Superbike, GP Francia: Giugliano comanda le seconde libere

Il pilota delle Ducati ha realizzato il miglior tempo nella seconda sessione a Magny-Cours. Quinto Melandri, sesto Sykes

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Davide Giugliano ha realizzato il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Francia, undicesima prova del Mondiale 2014 di Superbike. Il centauro del team ufficiale Ducati ha fermato il cronometro sul tempo di 1'37"866 (unico sotto il muro dell'1'38"), precedendo la Suzuki di Laverty (+0.272) e l'Aprilia di Guintoli (+0.286), leader al mattino. Quarto Rea (Honda) che ha preceduto Melandri e il leader del mondiale Sykes.

Ottime indicazioni dunque per la Ducati che ha chiuso la giornata davanti a tutti sul circuito di Magny-Cours grazie a Davide Giugliano, unico a sfondare il muro dell'1'37". Marco Melandri, dopo la doppietta di Jerez e il terzo miglior tempo nelle prime prove libere, ha chiuso con il quinto crono nel pomeriggio, a quasi sei decimi da Giugliano. Chiudono la top ten Loris Baz con la Kawasaki, Chaz Davis con l'altra Ducati ufficiale, Lowes con la Suzuki e Haslam con l'altra Honda ufficiale.

Indietro gli altri italiani: 14esimo Canepa, 17esimo Lanzi, 21esimo Corti e 22esimo Andreozzi. Sabato il programma prevede terze libere alle 9.45, quarte libere alle 12.30 e alle 15.00 la Superpole.

LA CLASSIFICA COMBINATA DELLE LIBERE

1. Giugliano (Ducati) 1'37.866 media 162.259 km/h; 2. Laverty (Suzuki) 1'38.138; 3. Guintoli (Aprilia) 1'38.152; 4. Rea (Honda) 1'38.157; 5. Melandri (Aprilia) 1'38.451; 6. Sykes (Kawasaki) 1'38.518; 7. Baz (Kawasaki) 1'38.647; 8. Davies (Ducati) 1'38.747; 9. Lowes (Suzuki) 1'38.888; 10. Haslam (Honda) 1'39.040; 11. Fores (Ducati) 1'39.265; 12. Neukirchner (Ducati) 1'39.308; 13. Elias (Aprilia) 1'39.439; 14. Canepa (Ducati) 1'39.548; 15. Salom (Kawasaki) 1'40.022; 16. Barrier (BMW) 1'40.170; 17. Lanzi (Ducati) 1'40.256; 18. Morais (Kawasaki) 1'40.677; 19. Corti (MV Agusta) 1'40.924; 20. Foret (Kawasaki) 1'40.961; 21. Guarnoni (Kawasaki) 1'41.217; 22. Andreozzi (Kawasaki) 1'41.647; 23. Staring (Kawasaki) 1'41.980; 24. May (EBR) 1'42.701; 25. Rizmayer (BMW) 1'43.023; 26. Toth (BMW) 1'43.432; 27. Yates (EBR) 1'43.590; NC. Salchaud (MV Agusta) 1'45.484

TAGS:
Superbike
Magny Cours
Melandri
Sykes

I VOSTRI COMMENTI

robi440 - 03/10/14

kappa2 Secondo me i presupposti perchè cio' accada,ci sono...Melandri ha vinto cmq 5 o 6 gare,ha dimostrato di essere velocissimo anche con l'Aprilia e di essere il numero uno del team....ormai è tagliato fuori dal titolo e...ha gia' rinnovato per il prox annno. Per contro bisogna vedere se Marco,intimamente, ha "voglia" di vedere il compagno far vincere all' Aprilia il primo titolo dopo Max...

segnala un abuso

kappa2 - 03/10/14

L'Aprilia DEVE dare l'ordine di scuderia,il mondiale è troppo importante e perderlo perché "i titoli vanno vinti da soli"senza aiuti dal compagno è incomprensibile...già a Jerez non l'hanno dato quando invece dovevano...servivano quei 10 pt a Guintoli per avvicinarsi a Sykes,quindi mi aspetto che Aprilia dica a Melandri di starsi dietro

segnala un abuso

robi440 - 03/10/14

Sono curioso di vedere se l'Aprilia dara' ordini di scuderia ....

segnala un abuso