Superbike: Jonathan Rea trionfa nel diluvio di gara2 a Portimao

Le Ducati di Giugliano e Davies sul podio. Pasticcio in casa Aprilia, con Guintoli che abbatte Melandri durante la lotta per il podio. Male Sykes, solo 8°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Jonathan Rea (Honda) torna il successo, dominando con coraggio la gara 2 di Portimao, corsa sotto il diluvio. Sul podio le Ducati di Giugliano e Davies, al traguardo davanti a Lowes (Suzuki), Haslam (Honda) e Baz (Kawasaki). Pasticcio di Guintoli (Aprilia), 7° dopo la scivolata che ha coinvolto anche Melandri (Aprilia), ritirato. Solo 8° Sykes (Kawasaki), che però resta leader del mondiale con 284 punti, proprio davanti a Guintoli (241).

Gara ridotta a 18 giri a causa della pioggia battente. L'acqua sull'asfalto portoghese è davvero abbondante e al passaggio delle moto si alzano nuvoloni d'acqua importanti, che rendono difficile la visibilità dei piloti. Ma sotto il semaforo parte come una molla Rea, che si porta subito al comando della corsa, seguito da Sykes e Davies. Si accodano le Aprilia di Melandri e Guintoli, marcate da Baz, Haslam e Giugliano.

Dopo i primi adrenalinici passaggi è Melandri che sferra l'attacco su Davies, innescando un bel testa a testa tra Aprilia e Ducati, in cui Guintoli non ha intenzione di fare lo spettatore. Ne esce una bagarre ricca di tentativi, azzardi e dritti, da parte dei due ragazzi con le RSV4, con Chaz bravo a resistere. Finché Sylvain non si butta dentro, prendendosi già qualche rischio, ma anche il terzo posto. Imitato poi da Marco, che però fa più fatica a completare la manovra, restando davanti solo dopo un'impegnativa serie di curve. Intanto al comando Rea viaggia come un motoscafo, girando mediamente 1 secondo più veloce di Sykes che è il diretto inseguitore. Tom, che si ritrova in un attimo nel mirino delle Aprilia, proprio quando Melandri riesce anche sopravanzare Guintoli, salendo virtualmente sul podio. Alle loro spalle Giugliano trova il guizzo per infilare Davies, mentre pasticcia Haslam che finisce largo. Non piace invece l'acqua a Baz, che naviga in ottava piazza in compagnia di Lowes.

Tutto questo quando si avvicina la metà gara e Melandri si attacca alla coda di Sykes: senza indugi lo infila con grande decisione. Ma alle spalle della Kawasaki arriva anche Guintoli, che a sua volta passa l'inglese senza fatica. Il 33 di Melandri fa surf tra le pozzanghere di Portimao, girando più veloce di tutti e andando a cercare la Honda di Rea, davanti per +3". La cavalcata del ravennate è furibonda e funziona anche da traino per Guintoli, in un tandem d'assalto verso la vetta. Dietro Giugliano si prende la quarta piazza, passando anche lui Sykes, in crisi, che resta a vedersela con un ritrovato Haslam.

Quattro giri al termine e, nel diluvio, Melandri prende la scia della Honda di Rea, ma non affonda il colpo subito sul rettilineo. Troppa acqua e Marco prepara con calma l'attacco. Ignaro della sconsideratezza del compagno di box, che invece s'infila nel momento e nel modo sbagliato, firmando un epico strike. Un erroraccio che butta al vento il podio Aprilia. Sylvain prova a ripartire e rientra 8°, mentre Marco esce a piedi dalla pista, dopo essere stato leggermente colpito dalle due RSV4.

Una situazione che apre la porta a Giugliano, promosso sul podio, dietro a Rea e davanti a Sykes. Ma Tom sul bagnato oggi proprio non va e Haslam torna a farsi sotto, sfilandogli la terza piazza. Cosa che fanno progressivamente anche Lowes e Davies. Sykes è così 6°, marcato pure da Baz e Guintoli. E' quiondi un finale tirato, che non perdona il leader della classifica iridata, ripreso e passato, fin giù all'ottava piazza.

Trionfa invece Rea, fiero come un hovercraft, con le Ducati di Giugliano e Davies che festeggiano un podio meritato per costanza. Guintoli limita i danni - i suoi - chiudendo 7°, ma restando 2° nel mondiale. Degna di nota, infine, la volata con cui Badovini batte Laverty privandolo del 9° posto. Peccato che la Bimota EVO sia ancora "fuori classifica" in attesa dell'omologazione, si spera imminente.

