Superbike, a Losail il duello finale Sykes-Guintoli

Solo 12 punti dividono i due pretendenti al titolo, Melandri e Baz pronti ad aiutarli

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Guintoli, Melandri e Sykes

Ancora pochi giorni e la Superbike avrà il suo campione del mondo. Se nuovo o riconfermato dipenderà dall'esito della gara di Losail, dove Tom Sykes e Sylvain Guintoli arrivano separati da soli 12 punti. L'inglese, leader della classifica e iridato in carica, non potrà permettersi passi falsi, mentre il francese dell'Aprilia dovrà per forza arrivare davanti alla Kawasaki numero 1, magari con l'aiuto di Melandri, che dopo lo "sgarbo" di Magny Cours, si è detto pronto a fare da scudiero al compagno di team. 

Sykes, invece, potrà contare sulla collaborazione di Baz. Quello che è certo è che sotto i riflettori del Qatar sarà grande battaglia. "C'è molto in gioco - ha ammesso Sykes - , ma penso solo a comportarmi come in ogni altro weekend. Alla fine, però, siamo noi quelli in vantaggio e dovremo sfruttare al massimo questa situazione. Per il terzo anno sono nella fortunata posizione di poter combattere per il campionato e per questo dovremo solo vedere cosa si può fare in gara". Anche Guintoli, comunque, si dice ottimista: "L'ultima volta che sono stato in Qatar ho vinto la 8 Ore di Doha e il mio team ha vinto il Mondiale Endurance, nel 2010. Amo questa pista e si adatterà alla RSV4 come un guanto. Sono eccitato in vista del weekend e concentrato sul nostro obiettivo. Ho lavorato duro e, da Laguna Seca, abbiamo recuperato il nostro svantaggio passando da 44 a 12 punti. Sykes si sta difendendo bene ma ora siamo davvero molto vicini". Il tutto mentre Marco Melandri sembra giurare fedeltà all'Aprilia più che a Guintoli... "Ho voglia di continuare la mia striscia positiva di risultati e di aiutare Aprilia a conquistare il Mondiale costruttori", ha spiegato.

TAGS:
Superbike
Sykes
Guintoli
Losail
Qatar
Aprilia
Kawasaki

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento