Superbike, Giugliano e Ducati svettano a Jerez

L'ultima giornata dei test si è chiusa con un giro record del romano

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

ALBERTO PORTA

Giugliano e Davies

L’ultima ora dell’ultimo giorno dell’ultimo test Superbike a Jerez si è trasformata in una bellissima caccia alla pole, peccato che non ci fosse pubblico a godersela. Tutti in pista con le gomme da qualifica, tutti all’attacco del cronometro in condizioni praticamente perfette. E il record della pista è inevitabilmente crollato. In cima alla lista uno strepitoso Davide Giugliano, che alla fine di una giornata molto complicata, due motori rotti e una scivolata, ha mangiato l’asfalto spagnolo con la sua Ducati Panigale in 1'39"32, un tempo pazzesco. Niente da fare per lo specialista Tom Sykes, uno che con le pole di carriera ha riempito un armadio, e l’altro della Kawasaki Jonathan Rea. Poi Chaz Davies, il secondo ducatista che ha passato anche lui i suoi guai con motore arrosto e assaggio dell’asfalto andaluso.

Segno che la rossa e la verdona giapponese, entrambe nere nel vestito da test, sono le moto da riferimento a meno di un mese dal via di Phillip Island. Certo non è da sottovalutare l’Aprilia, cresciuta molto con Leon Haslam, mentre è risultato prezioso il lavoro svolto come collaudatore da Max Biaggi. Lampi Suzuki da Alex Lowes, soprattutto nel giro secco, mentre Randy De Puniet ha mostrato qualche limite, stendendosi due volte quando c’era da forzare il ritmo. Orfana di Sylvain Guintoli, la Honda si è difesa bene con il debuttante Michael Van der Mark, ovviamente a corto di esperienza essendo debuttante ma già molto veloce. Qualche passo indietro rispetto alla prima giornata per la BMW, con Sylvain Barrier un po’ in difficoltà quando si è trattato di intraprendere nuove strade nella messa a punto. La sostanza comunque non manca. Buono il lavoro dei due team Ducati privati, Althea con Nico Terol e Matteo Baiocco, e Barni con il vincitore della Stock 1000 2014 Leandro Mercado. David Salom, con la Kawasaki del team di Lucio Pedercini, non disponeva ancora del motore 2015 che gli verrà fornito solo in Australia, non sono mancati comunque buoni riferimenti. Le squadre ufficiali hanno ovviamente un altro passo, ma la prima sensazione è che nel 2015 i privati, soprattutto quando riceveranno gli aggiornamenti elettronici che le case dovranno obbligatoriamente fornire, potranno togliersi belle soddisfazioni.

I TEMPI DELLA GIORNATA

1 Giugliano (Ducati) 1'39"32
2 Sykes (Kawasaki) 1'39"69
3 Rea (Kawasaki) 1'39"74
4 Davies (Ducati) 1'40"06
5 Haslam (Aprilia) 1'40"06
6 Lowes (Suzuki) 1'40"15
7 Vd Mark (Honda) 1'40"59
8 Terol (Ducati) 1'40"76
9 De Puniet (Suzuki) 1'40"97
10 Baiocco (Ducati) 1'41"41
Max Biaggi (Aprilia) 1'41"8 con gomme da gara

I VOSTRI COMMENTI

meteor02 - 28/01/15

forse vedremo la prima vittoria della panigale dalla sua presentazione e per far vincere questa moto han penalizzato le altre case costringendole a ritiri ufficiali e pesanti lamentele, possibile che la moto campione del mondo si sia ritirata e dia solo un supporto al team? possibile che la moto che è arrivata seconda in campionato debba lamentarsi dei cambi di regolamento a favore della casa tedesca? ktm kava stanno preparando una mgp e suzu e aprilia sono in mgp. la wsbk mono marca no..

segnala un abuso

rossonerisiamnoi - 28/01/15

Speriamo che Ducati e Giuliano confermino quanto di buono si è visto

segnala un abuso

Paperinik649 - 27/01/15

Un tempone quello di giugliano xD

Se in gara rimane freddo e lucido può togliersi e darci molte soddisfazioni!

segnala un abuso

curricurri64 - 27/01/15

quest anno spero ke esploda il talento del bandito.
seguo questo ragazzo fin dagli esordi,sono convinto ke se riesce a gestire la gara ne farà delle belle.

segnala un abuso

curricurri64 - 27/01/15

danno x certo la partecipazione di 2 gp di max biaggi.
speriamo ke nn sia la solita pubblicità x creare interesse x la categoria.

segnala un abuso

curricurri64 - 27/01/15

doc,la ducati deve vincere xkè hanno provato tutti gli assetti e hanno la moto più costosa...
il tuo ragionamento nn fa una piega.....la sai lunga.w rossi va.

segnala un abuso

DocDocAvanti - 27/01/15

Dai che a forza di cambiare setting a ruota continua gli ingegneri della rossa oramai hanno collaudato ogni variante di setting possibile. Non possono fallire quest'anno, altrimenti la 1299 con quel prezzo non se la compra nessuno.

segnala un abuso