PORTIMAO - RISULTATI GARA2

1. Rea (Honda) 18 giri/82.656 km in 34'55.154 media 142.024 km/h; 2. Giugliano (Ducati) 6.817; 3. Davies (Ducati) 8.676; 4. Lowes (Suzuki) 9.740; 5. Haslam (Honda) 11.289; 6. Baz (Kawasaki) 11.808; 7. Guintoli (Aprilia) 14.169; 8. Sykes (Kawasaki) 17.164; 9. Laverty (Suzuki) 26.406; 10. Elias (Aprilia) 30.168; 11. Barrier (BMW) 41.820; 12. Morais (Kawasaki) 47.434; 13. Guarnoni (Kawasaki) 50.045; 14. Staring (Kawasaki) 1'17.436; 15. Russo (Kawasaki) 1'24.500; 16. Andreozzi (Kawasaki) 1'30.563; 17. Salom (Kawasaki) 1'34.242; 18. Canepa (Ducati) 1'34.647; 19. Rizmayer (BMW) 1'47.422; RT. Melandri (Aprilia); RT. May (EBR); RT. Yates (EBR); NS. Sebestyen (BMW); SH. Badovini (Bimota) 26.263; SH. Iddon (Bimota) 33.831.

DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

SBK: come giudicate il contatto tra le Aprilia di Melandri e Guintoli?

TAGS:
Kawasaki
Pioggia
Sykes
Guintoli
Melandri
Aprilia
Baz
Gara2
Portimao
Rea
Honda
Ducati

I VOSTRI COMMENTI

Mr SBK - 10/07/14

Sicuramente merito a chi la guidava quell'Aprilia e a chi l'ha sviluppata, nella fattispecie Max Biaggi.

Però immagini come quella di Phillip Island erano veramente imbarazzanti.

Per spezzare una lancia per Melandri, Guintoli sta facendo peggio dello scorso anno, segno e conferma che perdere Dall'Igna è stato un brutto colpo.

segnala un abuso

ROBERTO RSM - 10/07/14

Che l'Aprilia fosse un prototipo lo disse Genesio Bevilacqua (allora manager di Ducati) non Melandri....avete fatto un po' di confusione....

segnala un abuso

maxeem - 10/07/14

Mr SBK che l'aprilia avesse una motogp invece di una sbk lo ha detto anche melandri che però sta concludendo poco... la realta che bisogna dare merito anche ai piloti che le guidano...

segnala un abuso

Mr SBK - 10/07/14

Sarebbe un peccato perdere un nome così e soprattutto un mar hio italiano in quello che è sempre stato un mondiale prevalentemente italiano

segnala un abuso

Mr SBK - 10/07/14

Poi, il fatto che Aprilia inspiegabilmente conti poco nelle decisioni da fastidio per principio.

Però ha ragone anche Paul smart che dice che in ogni caso una riga bisogna tirarla e le case devono adeguarsi al compromesso.

Aprilia riuscirebbe lo stesso ad essere competitiva, sicuramente.

Se però fanno gli offesi o cercano un pretesto per chiudere la SBK e concentrarsi sulla GP facendo passare che sono stati cacciati è un altro discorso.

segnala un abuso

Mr SBK - 10/07/14

Se ti riferisci a quella in cui dice che storicamente ad Aprilia è stato tolto mentre agli viene concesso ci sarebbero da fare alcune considerazioni.

Ad Aprilia era stata concessa la cascata di ingranaggi quando di serie aveva la catena.
Ad Aprilia è stato concesso di fare una MotoGP, con tanto di telaio regolabile, e schierarla in SBK.

Prima o poi era logico che questi "vantaggi" venissero tolti, dato che ha dominato tecnicamente gli ultimi mondiali

segnala un abuso

meteor02 - 09/07/14

Mr SBK
sicurissimo a honda è stato concesso di utilizare il ride by wire quando ancora nn era disponibile nella versione stradale e nell intervista a Romano Albesiano è spiegato abb bene il perche probabilmente aprilia nn parteciperà al mondiale 2015 con un team uff.

segnala un abuso

Mr SBK - 08/07/14

DUCATI col progetto Panigale non è competitiva come dovrebbe e avrà nuovi "vantaggi". Se fossero troppi vedremo se il regolamento permetterà di correggere il bilanciamento o meno.

Meteor, sei sicuro che non c'è nessun kit Honda con il ride by wire? A me sembra di si

segnala un abuso

Mr SBK - 08/07/14

Il problema delle concessioni fatte a DUCATI dipende molto da come è strutturato il regolamemto.

Durante la gestione Flammini il regolamento era, per così dire, flessibile. Venivano fatti aggiustamenti per eliminare vantaggi che venivano concessi a uno o per ridurre la penalizzazione ad un altro, dato che equilibrare progetti così ndiversi è piuttosto complicato.

segnala un abuso