla sua Kawasaki. Un brutto highside ma Tom esce dalla via di fuga con le sue gambe. Poco dopo anche Guintoli finisce a terra all'ingresso della chicane stretta.

    Dietro va in scena un Badovini show, che trova e difende la sesta piazza, gestendo gli attacchi di Van Der Mark e Salom. E suda freddo anche Rea, che vede Haslam farsi sotto pericolosamente. Jonathan non è al 100% fisicamente e le temperature appunto non lo aiutano. Gradi extra che invece sembrano far lavorare molto meglio la ciclistica della RSV4, che a 8 giri dal termine mette la ZX-10R nel mirino. E' un tira-molla tra Jonathan e Leon, mentre Davies tiene saldamente il comando con +3.5 di vantaggio. Grandi sportellate ancora tra Badovini e Van Der Mark, con l'italiano sulla BMW che difende con i denti la sesta piazza, ma poi sbaglia e si riaccoda al gruppetto. Mercado scavalca Salom alle loro spalle e - all'ultima curva - i due beffano Van Der Mark, relegandolo all'ottavo posto. 

    Cavalcata finale e trionfale per la Panigale R che con Davies torna alla vittoria. Rivincita netta di Chaz su Rea, dopo la volata di gara1. Jonathan però si consola con un ottimo secondo posto, tenendo dietro Haslam e allungando in classifica mondiale. Ma il prossimo weekend c'è già Assen che li aspetta... 

    LE VOSTRE DOMANDE DURANTE LA DIRETTA TV A #SBKSPORTMEDIASET
    ARAGON, GARA 2: ORDINE DI ARRIVO

    DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

    SBK: Ducati torna a vincere. Adesso può sognare il titolo?

    TAGS:
    SBK
    Aragon
    Gara
    Kawasaki
    Aprilia
    Ducati
    Honda
    Suzuki

    Invia un commento

    Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

    Registrazione Login X

    Invia commento

    Ciao

    Esci Disclaimer

    I vostri messaggi

    Regole per i commenti

    I commenti in questa pagina vengono controllati

    Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


    In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

    - Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

    - Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

    - Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

    - Più in generale violino i diritti di terzi

    - Promuovano attività illegali

    - Promuovano prodotti o servizi commerciali

    X